Abrasivi per la lavorazione del metallo e applicazioni industriali 

Abrasivi per la lavorazione del metallo e applicazioni industriali 

EuroLamec No Comments
  Eurolamec News

Abrasivi per la lavorazione del metallo e applicazioni industriali 

I nuovi dischi agglomerati Silver di RS Components si basano su tecnologie avanzate, ideali per operazioni di taglio, smerigliatura e levigatura


RS Components (RS), distributore multicanale globale di prodotti di elettronica e manutenzione, ha inserito a catalogo la nuova serie 3M Silver di abrasivi agglomerati portatili, adatti per una vasta gamma di troncatrici e smerigliatrici utilizzate nella lavorazione del metallo. La nuova serie 3M Silver comprende dischi a centro depresso e da taglio.

Gli abrasivi sono indispensabili nella fabbricazione di prodotti in numerose applicazioni, tra cui lavorazione di metallo strutturale per edifici, ponti e infrastrutture nei settori petrolifero e gas, cantieristica ferroviaria e navale, costruzione di macchine e apparecchiature in genere, oltre a numerose applicazioni di taglio dei metalli.

I nuovi abrasivi Silver 3M abbinano l’uso della tecnologia PSG (Precision-Shaped Grain), che consente di tagliare il metallo più velocemente senza sviluppare calore, con una durata maggiore rispetto ai prodotti a grana tradizionale. Il materiale di lunga durata garantisce un taglio uniforme durante l’intero ciclo di vita. La serie Silver compensa l’usura del prodotto con il rendimento di taglio, permettendo a molti clienti di ridurre i costi per quelle applicazioni che non devono o non possono sfruttare al massimo gli incrementi di produttività garantiti dagli abrasivi di fascia alta
a marchio 3M, come il Cubitron II.

I dischi da sbavatura a centro depresso (DCGW) 3M rappresentano una nuova classe di abrasivi angolari. Sono la scelta ideale per applicazioni come la rimozione delle saldature, la cianfrinatura, la smussatura dei bordi e molte altre, con un taglio più veloce e una durata più lunga rispetto ai dischi in ossido di alluminio e in zirconio.

I dischi da taglio Silver 3M sono prodotti dalle prestazioni eccellenti, progettati per l’uso quotidiano, in grado di garantire un’azione di taglio rapida e uniforme su tutti i tipi di metallo ferrosi, acciai inox e leghe in acciaio.

L’offerta di RS per le regioni EMEA e Asia Pacifico comprende anche i dispositivi di protezione individuale (DPI) a marchio 3M, da utilizzare con i dischi abrasivi Silver, tra cui occhiali di sicurezza, guanti antitaglio, protezioni per l’udito, maschere facciali, respiratori, altri dispositivi come grembiuli e scarpe.

Source: Meccanica e Automazione
Abrasivi per la lavorazione del metallo e applicazioni industriali 

Condividi:

Unità di centraggio SMC per il risparmio di aria e spazio

EuroLamec No Comments
  Eurolamec News

Unità di centraggio SMC per il risparmio di aria e spazio

MACM aiuta ad allineare ed a posizionare carichi fino a 1.000 kg sulle linee di trasporto, utilizzando cilindri più piccoli per la movimentazione


La MACM è una nuova unità di centraggio SMC che aiuta ad allineare e a posizionare carichi pesanti in movimento, consentendo ai produttori di installare e gestire linee di trasporto più compatte.

I produttori che sono alla ricerca di soluzioni che contribuiscono a far risparmiare spazio ed energia, potranno prendere in considerazione la nuova unità di centraggio SMC. MACM aiuta ad allineare ed a posizionare carichi fino a 1.000 kg sulle linee di trasporto, utilizzando cilindri più piccoli per la movimentazione.

Ulteriori vantaggi dell’unità MACM si ottengono grazie alla sua flessibilità di utilizzo poiché può muoversi in qualsiasi direzione e ruotare i pezzi in trasferimento di 360°, mantenendo una precisione di centratura massima di ±1mm.

“Lo spazio e l’utilizzo dell’energia sono sfide chiave per i produttori e l’unità MACM è stata progettata per aiutare i nostri clienti a risparmiare in questi ambiti ed a gestire linee di trasporto più compatte ed efficienti” afferma Roberto Rubiliani Product Manager di SMC.

Tra le altre caratteristiche dell’unità MACM sono inclusi un meccanismo di bloccaggio pneumatico integrato e la possibilità di montare un fotosensore esterno per offrire un maggiore controllo durante il processo. Ulteriori vantaggi nell’utilizzo si ottengono con la scelta di tre materiali della tavola. Il campo di movimento del centro della tavola arriva fino a Ø 100 mm, rendendo l’unità
MACM ideale per impianti di automazione generale e movimentazione dei materiali.

Source: Meccanica e Automazione
Unità di centraggio SMC per il risparmio di aria e spazio

Condividi:

Telmotor e Velati collaborano per una nuova insaccatrice

EuroLamec No Comments
  Eurolamec News

Telmotor e Velati collaborano per una nuova insaccatrice

Telmotor, azienda con oltre 40 anni di esperienza nella fornitura di soluzioni e prodotti  di qualità per l’automazione industriale, consolida la partnership con Velati, specializzata dal 1867 nella progettazione di macchine che mantengano integre le qualità della carne e allo stesso tempo soddisfino determinati livelli di produttività. Una collaborazione che si rinnova grazie alla fornitura da parte di Telmotor delle migliori soluzioni firmate Siemens, perfettamente adatte allo sviluppo della nuova versione dell’insaccatrice SIXPI.

 Insaccatrice a pistoni multipli

L’insaccatrice a pistoni multipli SIXPI, completamente realizzata in acciaio inox, è perfetta per l’insacco di salumi da stagionare e/o cuocere di elevata qualità. Il macchinario, brevettato per la prima volta da Velati nel 1962, si costituisce di una parte rotante e da sei cilindri all’interno dei quali si muovono sei pistoni. L’esigenza primaria dell’azienda è stata quella di trovare una soluzione innovativa che permettesse di ottenere “precisone” mantenendo invariato un prodotto di qualità. La risposta è stata individuata, dal reparto tecnico di Telmotor, nella tecnologia di Motion Control di Siemens “Simotion”. Grazie allo studio di funzioni specifiche del Simotion, degli azionamenti Sinamics e dei motori Simotics di Siemens, è stato possibile ottenere una soluzione omogenea e di qualità elevata. Una soluzione che si completa con il pannello operatore Simatic Panel TP 1200 Comfort che permette di scegliere le ricette per il confezionamento dei più svariati formati. Ancora una volta Telmotor presenta un caso di successo, confermandosi non come semplice fornitore di prodotti, bensì come sviluppatore di soluzioni, capace di garantire al cliente un servizio e una consulenza a misura di esigenza per ogni contesto di applicazione.

 

L’articolo Telmotor e Velati collaborano per una nuova insaccatrice sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Telmotor e Velati collaborano per una nuova insaccatrice

Condividi:

Dal 18 giugno i corsi intensivi di Comsol sulla simulazione multifisica

EuroLamec No Comments
  Eurolamec News

Dal 18 giugno i corsi intensivi di Comsol sulla simulazione multifisica

Sono aperte le iscrizioni ai corsi intensivi Comsol dedicati alla simulazione multifisica, in programma presso la sede di Brescia nel mese di giugno 2018. La sessione include giornate introduttive al software accanto ad altre dedicate ad ambiti specifici, adatte anche a utenti già esperti. Sono previste esercitazioni pratiche per consolidare le proprie competenze di simulazione e imparare a sfruttare al meglio gli strumenti di simulazione offerti dal software Multiphysics. Tutti i partecipanti riceveranno gratuitamente una versione di prova del software della durata di due settimane.

Ecco il programma dei corsi:

18 giugno – Corso introduttivo a Comsol Multiphysics
Un’introduzione intensiva al flusso di lavoro e alle funzionalità fondamentali di COMSOL Multiphysics.

19 giugno – Analisi elettromagnetiche in bassa frequenza (AC/DC)
Simulare fenomeni elettromagnetici stazionari, transitori e in bassa frequenza, per applicazioni quali resistori, capacitori, induttori e bobine, motori, magneti e altre ancora.

19 giugno – Fluidodinamica computazionale (CFD)
Simulare fenomeni di fluidodinamica con Multiphysics e il CFD Module: flussi monofase (laminari e turbolenti), multifisici e multifase.

20 giugno – Analisi termiche
Simulare il trasferimento di calore con Multiphysics e l’Heat Transfer Module. Tra gli argomenti trattati: conduzione, convezione, irraggiamento e cambiamento di fase.

20 giugno – Analisi RF, microonde e fotonica
Modellare antenne, cavità risonanti, guide d’onda e linee di trasmissione, problemi di scattering, strutture periodiche e riscaldamento elettromagnetico.

21 giugno – Analisi strutturali
Eseguire analisi strutturali con COMSOL Multiphysics, lo Structural Mechanics Module e il Nonlinear Structural Materials Module.

21 giugno – Ottimizzazione con Comsol Multiphysics
Ottimizzare i propri modelli, con esempi pratici.

Per informazioni e per registrarsi basta un clic qui.

L’articolo Dal 18 giugno i corsi intensivi di Comsol sulla simulazione multifisica sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Dal 18 giugno i corsi intensivi di Comsol sulla simulazione multifisica

Condividi:

OnRobot: una nuova azienda per la robotica collaborativa

EuroLamec No Comments
  Eurolamec News

OnRobot: una nuova azienda per la robotica collaborativa

Enrico Krog Iversen, ex CEO di Universal Robots, la pionieristica azienda di robotica collaborativa diventata leader del settore, insieme al Danish Growth Fund, affronta la prossima sfida dell’automazione con la fusione di tre innovative società specializzate negli end effector, per agevolare la continua crescita della robotica collaborativa, un settore che dovrebbe raggiungere gli 8,5 miliardi di dollari di fatturato entro il 2025. La nuova società, che unisce l’azienda americana Perception Robotics,  l’ungherese OptoForce e On Robot, con sede in Danimarca, si chiamerà OnRobot e porterà innovazione e facilità d’uso nel settore degli end effector. La sede centrale di OnRobot sarà in Danimarca sotto la guida di Enrico Krog Iversen, ma le tre entità proseguiranno anche con le loro attività e gli sviluppi individuali. Inoltre, la rete globale di distributori OnRobot avrà accesso al supporto per le vendite locali, all’assistenza tecnica e alla formazione sui prodotti da parte degli uffici regionali della società in Germania, Cina, Stati Uniti, Malesia e Ungheria e altri ancora nel corso del 2018.

L’obiettivo è la leadership

“L’obiettivo è quello di costruire un’organizzazione leader a livello mondiale nello sviluppo e nella produzione di end effector. Attraverso ulteriori acquisizioni e collaborazioni, prevediamo di raggiungere un fatturato superiore ai cento milioni di dollari in pochi anni”, ha dichiarato Iversen e ha aggiunto: “I cobot sicuri, economici e versatili stanno diventando sempre più comuni perché sono in grado di offrire una programmazione sofisticata e intuitiva che consente loro di essere facilmente impiegati e reimpiegati. Gli end effector facili da integrare, come pinze e sensori, diventano elementi fondamentali per l’adattamento di questi potenti strumenti di automazione a una vasta gamma di applicazioni”. Nel 2015, Enrico Krog Iversen e The Danish Growth Fund hanno venduto la Universal Robots, azienda pionieristica nei robot collaborativi, alla statunitense Teradyne per 285 milioni di dollari. Con la loro nuova impresa, i due investitori ora rafforzano ulteriormente la posizione mondiale della Danimarca nel campo della robotica.

Danimarca, hub globale per la robotica

“Negli ultimi anni la Danimarca è riuscita ad affermarsi come hub globale per le tecnologie robotiche. Universal Robots è stato un pioniere e da allora sono nate molte altre aziende solide e innovative che hanno messo le loro radici a Odense, in Danimarca. La nuova OnRobot ha il potenziale per diventare non solo un’azienda leader a livello mondiale, ma anche un catalizzatore per l’ulteriore sviluppo del cluster danese della robotica. Siamo lieti di promuovere questa tendenza attraverso i nostri investimenti e invitiamo sia le società che gli investitori di tutto il mondo a unirsi a noi”, ha affermato Christian Motzfeldt, CEO del Danish Growth Fund. I robot collaborativi, che lavorano in sicurezza insieme agli umani in applicazioni quali imballaggio, test di qualità, movimentazione di materiali, asservimento macchine, assemblaggio e saldatura, attualmente rappresentano il 3% delle vendite globali di robot, secondo la Federazione Internazionale di Robotica, ma si prevede che la quota salirà al 34% di un mercato da 25 miliardi di dollari entro il 2025. “Questa crescita dipenderà sicuramente dal fatto che i cobot possono essere utilizzati in più applicazioni”, ha aggiunto Iversen.  “Il loro minimo ingombro e la capacità di lavorare in sicurezza insieme agli umani li rendono ideali per le aziende di piccole e medie dimensioni che devono competere a livello globale. I cobot sono inoltre sempre più integrati in aziende di grandi dimensioni come gli impianti automobilistici, dove stanno rilevando processi che non possono essere automatizzati utilizzando la robotica tradizionale. Con l’espansione dei tipi di applicazioni gestibili con i cobot, aumenta anche la necessità di nuovi strumenti che possano essere integrati rapidamente e facilmente nell’interfaccia utente dei cobot. La nuova OnRobot si trova in prima linea nell’attuale mega trend del campo dell’automazione. Mettere insieme le capacità uniche di queste tecnologie degli end effector sotto un’unica società guidata da alcune delle menti più brillanti del settore della robotica le renderà ancora più facili da implementare e programmare. A tal proposito, la nuova OnRobot sta attualmente cercando nuovo personale per il settore della Ricerca e Sviluppo.” conclude Iversen.

Aziende scelte per sinergie, facilità di integrazione, vision

Le tre società che costituiranno la nuova OnRobot sono state scelte per la possibilità di fare sinergia nelle tecnologie degli end effector, per la capacità di queste tecnologie di integrarsi facilmente per fornire un supporto migliore e infine per la vision a lungo termine e le competenze dei fondatori di ciascuna società.

  • On Robot, fondata nel 2015, fornisce pinze elettriche plug-and-play – RG2 e RG6 – che si montano direttamente sul braccio del robot: sono altamente flessibili e sono sufficientemente semplici da essere programmate e gestite dalla stessa interfaccia del robot senza la necessità dell’intervento di ingegneri.
  • OptoForce, fondata nel 2012, fornisce sensori forza/coppia che aggiungono il senso del tatto ai robot industriali in modo che possano automatizzare attività che altrimenti richiederebbero la destrezza della mano umana.
  • Perception Robotics, fondata nel 2012 e con sede a Los Angeles, sviluppa pinze con sensori tattili in gomma conformi (“a pelle”) per fornire ai robot il senso del tatto, dotando i sistemi di automazione di solide capacità di gestione dei materiali. Le sue prime pinze saranno disponibili quest’anno.

Alla fiera Automatica di giugno, OnRobot presenterà i primi prodotti completamente integrati con interfacce utente combinate che semplificano sia lo sviluppo che l’uso dei cobot.

Informazioni su OnRobot 

OnRobot, con sede a Odense, in Danimarca, offre tecnologie, sia hardware che software, utilizzate per gli end effector, principalmente per robot collaborativi (cobot). OnRobot nasce da On Robot, fondata nel 2015 da Bilge Jacob Christiansen ed Ebbe Overgaard Fuglsang. OnRobot integra pinze, sensori e altre apparecchiature dei cobot per facilitare l’uso della tecnologia in applicazioni come imballaggio, test di qualità, movimentazione materiali, asservimento macchine, assemblaggio e saldatura e sta progettando di acquisire e produrre tecnologie aggiuntive con un supporto a livello mondiale. Oltre alla sede centrale in Danimarca, OnRobot ora ha uffici di vendita affermati in Germania, Cina, Stati Uniti, Malesia e Ungheria. Per ulteriori informazioni accedere al sito www.onrobot.com.

Informazioni sul Danish Growth Fund

Il Danish Growth Fund è un fondo di investimento statale che contribuisce alla creazione di nuove società fornendo capitali e competenze. Dal 1992, il Danish Growth Fund insieme agli investitori privati ​​ha cofinanziato la crescita in oltre 7.300 aziende danesi con un impegno totale di oltre 22,5 miliardi di DKK. Il Danish Growth Fund investe in azioni e offre prestiti e garanzie per le piccole e medie imprese in collaborazione con partner privati ​​e istituzioni finanziarie danesi. Il Danish Growth Fund investe annualmente direttamente in circa 10 società.

 

L’articolo OnRobot: una nuova azienda per la robotica collaborativa sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
OnRobot: una nuova azienda per la robotica collaborativa

Condividi:

Elesa, una storia italiana lunga 76 anni 

EuroLamec No Comments
  Eurolamec News

Elesa, una storia italiana lunga 76 anni 

L’azienda presente all’inaugurazione della nuova sede dell’associazione italiana AIDAF che rappresenta le aziende familiari e al recente convegno nazionale


Fondata nel 1997, l’AIDAF, Associazione Italiana delle Aziende Familiari, nasce dalla consapevolezza della crescente rilevanza delle imprese familiari nel tessuto economico e sociale italiano e dalla volontà di creare un punto di riferimento unico, dove sviluppare un modello di impresa familiare sana e solida, perché fondata su valori imprenditoriali etici.

Tra le 180 aziende che fanno parte di AIDAF c’è anche Elesa, tra i soci fondatori della stessa, forte dei suoi 76 anni di storia a conduzione familiare. “La dimensione familiare della proprietà di Elesa costituisce un importante fattore competitivo – sostiene Carlo Bertani, Amministratore Delegato del GruppoQuando a guidare un’azienda è una famiglia, non si tende al profitto immediato, ma si guarda a lungo termine. Ciò ha per noi voluto dire, per esempio, puntare sempre e soltanto alla qualità. Del resto, ogni prodotto Elesa è marchiato con il nostro brand: ciò costituisce un sinonimo di garanzia per il cliente. La reputazione dell’azienda, nel caso di Elesa, si identifica anche con quella della famiglia.”

Una gestione che, nel corso degli anni, si è rivelata capace di promuovere in modo efficace lo sviluppo aziendale e di affrontare con successo le problematiche dovute all’andamento del mercato. “Quando la proprietà di un’azienda è di tipo familiare – continua Andrea Bertani, CFO e Consigliere Delegato del Gruppo – si riescono anche ad assumere più rapidamente le decisioni. Non è un caso che, anche nei periodi meno facili, come in occasione della crisi mondiale del 2009, la nostra famiglia abbia continuato a investire: nella qualità, nella ricerca e nell’innovazione dei processi e dei prodotti; nel servizio, ampliando la disponibilità a magazzino ed eliminando ogni barriera all’acquisto; nel personale, assumendo nuovi collaboratori e qualificando ulteriormente chi già lavorava con noi; nelle attività di marketing e nella partecipazione alle fiere”.

In Italia le imprese familiari rappresentano l’85% del totale delle aziende e, nel periodo 2011-2016, hanno incrementato l’occupazione del 15%, pari a circa 300 mila nuovi posti di lavoro, a conferma del loro ruolo strategico nella crescita e nello sviluppo dell’economia italiana.

AIDAF, che da più di vent’anni accompagna le imprese familiari nel loro sviluppo, ha recentemente inaugurato, in occasione della Design Week, IdeaLab, un nuovo spazio espositivo poliedrico e trasformabile, nel cuore del quartiere di Brera a Milano, su progetto dell’architetto Michele De Lucchi, con la presenza della Presidente Elena Zambon. Si tratta di un luogo al servizio delle imprese familiari, dove poter incontrarsi, esporre i propri prodotti, scambiare esperienze e idee in modo sinergico e proficuo per le generazioni future, mantenendo sempre viva la consapevolezza del ruolo fondamentale che queste realtà hanno nel contesto economico e sociale del Paese.

Siamo orgogliosi di far parte di AIDAF, insieme a numerose altre aziende di proprietà familiare che occupano un posto di rilievo nel panorama economico nazionale, con le quali condividiamo gli stessi valori e la stessa passione del fare impresa. La inaugurazione di IdeaLab, in particolare, rappresenta a nostro avviso una straordinaria opportunità per quanti, come Elesa, da sempre progettano e realizzano prodotti in cui la funzionalità e l’ergonomia si abbina al design. Una scelta che appartiene al patrimonio di know-how della nostra azienda e caratterizza l’eccellenza del made in Italy, anche in ambito manifatturiero” conclude Carlo Bertani.

Lavorare in un’impresa a conduzione familiare significa crescere ed evolversi, anche e soprattutto in chiave internazionale. Proprio per questo il tema della quattordicesima edizione del Convegno Nazionale delle Azienda Familiari 2018, alla quale Elesa ha preso parte, è stato “Time to ex-change” con approfondimenti sui temi dello sviluppo organizzativo, del rinnovamento e dell’internazionalizzazione.

Source: Meccanica e Automazione
Elesa, una storia italiana lunga 76 anni 

Condividi:

“Premium Supplier Circle”, ancora una volta Ensinger è tra i migliori

EuroLamec No Comments
  Eurolamec News

“Premium Supplier Circle”, ancora una volta Ensinger è tra i migliori

Per la quarta volta di seguito, Continental e Schaeffler, produttori a livello mondiale di componenti per l’automotive, hanno scelto Ensinger tra i loro “Premium Supplier”


Le due aziende da alcuni anni collaborano nella gestione del processo di supply chain selezionando un numero di Premium Supplier ai quali affidarsi. I 32 partner, compresa la Divisione Stampaggio a iniezione di Ensinger GmbH, vengono regolarmente nominati e scelti da Continental e Schaeffler ogni due anni nell’ambito di un gruppo di oltre 1.200 fornitori strategici provenienti da nove nazioni diverse.

La Divisione Stampaggio a iniezione di Ensinger svolge la sua attività nell’impianto produttivo di Rottenburg-Ergenzingen, nei pressi di Stoccarda. La Divisione è specializzata nella produzione di sofisticati componenti di precisione e particolari assemblati in materiali plastici ad elevate prestazioni quali poliimmide, PEEK, PPS, PAI, PVDF oltre che con compound personalizzati e additivati. Il principale campo applicativo è quello dell’automotive, seguito da tecnologia medicale, aerospaziale e ingegneria meccanica in genere.

Oltre a considerare le prestazioni dal punto di vista di qualità prodotto e di funzionalità logistica, nella selezione di Continental e Schaeffler vengono inoltre valutate la competitività globale e la capacità innovativa.

Come hanno spiegato i rispettivi manager, in futuro, l’automatizzazione delle funzioni di guida, l’aumento della digitalizzazione, l’elettrificazione e il miglioramento dell’offerta di servizio, determineranno l’incremento di requisiti insiti a livello qualitativo, di gestione del rischio e di collaborazione in network. I “Premium Suppliers” saranno quindi nella posizione ideale per rispondere in modo adeguato alla mutata domanda derivante dall’intera supply-chain.

Source: Meccanica e Automazione
“Premium Supplier Circle”, ancora una volta Ensinger è tra i migliori

Condividi:

igus, nuova lamina per scorrimenti lineari conformi FDA e UE 

EuroLamec No Comments
  Eurolamec News

igus, nuova lamina per scorrimenti lineari conformi FDA e UE 

igus amplia la sua offerta di lamine per cuscinetti lineari in plastica ad alte prestazioni conforme FDA e UE iglidur A160


I sistemi di guide lineari di igus presenti nelle macchine del settore bevande e alimenti garantiscono una regolazione precisa e rapida dell’impianto. Affinché le guide lineari possano scorrere senza lubrificanti, nelle slitte vengono utilizzate lamine di scorrimento esenti da manutenzione e resistenti all’usura. Proprio per i requisiti igienici del settore alimentare igus ora ha sviluppato una serie di lamine di scorrimento conformi FDA e UE in plastica ad alte prestazioni iglidur A160. Questa si contraddistingue in particolare per l’elevata durata d’esercizio su alberi in acciaio inox conformi FDA e UE ed idonei ad ambienti umidi.

Pulizia, assenza di lubrificazione e resistenza alla corrosione: il settore alimentare esige elementi integrati nelle macchine con questi requisiti. Perciò sempre più spesso vengono scelte soluzioni con materie plastiche esenti da manutenzione. I sistemi di guide lineari esenti da lubrificazione di igus, grazie alle loro prestazioni vengono già utilizzati in numerose applicazioni nel settore
alimentare e degli imballaggi, sia negli impianti di imbottigliamento di bevande sia nel settore della lavorazione delle bottiglie. Pertanto le lamine per scorrimenti lineari in materie plastiche ad alte prestazioni garantiscono una regolazione scorrevole e pulita. Specialmente per applicazioni nel settore alimentare gli utenti ora possono ricorrere a guide lineari particolarmente igieniche grazie ai nuovi cuscinetti lineari esenti da lubrificazione in iglidur A160. Il materiale blu è conforme alle norme FDA e al regolamento UE 10/2011 CE e quindi è ideale per le particolari esigenze del settore alimentare.

iglidur A160 ha una durata d’esercizio elevata e calcolabile online su alberi in acciaio inox, anche in ambienti umidi. La plastica ad alte prestazioni si contraddistingue anche per la sua elevata resistenza agli agenti chimici. Un ulteriore vantaggio: la lamina di scorrimento lineare è facile da pulire e da sostituire grazie alle scanalature integrate resistenti allo sporco. Il
nuovo componente per scorrimenti lineari è attualmente disponibile in otto dimensioni per tutte le guide lineari e le slitte drylin W nonché per tutte le guide lineari tonde drylin R.

Resistenza all’usura testata su alberi in acciaio inox. Nel laboratorio di prova aziendale da 2.750 metri quadrati igus ha testato la nuova lamina per scorrimenti lineari su diversi alberi in acciaio inox confrontandola con altri materiali igus quali iglidur J200, iglidur J, iglidur A180, iglidur E7 e iglidur X. iglidur J200 si contraddistingue come solido materiale standard su alberi in alluminio, mentre iglidur J è universale e si adatta a tutte le superfici degli alberi. Per gli utenti che impiegano sistemi lineari drylin con alberi in acciaio iglidur E7 è il materiale più idoneo, mentre iglidur X si presta soprattutto in applicazioni che richiedono un’elevata resistenza alle temperature e alle sostanze chimiche. La prova di usura ha nettamente dimostrato che la nuova lamina in iglidur A160 presenta valori di usura migliori su diversi alberi in acciaio inox. Pertanto la nuova lamina lineare si presta come partner di scorrimento ottimale per guide lineari in acciaio inox,  utilizzate nel settore alimentare.

Source: Meccanica e Automazione
igus, nuova lamina per scorrimenti lineari conformi FDA e UE 

Condividi:

È il momento di pensare a MecSpe 2019

EuroLamec No Comments
  Eurolamec News

È il momento di pensare a MecSpe 2019

Diamo il via a MECSPE 2019!
SONO APERTE LE ISCRIZIONI!
FIERE DI PARMA 28 – 30 MARZO 2019

L’appuntamento con Mecspe torna a Parma dal 28 al 30 marzo 2019, dopo aver chiuso l’edizione 2018 con la registrazione di 53.442 operatori professionali (+17% rispetto all’edizione 2017), confermando così la propria centralità nel panorama fieristico dedicato al comparto manifatturiero.

I NUMERI DI UNA CRESCITA COSTANTE:

_________________________________________________________________________
Seguici su:        
_________________________________________________________________________

L’articolo È il momento di pensare a MecSpe 2019 sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
È il momento di pensare a MecSpe 2019

Condividi:

Asportazione del truciolo: lavorazioni e componenti

EuroLamec No Comments
  Eurolamec News

Asportazione del truciolo: lavorazioni e componenti

Le diverse tipologie di lavorazione per asportazione del truciolo si possono ottenere con macchine utensili precise, flessibili e dai requisiti costruttivi ben definiti. Il grado di automazione dei macchinari e le modalità di taglio distinguono i diversi tipi di lavorazione, ma in tutti i casi la corretta scelta degli accoppiamenti cinematici in fase di progettazione e dei migliori componenti in fase di realizzazione, sono di grande importanza.

Nel settore delle macchine utensili per le lavorazioni ad asportazione di truciolo R+W, azienda leader nella produzione di giunti e alberi di trasmissione, fornisce una gamma completa di soluzioni per tutte le esigenze di trasmissione e limitazione della coppia, quali: giunti a soffietto metallico della serie BK, giunti ad elastomero della serie EK, limitatori di coppia della serie SK e giunti con allunga della serie ZA – EZ.

Source: Meccanica e Automazione
Asportazione del truciolo: lavorazioni e componenti

Condividi: