NX Siemens, nuovi strumenti per l’industria digitale

NX Siemens, nuovi strumenti per l’industria digitale

La nuova versione del software NX™ di Siemens integra l’ultima generazione di strumenti per l’additive manufacturing, lavorazioni a controllo numerico (CNC), robotica e controllo di qualità per favorire la digitalizzazione della produzione di pezzi all’interno di un unico sistema completo e integrato. Funzionalità di automazione avanzate per il CAM, fra le quali programmazione di robot, fresatura adattiva e progettazione di attrezzature, mettono a disposizione tecnologie innovative per settori specifici grazie alle quali le aziende possono portare sul mercato prodotti di alta qualità in tempi più rapidi. Il nuovo strumento NX Machining Line Planner, integrato a NX CAM per la lavorazione basata su feature, offre nuove funzionalità per i settori che producono parti complesse in grandi volumi, ad esempio l’industria automobilistica e dei macchinari. La nuova versione di NX continua a supportare soluzioni complete per l’Additive Manufacturing, aiutando le aziende manifatturiere a sfruttare la stampa 3D per produzioni industriali.

Queste aziende sono soggette a pressioni sempre maggiori generate dalla continua evoluzione delle aspettative del mercato, con clienti che chiedono sempre più precisione e tempi di risposta rapidi. Per restare competitivi, molti produttori guardano alla digitalizzazione per collegare tutte le fasi del processo di pianificazione e produzione dei pezzi a un’unica fonte di informazioni, realizzando il cosiddetto “digital thread”. Implementando una strategia digitale, aziende manifatturiere di tutte le dimensioni possono sfruttare meglio i vantaggi dell’automazione, adottare la stampa 3D in produzione e, in ultima analisi, accedere a nuove opportunità di mercato e ridurre i tempi di consegna.

“Per sviluppare l’attività ed espandersi in mercati competitivi come l’aerospaziale e i semiconduttori, le officine meccaniche devono offrire capacità di additive manufacturing unite a una catena di processo altamente automatizzata che collega digitalmente progettazione, preparazione alla stampa 3D, programmazione dei controlli numerici e controllo di qualità alla produzione,” spiega Christoph Hauck, direttore generale per le nuove tecnologie e i nuovi mercati di MBFZ Toolcraft GmbH, fra i primi ad adottare la tecnologia di additive manufacturing di Siemens. “Siemens offre tutte queste capacità in un unico sistema completo e integrato per la produzione di parti. In questo modo possiamo collegare ogni fase della nostra catena di processo digitale, ottenendo il pieno controllo dei processi critici, un flusso di dati associativi e la tracciabilità dei dati stessi, tutti fattori importanti per i nostri clienti.”

Le migliore nell’ambito dell’automazione introdotte dalla nuova versione di NX consentono di aumentare l’efficienza in produzione e ridurre i costi. La tecnologia di programmazione robotica offre la capacità di automatizzare intere celle di lavorazione, inclusa la programmazione dei robot per eseguire lavorazioni meccaniche e pick-and- place. La fresatura adattiva e la fresatura tubolare sono nuove funzionalità innovative per automatizzare la programmazione delle macchine CNC e ridurre i tempi di taglio. La prima è un metodo di taglio ad alta velocità che sfrutta le capacità di automazione di NX per ridurre i tempi ciclo del 60 percento, prolungando nel contempo la durata dell’utensile. La seconda snellisce il processo di programmazione di macchine a cinque assi eliminando la fase di preparazione e riducendo al minimo l’inserimento di dati, grazie a funzionalità avanzate che generano percorsi utensile ideali e abbattono gli errori di lavorazione in fabbrica.

I costruttori di stampi possono ora calcolare automaticamente in modo preciso i costi di produzione delle attrezzature grazie all’integrazione diretta fra NX e il portafoglio Teamcenter ® . Con NX gli ingegneri possono riconoscere automaticamente feature e parametri delle parti desiderate e fornire a Teamcenter informazioni pertinenti per calcolare l’esatto costo delle attrezzature. Queste funzionalità integrate delle soluzioni software di Siemens per la gestione del ciclo di vita dei prodotti (PLM) aiutano i costruttori di attrezzature ad acquisire più commesse e ad aumentare i margini di profitto grazie al calcolo automatizzato dei costi e a preventivi precisi.

Fra le novità di questa versione, NX Machining Line Planner, unito a NX CAM, consente il riconoscimento di feature, la distribuzione, il bilanciamento, la programmazione e la simulazione delle lavorazioni su molteplici macchine in diverse configurazioni. Particolarmente utile per i settori che devono produrre grandi quantità di pezzi con molte feature, NX Machining Line Planner sfrutta un gemello digitale dell’intera linea di lavorazione e la tecnologia di lavorazione basata su feature di NX CAM per ottimizzare l’intero processo. NX Machining Line Planner, unito alla potenza del gemello digitale, offre una soluzione realmente unica che consente ai costruttori di autoveicoli e macchinari di ridurre i tempi di pianificazione e migliorare i risultati complessivi della produzione. La nuova versione potenzia le soluzioni di additive manufacturing di NX con l’aggiunta del nuovo modulo NX AM for HP Multi Jet Fusion, certificato da HP e basato sulla tecnologia di Materialise, che consente di preparare i lavori per la stampa in 3D su HP Jet Fusion 4200. Con questo modulo software di NX i clienti potranno sviluppare e gestire parti in un unico ambiente software per le soluzioni di stampa Multi Jet Fusion, evitare conversioni di dati lunghe e dispendiose e il ricorso a strumenti di terze parti, e aumentare l’efficienza del flusso di lavoro dalla
progettazione alla parte finita. Inoltre, Siemens sviluppa applicativi per la simulazione del processo di additive manufacturing con Simcenter 3D, uno strumento fondamentale per industrializzare l’additive manufacturing grazie alla stampa di componenti corretti al primo tentativo. Questi applicativi di simulazione sono parte integrante della soluzione completa di Siemens per l’additive manufacturing.

“Le tecnologie evolutive come l’additive manufacturing e la robotica avanzata offrono un enorme potenziale alle aziende manifatturiere di tutte le dimensioni, aiutandole a ottenere un vantaggio nell’attuale mercato  competitivo,” sottolinea Zvi Feuer, Senior Vice President of Manufacturing Engineering Software di Siemens PLM Software. “NX mette a disposizione una soluzione pienamente integrata per sfruttare queste tecnologie avanzate, offrendo alle aziende produttrici la capacità di aumentare le prestazioni operative e creare un’officina meccanica realmente digitale”.

Source: Meccanica e Automazione
NX Siemens, nuovi strumenti per l’industria digitale

Condividi:

EOS integra la stampa 3D negli impianti di produzione del futuro

EOS integra la stampa 3D negli impianti di produzione del futuro

EOS ha presentato le ultime versioni di EOSPRINT 2 per la gestione di lavori e processi, la suite di monitoraggio dei processi EOSTATE, nonché EOSCONNECT, che assicura una connettività di livello industriale. Il software EOS offre alle aziende gli strumenti necessari per integrare completamente la stampa 3D industriale nel loro processo di produzione, rendendo estremamente flessibili le operazioni e aumentando l’efficienza. “Siamo consapevoli delle sfide che i nostri clienti devono affrontare per l’Industry 4.0 e la loro necessità di una maggiore produttività. Le soluzioni software EOS supportano le aziende attraverso tutte le fasi di processo di Additive Manufacturing, da una preparazione efficiente del processo AM con EOSPRINT al controllo di qualità nell’ambito della suite di monitoraggio EOSTATE. Inoltre, grazie a EOSCONNECT, tutti i dati raccolti sui macchinari e la produzione possono essere resi immediatamente utilizzabili”, ha dichiarato Tobias Abeln, Chief Technical Officer (CTO) di EOS. “Per rendere possibile tutto questo, EOS offre un’interfaccia aperta in grado di assicurare l’integrazione con le applicazioni intelligenti di EOS per incrementare la produttività o utilizzabile con applicazioni di terze parti. In questo modo, gettiamo le basi per consentire alle aziende di integrare realmente l’Additive Manufacturing negli ambienti di produzione industriali”.

Gestione di lavori e processi

EOSPRINT 2 è uno strumento CAM intuitivo, aperto e produttivo che consente alle aziende di ottimizzare i dati CAD per i sistemi EOS. Insieme a software per la preparazione dei dati come SIEMENS NX™ o Magics, offre un ambiente CAM AM completo per i progettisti che desiderano trarre il massimo vantaggio dall’Additive Manufacturing, con una progettazione pronta per la produzione. Con un pacchetto di nuove funzionalità che migliorano la produttività, come la segmentazione Z e modelli di esposizione unici, EOSPRINT 2 aiuta le aziende a integrare le tecnologie di Additive Manufacturing nella produzione in serie. I clienti che integrano soluzioni AM e lavorazioni post-elaborazione possono trarre vantaggio dalla funzionalità di calibrazione dei punti di riferimento, caratteristica essenziale per impostare un punto zero comune tra diversi tipi di macchinari, come per la fresatura e la tornitura e la stampa 3D industriale. EOSPRINT offre inoltre funzionalità avanzate che migliorano lo sviluppo di materiali e processi grazie alla praticità di configurazione DoE (Design of Experiments).

Suite di monitoraggio dei processi

Il software EOS di nuova generazione è completamente integrato nel flusso di lavoro di produzione (fonte: EOS).

EOSTATE è una suite di monitoraggio automatizzata e intelligente, che consente ai clienti di eseguire controlli di qualità in tempo reale su tutti i dati di produzione e relativi alla qualità. Comprende quattro diversi strumenti di monitoraggio: System, PowderBed, MeltPool ed Exposure OT (tomografia ottica). EOSTATE Exposure OT fornisce un monitoraggio in tempo reale, basato su videocamere, del processo di Additive Manufacturing con materiali metallici. La soluzione mappa completamente ogni parte durante l’intero processo di produzione, uno strato alla volta, indipendentemente dalla geometria e dalla dimensione. Sviluppato in stretta collaborazione con il partner strategico di EOS MTU Aero Engines, EOSTATE Exposure OT consente di ridurre i costi per gli esami non distruttivi con tomografia computerizzata dopo il processo di produzione e di scartare i pezzi potenzialmente difettosi fin dalle fasi iniziali. EOSTATE MeltPool permette di visualizzare in modo trasparente il processo di fusione. Durante la produzione, lo strumento misura le emissioni luminose del pool di fusione per mezzo di sensori. A tale scopo, la luce del processo viene separata dalla luce laser riflessa utilizzando elaborati componenti hardware. I dati acquisiti sono ulteriormente elaborati e interpretati dal sistema software. EOSTATE MeltPool è ideale per utenti che desiderano rendere più efficienti le attività di ricerca e sviluppo o ottimizzare i metodi di fabbricazione.

Connettività di livello industriale

Le soluzioni EOS possono essere integrate con soluzioni MES/ERP locali, ma anche utilizzate per marketplace digitali e piattaforme IoT. EOSCONNECT è il sistema più avanzato per migliorare la flessibilità e aumentare la produttività. I dati sui macchinari e la produzione possono essere raccolti e resi disponibili praticamente in tempo reale. EOS offre inoltre un’intuitiva app che consente di visualizzare i dati in un dashboard, un nuovo passo avanti verso un monitoraggio completo e intuitivo del parco macchine. Questa elevata connettività offre due vantaggi: le aziende possono passare in modo trasparente i dati di produzione ai propri sistemi CAQ (Computer Aided Quality), assicurandone la tracciabilità e agevolando la convalida dei processi per la produzione. Inoltre, è possibile trarre vantaggio da una maggiore trasparenza grazie alla visualizzazione e alla lettura degli indicatori KPI di produzione in tempo reale. In definitiva, la connettività aiuta le imprese a migliorare la loro produttività.

L’articolo EOS integra la stampa 3D negli impianti di produzione del futuro sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
EOS integra la stampa 3D negli impianti di produzione del futuro

Condividi:

I primi 25 anni americani di Monzesi

I primi 25 anni americani di Monzesi

Ricorrono quest’anno i 25 anni dall’apertura di Monza Corporation, filiale americana di Monzesi. Era infatti il 1992 quando veniva inaugurata la sede americana, anche se le attività dell’azienda italiana negli Stati Uniti risalgono alla metà degli anni ’80 attraverso la collaborazione con un distributore locale.

Nata un quarto di secolo fa all’interno di un consorzio incubatore di aziende italiane, chiamato ITA, Monza Corporation vanta oggi un parco installato di 600 macchine: rettificatrici delle linee Viotto e Monza. Attualmente la filiale conta su una decina di dipendenti (tra amministrazione, service commerciale e manutenzione) e vanta una propria unità meccanica che, oltre a fornire servizi di vendita e post-vendita, si occupa anche delle attività di manutenzione e retrofitting delle rettificatrici installate in territorio americano e prodotte in Italia. Da due anni, inoltre, l’azienda ha trasferito le proprie attività in una nuova struttura in New Jersey, tre volte più grande della
precedente, dotata di un magazzino e di un reparto di produzione proprio.

USA, un mercato strategico. “Il mercato statunitense rappresenta circa il 30% del nostro fatturato ed è in continua crescita, sia per fatturato sia per quantità di impianti installati – spiega Riccardo Pessina, direttore generale
di Monzesi -. Lavoriamo con le più grandi aziende nel campo aerospaziale, automotive, utensili e petrolifero dislocate in tutta l’area dei Paesi Nafta, che include Canada, Messico e Stati Uniti”. La clientela americana di Monzesi è molto variegata, spaziando dalla piccola azienda alla grande multinazionale. Le rettificatrici vendute coprono quasi tutta la gamma in termini di complessità, dalla versione più convenzionale alla macchina multiasse completamente automatizzata. In tema di certificazioni e normative locali, che spesso contraddistingue il mercato statunitense, la certificazione europea è ben accettata dalla maggior parte dei clienti essendo già di per sè molto
accurata e stringente, mentre soprattutto per le multinazionali nel campo aerospaziale e dell’automotive, Monzesi prepara le proprie macchine in conformità alle normative richieste in territorio statunitense e in quello canadese.

Uno sguardo al futuro. Gli obiettivi per il futuro sono fondamentalmente due, ed entrambi prevedono un ampliamento della filiale. Il primo obiettivo è quello di acquisire la necessaria conoscenza per poter costruire alcune versioni delle proprie macchine direttamente in territorio americano e destinate al mercato locale. “Oltre naturalmente della gestione del cambio euro-dollaro, questo progetto porta con sé la difficoltà di reperire il giusto know-how e le competenze tecniche nella meccanica – si addentra Pessina -. Negli ultimi anni, infatti, gli Stati Uniti hanno perso molto know-how nella meccanica, in particolare modo nella costruzione di macchine utensili. Questo ha eroso il livello e il numero delle scuole tecniche, creando grosse difficoltà nella ricerca di personale specializzato”.

Il secondo obiettivo di Monza Corporation è quello di ampliare le proprie attività, oltre che sul mercato statunitense e canadese. Grazie alla forte esperienza acquisita, e alla crescente capillarità nel servizio post-vendita, Monzesi ha infatti deciso di affrontare più intensamente il mercato messicano direttamente dalla filiale Monzesi in New Jersey.

Source: Meccanica e Automazione
I primi 25 anni americani di Monzesi

Condividi:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi