Proto Labs: investimenti da 4 milioni di euro per gli stabilimenti in Europa

Proto Labs: investimenti da 4 milioni di euro per gli stabilimenti in Europa

Il fornitore di servizi di prototipazione rapida on-demand Proto Labs annuncia il maggiore piano di investimentiin infrastrutture in Europa dalla nascita dell’azienda britannica, avvenuta nel 2005. La società ha infatti già finanziato una spesa pari a circa 4 milioni di euro in nuove tecnologie di fabbricazione e interventi di ristrutturazione degli impianti, prevalentemente a TelfordRegno Unito, ma anche nelle altre sedi europee. Questo investimento intende rispondere all’attuale domanda europea e alle stime di crescita dei servizi di fabbricazione avanzata offerti da Proto Labs.

Nei mesi di giugno e luglio 2017, il fornitore di servizi di produzione digitale in stampa 3D, lavorazione con macchine CNC e stampaggio a iniezione Proto Labs ha confermato l’acquisto di 26 macchine CNC Haas e di sei macchine per lo stampaggio a iniezioneARBURG Golden Edition e “S”.

“Proto Labs offre un servizio incredibilmente veloce e affidabile”, ha dichiarato Lee Ball, General Manager di Proto Labs nel Regno Unito. “Oggi, i clienti di tutti i settori richiedono tempi ridotti, specialmente per quanto riguarda lo sviluppo dei prodotti. I nostri continui investimenti ci consentono di soddisfare le sempre maggiori esigenze delle nostre migliaia di clienti attivi in ogni tipo di settore”.

Le nuove macchine Haas saranno configurate per la produzione di stampi o per la lavorazione di componenti, poiché entrambi i servizi registrano ritmi di crescita sostenuti. L’inventario complessivo di Proto Labs nel Regno Unito comprende ora 130 macchine CNC e 57 macchine per lo stampaggio a iniezione. “Anno dopo anno, registriamo un aumento della domanda di pezzi stampati su tutti i fronti, sia da parte dei clienti abituali che di quelli di recente acquisizione, per una vasta gamma di prodotti e in settori diversi. Per restare al passo con i livelli di crescita previsti, questo investimento nelle nuove tecnologie risulta essenziale”, ha continuato Lee Ball.

Anche la richiesta del servizio di stampa 3D industriale offerto da Proto Labs, che opera da due sedi ubicate in Germania, sta aumentando. “Il rapido aumento della quantità di ordini ricevuti dipende dal fatto che sempre più clienti attivi in settori industriali differenti si stanno rendendo conto delle infinite possibilità offerte da prototipi con geometrie complesse realizzati a basso costo attraverso la stampa 3D che, in alcuni casi, rappresenta l’unica tecnologia utilizzabile” ha spiegato Daniel Cohn, Managing Director del reparto di stampa 3D di Proto Labs GmbH a Feldkirchen, Germania.

“Ad esempio, il nostro stabilimento di Eschenlohe possiede la certificazione EN ISO 13485:2012 per gli standard di gestione delle qualità per dispositivi medici. I clienti possono contare sulle nostre capacità tecniche nella produzione di dispositivi medicali specifici attraverso la tecnologia DMLS di stampa 3D, compresi pezzi destinati a essere impiantati nel corpo umano”, ha proseguito Daniel Cohn.

Questo recente aumento della capacità risponde all’espansione delle attività in tutte le sedi europee di Proto Labs. Dal 2015, la società registra una crescita annuale superiore al 20% in termini di fabbricazione, progettazione e vendite.

“Entro i prossimi 18 – 24 mesi avremo bisogno di più spazio per adattarci al livello di crescita stimato, sia per quanto riguarda gli uffici che per la capacità di produzione”, ha concluso Le Ball. Un piano di espansione simile è attualmente in fase di sviluppo per supportare la crescita prevista negli stabilimenti tedeschi dell’azienda di Eschenlohe e Feldkirchen.

L’articolo Proto Labs: investimenti da 4 milioni di euro per gli stabilimenti in Europa sembra essere il primo su Stampi.

Source: Stampi
Proto Labs: investimenti da 4 milioni di euro per gli stabilimenti in Europa

Condividi:

Il Digital Twin come motore dell’innovazione

Il Digital Twin come motore dell’innovazione

È questo il titolo dell’evento organizzato lo scorso 6 luglio da Siemens PLM Software per i suoi clienti e partner presso il Siemens Centro Tecnologico MTS di Piacenza, meglio conosciuto come TAC (Technology Applications Center). Il centro, strategicamente posizionato nel piacentino, nel cuore del Nord Italia, è stato creato come collettore di tecnologia, per mostrare le tecnologie più avanzate di Siemens. Grazie al suo elevato valore tecnologico, il centro è anche sede di giornate di formazione, nate dalla collaborazione dall’azienda con le scuole e l’università.

Una sfida per designer e progettisti

La progettazione di macchine utensili, oggi, pone una sfida a designer e progettisti: quella della complessità. Le macchine sono, infatti, sempre più intelligenti e interconnesse. Un aiuto nell’affrontare tale sfida arriva dalla tecnologia: Teamcenter, il sistema PLM di Siemens PLM Software permette di fornire al mercato prodotti sempre più complessi, massimizzando la produttività e semplificando le operazioni globali. Ma è il Digital Twin oggi il vero motore dell’innovazione. Non solo i prodotti, ma anche la fabbrica e il processo produttivo devono avere oggi un gemello digitale attraverso cui simulare il funzionamento in un’ottica di risparmio in tempi e costi di produzione.

Mindsphere: il cloud per le industrie

La digitalizzazione svolge un ruolo sempre più importante nell’industria manifatturiera. Questo processo genera enormi volumi di dati che devono essere registrati e analizzati. Il sistema operativo aperto per l’IoT basato su cloud, MindSphere, fornisce valore aggiunto per il cliente attraverso la sua apertura e versatilità.Per consentire lo sviluppo dato dalla digitalizzazione della produzione, detta Industry 4.0, i grandi volumi di dati generati durante il processo produttivo devono essere raccolti, salvati e analizzati in tempo reale e trasformati in informazioni – in modo che i grandi dati diventino dati intelligenti. Ciò a sua volta consente una dimensione completamente nuova di servizi che contribuiscono a migliorare la gestione degli asset e l’efficienza energetica attraverso l’analisi e la simulazione degli impianti. La base per questi servizi è una piattaforma cloud affidabile, come quella che Siemens ha sviluppato con MindSphere. Una piattaforma aperta che i clienti e gli sviluppatori possono utilizzare per sviluppare, estendere e gestire applicazioni nel cloud formando cosi un ecosistema aperto di utenti, sviluppatori e integratori IT. La scalabilità è assicurata garantendo una flessibilità di infrastruttura Cloud disponibile, ad oggi SAP Hana e nel breve termine Microsoft Azure e Amazon AWS. Gli OEM e gli sviluppatori di applicazioni possono accedere alla piattaforma tramite interfacce aperte e utilizzarle per i propri servizi e analisi, ad esempio per il monitoraggio online di macchine utensili distribuite a livello globale, robot industriali o attrezzature industriali come compressori e pompe, oppure per operare nuovi modelli di business come la vendita dell’output della macchina oppure forme di garanzia basate sull’utilizzo effettivo della stessa. Utilizzando MindSphere, i clienti possono creare modelli digitali dei propri impianti con dati reali del processo produttivo, integrando lo strato OT (operation technology) con lo strato IT (Information Technology). Ciò consente loro di ottimizzare i processi aziendali, coordinando il gemello digitale di produzione con quello della macchina. Gli utenti sono in grado di sviluppare i propri servizi web con MindSphere, che può servire anche come base per servizi digitali come la manutenzione predittiva, la gestione dei dati energetici o l’ottimizzazione delle risorse.

L’articolo Il Digital Twin come motore dell’innovazione sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Il Digital Twin come motore dell’innovazione

Condividi:

Makino presenta il centro di lavoro a 5 assi a500Z

Makino presenta il centro di lavoro a 5 assi a500Z

Vista frontale della a500Z di Makino

Alla conferenza stampa annuale tenutasi a Kirchheim unter Teck, Makino ha annunciato il lancio dell’ultima novità della sua famiglia di centri di lavoro a 5 assi, la a500Z. Sulla base delle consolidate tecnologie già presenti nella serie a1 di Makino, il nuovo centro di lavoro orizzontale a 5 assi è studiato su misura per la produzione di pezzi complessi.

La struttura particolarmente rigida della macchina e la bassa inerzia della a500Z assicurano per questo centro di lavoro orizzontale a 5 assi la stessa efficienza che normalmente ci si aspetterebbe da una macchina a 4 assi. Il basamento realizzato con una fusione in pezzo unico, il supporto a tre punti e il design inclinato del basamento offrono rigidità e ottima stabilità. La struttura con inclinazione simmetrica, simile ad alcune delle macchine della serie a1, assicura un loop di forza minimizzato favorendo una maggiore efficienza. Con la tecnologia innovativa di Makino, la tavola girevole è dotata di uno sbalzo minimo e di un’ottima rigidità.

Maggiore produttività
La a500Z è dotata di un mandrino Makino HS-A63 che offre una coppia di 303 Nm. I Job Shop di fascia alta si trovano spesso a dover affrontare frequenti modifiche del modello, tempi di programmazione ridotti e numerose operazioni di posizionamento ed indexaggio, nonché cicli di ispezione manuale sulla macchina. La a500Z offre un’elevata accuratezza di posizionamento grazie alla breve distanza tra il punto di rotazione dell’asse A e la posizione del pezzo.

La minimizzazione delle differenze di livello nelle giunture nella lavorazione indexata e la capacità di movimentare pezzi pesanti e di offrire una rapida accelerazione e decelerazione nella lavorazione a 5 assi simultanei riducono ulteriormente il tempo di taglio e di non taglio.

Il centro di lavoro offre una corsa dell’asse X da 730 mm, dell’asse Y da 750 mm e dell’asse Z da 700 mm ed è in grado di gestire un pezzo di dimensioni massime e peso rispettivamente pari a ø630 mm x 500 mm e 400 kg. Il dispositivo automatico per il cambio pallet (APC) ad alta velocità e la funzione di caricamento orizzontale sono ulteriori funzionalità che consentono di incrementare l’efficienza della macchina.

Precisione operativa e controllo termico
Le macchine Makino sono rinomate per la loro tecnologia di controllo termico e la a500Z non fa eccezione. Una struttura termicamente simmetrica si combina con un efficace sistema di rimozione del calore dal mandrino, dalle strutture di supporto, come le viti a sfera e i motori, garantendo stabilità e precisione di lavorazione della macchina nel corso di lunghe ore di funzionamento. Le viti a sfera e le chiocciole con nucleo raffreddato impediscono al calore di formarsi e creare distorsioni termiche con gli errori che ne conseguono. Anche i motori Direct Drive sugli assi B/C sono dotati di camicie di raffreddamento per sopprimere la produzione del calore.

Tavola a 5 assi rigida e dinamica

Eccellente gestione del liquido refrigerante e dell ́evacuazione del truciolo
La gestione efficace del liquido refrigerante e dei trucioli rappresenta una necessità imprescindibile per una macchina che deve offrire elevati livelli di produttività e che genera quindi elevate quantità di trucioli al minuto. A differenza di quanto normalmente avviene nelle tavole rotobasculanti a 5 assi, la a500Z ha un’ampia vasca di raccolta situata sotto la tavola.

Un abbondante flusso di liquido refrigerante proveniente dagli ugelli superiori e dal sistema di lavaggio della parete e della sezione sporgente elimina l’accumulo dei trucioli garantendo che cadano direttamente nella vasca, consentendone un’ottima evacuazione. Anche il sistema di carico pallet (PLS) ha un sistema di lavaggio della sezione sporgente e un ottimo sistema di pulizia per facilitare l’evacuazione del truciolo.

L’ultimo controllo di Makino: Professional 6
Per favorire ulteriormente una maggiore produttività, la a500Z dispone del controllo Makino Professional 6 (PRO 6). Il controllo è facile da usare e abbatte la curva di apprendimento per i nuovi operatori.

Caratteristiche come le funzioni avanzate Geometric Intelligence (GI) per il controllo del movimento riducono il tempo di ciclo complessivo, soprattutto per la produzione di componenti tipici come valvole idrauliche e box elettronici. La foratura con GI permette al mandrino e all ́utensile di procedere disegnando un arco di foro in foro, invece di seguire un percorso “squadrato”. Ciò riduce i tempi di non-taglio rispetto alla comune foratura. D’altro canto, la fresatura con il GI è progettata per migliorare le prestazioni di fresatura 2D, permettendo all ́utente di definire una tolleranza di arrotondamento angolare su ogni percorso di fresatura.

Il controllore Makino PRO 6 è dotato della tecnologia di Controllo attivo dell’inerzia (Inertia Active Control – IAC) per aumentare l’efficienza. L’IAC riceve un feedback dai servomotori ed imposta l’accelerazione e la decelerazione di ciascun pallet in maniera ottimale.

Automazione
La a500Z è pronta per l’automazione sia con pallet che con la movimentazione di parti. La macchina può essere integrata facilmente con le soluzioni di automazione intelligente sviluppate da Makino, compresi sistemi come MMC2 e VIP con robot a 6 assi e sistemi di automazione standard disponibili sul mercato. Una macchina a500Z può anche essere facilmente integrata nei sistemi esistenti.

L’articolo Makino presenta il centro di lavoro a 5 assi a500Z sembra essere il primo su Stampi.

Source: Stampi
Makino presenta il centro di lavoro a 5 assi a500Z

Condividi:

HEIDENHAIN: confermata la collaborazione con UniPR Racing Team

HEIDENHAIN: confermata la collaborazione con UniPR Racing Team

HEIDENHAIN ITALIANA continua a sostenere i giovani talenti in ambito accademico: si conferma anche per quest’anno la collaborazione con UniPR Racing Team, la squadra di Formula SAE dell’Università degli Studi di Parma formata da 40 ragazzi che progettano e realizzano una monoposto da competizione per il campionato mondiale di Formula Student.

Grazie alla collaborazione con HEIDENHAIN ITALIA e all’apporto della sua evoluta tecnologia di controllo, è stato possibile mettere a frutto i risultati degli studi aerodinamici svolti dagli studenti: con i 23 stampi lavorati con il controllo numerico iTNC 530, sono state realizzate carrozzerie, il diffusore e le appendici aerodinamiche in fibra di carbonio che permetteranno di sviluppare un carico aerodinamico limitando la resistenza all’avanzamento.

Inoltre, l’estrema leggerezza di questi componenti ha permesso di contenere il peso complessivo della vettura entro i 210 kg, mantenendo il considerevole rapporto peso/potenza di 4 kg/cv. Nella scorsa stagione la squadra ha raggiunto ottimi risultati: primo posto nella categoria Fuel Efficiency e un decimo posto assoluto alla formula SAE Italy.

Per il 2017 gli obiettivi sono ancora più ambiziosi: per la prima volta nei suoi dieci anni di storia l’UniPR Racing Team partecipa a due competizioni nella stessa stagione, puntando ad entrare tra i top 60 tra i quasi 600 team del ranking mondiale.

L’estate si prospetta, quindi, particolarmente impegnativa per l’UniPR Racing Team: dal 19 al 23 luglio, all’autodromo di Varano de Melegari (PR) si confronterà con più di 70 team provenienti da tutto il mondo durante la Formula SAE Italy mentre all’inizio di agosto gareggerà nella FS Czech all’autodromo di Most in Repubblica Ceca.

L’articolo HEIDENHAIN: confermata la collaborazione con UniPR Racing Team sembra essere il primo su Stampi.

Source: Stampi
HEIDENHAIN: confermata la collaborazione con UniPR Racing Team

Condividi:

Industria fusoria, l’efficienza al centro

Industria fusoria, l’efficienza al centro

L’industria fusoria presta una sempre maggior attenzione all’efficienza: anche la scelta dei componenti ha il suo peso – letteralmente, poiché a parità di prestazioni un minor peso contribuisce a minori consumi energetici. I componenti per l’industria fusoria devono inoltre funzionare senza intoppi in presenza di temperature molto elevate. I giunti R+W rientrano sicuramente fra i componenti ideali per questo settore. La gamma offerta è molto ampia: dai giunti leggeri SL, che garantiscono risultati eccellenti pur pesando fino al 60% in meno rispetto a prodotti equiparabili, ai giunti a soffietto metallico BKS, in grado di funzionare senza problemi a temperature che variano da -40°C a 300°C.

Uno dei più evidenti vantaggi apportati dai giunti R+W, e in particolare dei limitatori di coppia, è la rapidità di azione in caso di sovraccarico, quando assicurano un arresto immediato e una ripresa rapidissima.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito R+W.

Source: Meccanica e Automazione
Industria fusoria, l’efficienza al centro

Condividi:

Video: Guaine portacavi TKA a tenuta totale

Video: Guaine portacavi TKA a tenuta totale

Le guaine portacavi TKA di KABESLCHLEPP sono state sviluppate per l’utilizzo in ambienti difficili con tenuta totale di trucioli, polveri e spruzzi e garantiscono una eccellente protezione dei cavi compresa l’area di raccordo. La guaina TKA55 è testata e approvata IP54. Internamente è possibile garantire una superficie uniforme con l’utilizzo ottimizzato dello spazio interno con separatori e divisori fissi o mobili, secondo le esigenze. Le guaine presentano una struttura silenziata e antivibrazione con ammortizzatori integrati, che è stata ottimizzata, come ci ha spiegato Stefano Bergamaschi, nella geometria delle maglie con una distribuzione omogenea delle forze sulla superficie per aumentarne l’autoportanza e ottenere una maggiore resistenza a torsione.

Source: Meccanica e Automazione
Video: Guaine portacavi TKA a tenuta totale

Condividi:

Iperammortamento: consegna dei beni prorogata al 30 settembre 2018

Iperammortamento: consegna dei beni prorogata al 30 settembre 2018

Con un emendamento approvato dalla Commissione Bilancio del Senato in sede di conversione del decreto Sud (DL n. 91/2017), il limite temporale per la consegna dei beni strumentali agevolabili grazie all’iperammortamento slitta dal 31 luglio al 30 settembre 2018.

Rimangono invariate le condizioni per accedere all’incentivo, ovvero la conferma dell’ordine e il pagamento di un acconto pari al 20% del costo di acquisizione entro il 31 dicembre 2017.

Source: Meccanica e Automazione
Iperammortamento: consegna dei beni prorogata al 30 settembre 2018

Condividi:

Ottimizzare i processi di additive manufacturing con la simulazione

Ottimizzare i processi di additive manufacturing con la simulazione

Mercoledì 20 settembre alle 14.30 COMSOL terrà un webinar gratuito dedicato alla simulazione dei processi di additive manufacturing con COMSOL Multiphysics. L’additive manufacturing, nota anche come produzione additiva o stampa 3D, costituisce un’alternativa ai metodi di produzione tradizionali basati sulla lavorazione meccanica del materiale ‘per sottrazione’: si tratta infatti di una tecnica di fabbricazione che prevede l’aggiunta del materiale strato dopo strato fino alla realizzazione dell’oggetto desiderato.

Un approccio innovativo

Il webinar COMSOL è un’occasione di approfondimento per esplorare l’approccio innovativo e gli strumenti offerti da COMSOL Multiphysics per la modellazione e l’ottimizzazione dei processi di additive manufacturing. I partecipanti scopriranno come utilizzare COMSOL per accoppiare meccanica strutturale, scambio di calore e deformazioni della geometria causate dall’aggiunta di ogni strato successivo di materiale. Verrà mostrato come il modello creato permetta di integrare anche la plasticità e il creep. I tecnici COMSOL mostreranno inoltre i vantaggi offerti da alcune funzionalità avanzate di COMSOL Multiphysics, quali l’interfaccia “Eventi” e le “Coppie d’Identità”.

La realizzazione dal vivo di un modello

Il webinar si concluderà con la realizzazione dal vivo di un modello. Ciascun partecipante potrà collegarsi alla piattaforma tramite qualsiasi dispositivo connesso a internet: avrà la possibilità di seguire il webinar, porre domande e interagire con i tecnici COMSOL senza lasciare la propria postazione. Chi non riuscisse a seguire il webinar in diretta potrà collegarsi successivamente sul sito web COMSOL per accedere alla versione registrata. Per informazioni e per registrarsi si può seguire questo link.

L’articolo Ottimizzare i processi di additive manufacturing con la simulazione sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Ottimizzare i processi di additive manufacturing con la simulazione

Condividi:

Proto Labs investe 4 milioni di euro negli stabilimenti europei

Proto Labs investe 4 milioni di euro negli stabilimenti europei

Il fornitore di servizi di prototipazione rapida on‐demand Proto Labs annuncia il maggiore piano di investimenti in infrastrutture in Europa dalla nascita dell’azienda britannica, avvenuta nel 2005. La società ha infatti già finanziato una spesa pari a circa 4 milioni di euro in nuove tecnologie di fabbricazione e interventi di ristrutturazione degli impianti, prevalentemente a Telford, Regno Unito, ma anche nelle altre sedi europee.

Fabbricazione avanzata in crescita

Questo investimento intende rispondere all’attuale domanda europea e alle stime di crescita dei servizi di fabbricazione avanzata offerti da Proto Labs. Nei mesi di giugno e luglio 2017, il fornitore di servizi di produzione digitale in stampa 3D, lavorazione con macchine CNC e stampaggio a iniezione Proto Labs ha confermato l’acquisto di 26 macchine CNC Haas e di sei macchine per lo stampaggio a iniezione ARBURG Golden Edition e “S”. “Proto Labs offre un servizio incredibilmente veloce e affidabile”, ha dichiarato Lee Ball, General Manager di Proto Labs nel Regno Unito. “Oggi, i clienti di tutti i settori richiedono tempi ridotti, specialmente per quanto riguarda lo sviluppo dei prodotti. I nostri continui investimenti ci consentono di soddisfare le sempre maggiori esigenze delle nostre migliaia di clienti attivi in ogni tipo di settore”.

130 macchine CNC

Le nuove macchine Haas saranno configurate per la produzione di stampi o per la lavorazione di componenti, poiché entrambi i servizi registrano ritmi di crescita sostenuti. L’inventario complessivo di Proto Labs nel Regno Unito comprende ora 130 macchine CNC e 57 macchine per lo stampaggio a iniezione. “Anno dopo anno, registriamo un aumento della domanda di pezzi stampati su tutti i fronti, sia da parte dei clienti abituali che di quelli di recente acquisizione, per una vasta gamma di prodotti e in settori diversi. Per restare al passo con i livelli di crescita previsti, questo investimento nelle nuove tecnologie risulta essenziale”, ha continuato Lee Ball. Anche la richiesta del servizio di stampa 3D industriale offerto da Proto Labs, che opera da due sedi ubicate in Germania, sta aumentando.

I benefici della stampa 3D

“Il rapido aumento della quantità di ordini ricevuti dipende dal fatto che sempre più clienti attivi in settori industriali differenti si stanno rendendo conto delle infinite possibilità offerte da prototipi con geometrie complesse realizzati a basso costo attraverso la stampa 3D che, in alcuni casi, rappresenta l’unica tecnologia utilizzabile” ha spiegato Daniel Cohn, Managing Director del reparto di stampa 3D di Proto Labs GmbH a Feldkirchen, Germania. “Ad esempio, il nostro stabilimento di Eschenlohe possiede la certificazione EN ISO 13485:2012 per gli standard di gestione delle qualità per dispositivi medici. I clienti possono contare sulle nostre capacità tecniche nella produzione di dispositivi medicali specifici attraverso la tecnologia DMLS di stampa 3D, compresi pezzi destinati a essere impiantati nel corpo umano”, ha proseguito Daniel Cohn. Questo recente aumento della capacità risponde all’espansione delle attività in tutte le sedi europee di Proto Labs. Dal 2015, la società registra una crescita annuale superiore al 20% in termini di fabbricazione, progettazione e vendite. “Entro i prossimi 18 ‐ 24 mesi avremo bisogno di più spazio per adattarci al livello di crescita stimato, sia per quanto riguarda gli uffici che per la capacità di produzione”, ha concluso Lee Ball. Un piano di espansione simile è attualmente in fase di sviluppo per supportare la crescita prevista negli stabilimenti tedeschi dell’azienda di Eschenlohe e Feldkirchen.

L’articolo Proto Labs investe 4 milioni di euro negli stabilimenti europei sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Proto Labs investe 4 milioni di euro negli stabilimenti europei

Condividi:

HURCO TAKUMI – L’incarnazione della competenza tecnica

HURCO TAKUMI – L’incarnazione della competenza tecnica

La perfetta combinazione tra design funzionale, ergonomia, alta velocità e massima precisione è racchiusa nei centri di lavoro Hurco Takumi, progettati per fornire alte velocità di esecuzione e massima precisione, oltre ad un’ottima qualità di finitura. I centri a tre assi ad alta velocità della serie H sono sintetizzabili con 4 caratteristiche primarie: rigidità, stabilità strutturale, accuratezza e velocità. A questi modelli è affidato l’incremento delle quote di mercato nei settori 3c, stampi e automotive, rispondendo ad esigenze concrete di lavorazione. I centri Hurco Takumi hanno un telaio estremamente rigido, basato su di una struttura a doppia colonna termicamente molto stabile, righe ottiche, assi raffreddati, mandrini in linea ad alta velocità oltre ad un ampio accesso. Le macchine saranno equipaggiate con controllo Heidenhein o Siemens, a scelta del cliente, per sfruttare il massimo potenziale di ogni soluzione. I modelli Takumi disponibili in Italia sono 7 (H7, H10, H12, H13, H16, H22  e H32) con corse ASSE X che vanno da 810 a 3.200.

 

L’articolo HURCO TAKUMI – L’incarnazione della competenza tecnica sembra essere il primo su Stampi.

Source: Stampi
HURCO TAKUMI – L’incarnazione della competenza tecnica

Condividi: