BIG KAISER: con Torque Fit massima precisione nel serraggio

BIG KAISER: con Torque Fit massima precisione nel serraggio

BIG KAISER, protagonista mondiale nella realizzazione di utensili e soluzioni per lavorazioni meccaniche di altissima qualità e precisione, in occasione di EMO 2017 ha presentato Torque Fit, un’unità di montaggio di portapinza dinamometrico con indicatore della coppia integrato.

Grazie a Torque Fit, effettuare il corretto serraggio del portapinza è davvero semplice; il sensore acustico integrato emette una notifica sonora quando viene immesso il parametro corretto della coppia, garantendo così lavorazioni ultra precise.

Torque Fit è stata sviluppata per evitare l’utilizzo di molteplici chiavi dinamometriche; è compatibile con tutti i principali attacchi in uso sulle macchine utensili, come HSK, SK e BT.

Giampaolo Roccatello, VP Sales di BIG KAISER

Per semplificare ulteriormente il processo del serraggio, sono presenti delle configurazioni preimpostate per tutti i portapinza prodotti da BIG KAISER. L’utente può, in ogni caso, impostare la coppia a qualsiasi valore compreso tra 4 e 80 Nm. Il valore minimo è 0,01 Nm a meno di 10 Nm, e 0,1 Nm a più di 10 Nm. Una luce LED segnala poi l’eccessivo serraggio della ghiera.

La precisione elevata è un requisito fondamentale per le macchine utensili”, commenta Giampaolo Roccatello, VP Sales di BIG KAISER. “Torque Fit rappresenta un piccolo ma indispensabile strumento che assicura la massima precisione con il minimo sforzo e dispendio di tempo. È senz’altro più conveniente fare affidamento su una sola Torque Fit che su svariate chiavi dinamometriche”.

Torque Fit è disponibile da subito.

L’articolo BIG KAISER: con Torque Fit massima precisione nel serraggio sembra essere il primo su Stampi.

Source: Stampi
BIG KAISER: con Torque Fit massima precisione nel serraggio

Condividi:

CNC Contest Randstad 2017 al TAC Siemens: Simon Familiari è il miglior tornitore italiano

CNC Contest Randstad 2017 al TAC Siemens: Simon Familiari è il miglior tornitore italiano

CNC Contest Randstad 2017: i tre vincitori

Simon Familiari, 19enne di Bollate, è il più abile tornitore italiano, autore della miglior prova nella finale nazionale del CNC Contest Randstad 2017. Sul podio sono saliti anche Halidou Bance, 22enne di Vicenza, in seconda posizione, e Stefano Di Gregori, 19enne di Pescara, in terza posizione.

È l’esito della finale del CNC Contest Randstad 2017, che presso il Centro Tecnologico Applicativo (TAC) Siemens di Piacenza, in via Lorenzo Beretti Landi 13, ha visto i migliori giovani tornitori di ogni territorio, selezionati nelle precedenti 16 tappe del campionato, sfidarsi in un esercizio di programmazione di una macchina a controllo numerico, utilizzando tre computer sui quali è stato installato il software di simulazione Siemens. Gli autori dei tre esercizi migliori, selezionati da una giuria tecnica, sono stati poi i protagonisti dell’ultima spettacolare prova del campionato. Abbandonati i simulatori, i tre giovani programmatori hanno dimostrato la loro abilità cimentandosi nella realizzazione di un autentico pezzo di tornitura con una vera macchina a controllo numerico.

Il CNC Contest Randstad 2017 è un’iniziativa promossa da Randstad Technical, la specialty dedicata alla ricerca, selezione e gestione delle risorse qualificate in ambito metalmeccanico, metallurgico ed elettrotecnico, di Randstad, secondo operatore mondiale nei servizi per le risorse umane, in collaborazione con Siemens che, con il suo ruolo di leader nel comparto, è partner tecnologico dell’iniziativa, dimostrando così ancora una volta la propria attenzione alla formazione di profili professionali più rispondenti alle esigenze del mercato del lavoro. L’iniziativa è inoltre patrocinata da Ucimu, l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot, automazione, e vede la partecipazione di Cnos-Fap.

Un tour in 16 tappe con partenza a Mantova e tappa conclusiva a Pescara, passando per Alessandria, Alba (CN), Montichiari (BS), Trento, Vicenza, Udine, Biella, Lecco, Reggio Emilia, Bologna, Forlì, Pesaro, Saronno (VA) e Treviglio (BG), che dal 16 ottobre al 17 novembre ha girato l’Italia alla ricerca dei campioni di tornitura di ogni territorio. Il CNC Contest Randstad 2017 nasce con l’obiettivo di accendere i riflettori su una figura professionale molto richiesta dalle imprese ma altrettanto difficile da reperire sul mercato con adeguate qualifiche ed esperienza, mettendo in contatto domanda e offerta di lavoro tra operai specializzati ed aziende alla ricerca di personale.

“Oltre 150 partecipanti si sono confrontati nelle sedici tappe di questa terza edizione del CNC Contest – afferma Donato Vece, Project Manager della Specialty Technical Randstad –, che ha dato vita a prove di alto livello in grado di far emergere davvero l’abilità dei migliori tornitori. Siamo molto soddisfatti dell’impegno, dell’entusiasmo e dell’abilità che questi promettenti programmatori hanno dimostrato in ogni fase della manifestazione. Il campionato è un’ottima opportunità per questi ragazzi di impressionare positivamente le imprese locali del comparto metalmeccanico e ritagliarsi il loro spazio nel mondo del lavoro. Sono già 57, infatti, i partecipanti a questo campionato che sono stati inseriti nelle imprese del settore”.

“E’ per sostenere lo sviluppo di figure professionali con competenze specifiche nella meccanica e nel software di programmazione, che Siemens ha confermato anche quest’anno la propria adesione al CNC Contest” ha dichiarato Nicodemo Megna, Responsabile del TAC di Piacenza di Siemens Italia. “E quale sede migliore per dimostrarlo, se non quella del Centro Tecnologico Applicativo di Piacenza, un centro dove coniugare didattica e pratica e per operare in un’industria manifatturiera del futuro a tutti gli effetti, con macchinari avanzati e gli strumenti necessari per testare soluzioni innovative e competitive nell’era della digitalizzazione. E’ sempre al TAC che Siemens offre anche la possibilità al mondo della scuola tecnica e professionale di avvicinarsi a quello dell’industria manifatturiera, allo scopo di supportare la formazione di profili professionali in linea con le esigenze del mercato del lavoro”.

La finale ha messo in luce sia le competenze di meccanica necessarie all’analisi della lavorazione sia quelle tecnico-informatiche utili all’inserimento dei corretti comandi di programmazione. I tre tornitori sul podio beneficeranno di un corso di formazione sulla programmazione di macchine a controllo numerico presso il TAC Siemens di Piacenza.

L’articolo CNC Contest Randstad 2017 al TAC Siemens: Simon Familiari è il miglior tornitore italiano sembra essere il primo su Stampi.

Source: Stampi
CNC Contest Randstad 2017 al TAC Siemens: Simon Familiari è il miglior tornitore italiano

Condividi:

Il numero di novembre de “Il Progettista Industriale” è online!

Il numero di novembre de “Il Progettista Industriale” è online!

Vi ricordiamo che il numero di novembre de Il progettista Industriale, dopo la distribuzione agli abbonati nel formato cartaceo, è online e scaricabile anche dalle app per iOs e Android (in fondo trovare le istruzioni per leggerlo). Se volete dare un’occhiata a tutti i numeri della rivista, per consultare il sommario e leggere le prime pagine che se non siete abbonati, potete andare subito qui.

Nel frattempo vi segnaliamo qualche contenuto che riteniamo possa essere di particolare interesse per i numerosi progettisti che seguono questa pagina, a partire dall’articolo di Francesco Chichi che, nella rubrica Sbagliando si impara, parla in dettaglio del danneggiamento da correnti parassite nei macchinari industriali. Nella sezione dedicata alla stampa 3D professionale, Riccardo Fioretto invece parla dei materiali sempre più performanti che sono messi a punto appositamente per la manifattura additiva, studiati per sfruttare al meglio le caratteristiche di ogni tecnologia di stampa 3D e ottimizzati per applicazioni che vanno dall’industria degli occhiali a quella aerospaziale. Da non perdere, secondo noi, anche l’approfondimento di Dario Braconi sui ruoli aziendali legati alla privacy in base al nuovo regolamento comunitario che verrà applicato dal prossimo maggio. Lisa Borreani invece scrive, nella sezione dedicata ai materiali, del grafene in sospensione liquida. Nella sezione Sviluppo prodotto, potrete leggere un contributo di Andrea Bacchetti e Massimo Zanardini sugli allievi ingengeri meccanici del Politecnico di Milano che nell’ultimo anno della laurea magistrale hanno affrontato il tema delle lavatrici, che dal dopoguerra ad oggi sono prodotte sulla base della stessa visione concettuale, cercando di rivisitare questi prodotti. Sono soltanto alcuni dei contributi  presenti in questo numero, che vi consigliamo a tutti i progettisti industriali di leggere a fondo.

PER SAPERNE DI PIÙ

Trovi il numero di novembre e tutti gli altri numeri de Il Progettista Industriale qui. Sfoglia gratuitamente le prime venti pagine di ogni rivista. Per leggerle tutte devi abbonarti. La versione digitale costa 40 euro all’anno (10 numeri), mentre quella cartacea costa 50 euro, compreso l’interessante libro di Tecniche Nuove sulla robotica collaborativa.

Preferisci acquistare un numero singolo da sfogliare su tablet o smartphone? Puoi scaricare gratuitamente l’App per dispositivi Apple o l’App per dispositivi Android. Pagherai solo 3,99 euro per ogni numero che deciderai di leggere.

L’articolo Il numero di novembre de “Il Progettista Industriale” è online! sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Il numero di novembre de “Il Progettista Industriale” è online!

Condividi:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi