L’Italia dei brevetti cresce del 4,9% nel I semestre 2017

L’Italia dei brevetti cresce del 4,9% nel I semestre 2017

Sempre più tecnologica e innovativa. Si caratterizza così l’Italia che – tra i competitor dell’Eurozona – è il Paese con il tasso di incremento maggiore per quanto riguarda il numero di brevetti. Il Made in Italy continua infatti a concentrarsi su meccanica, logistica-movimentazione e trasporti, affrontando meno la dimensione digitale.

Europa: 2017 positivo per le domande di brevetti. Secondo i dati parziali, relativi al I semestre 2017 (in comparazione con il periodo gennaio-giugno 2016) – riportate da Il Sole 24 Ore (fonte EPO – European Patent Office) – le richieste di deposito pervenute nella prima metà dell’anno a livello globale sono cresciute del 5,2%.

Nel I semestre a guidare la classifica del più alto numero di depositi sono gli Stati Uniti con circa 20mila brevetti. Seguono Germania (12.485 richieste di deposito; + 0.6%), Francia (5.125 richieste di deposito; +2,3%), Svizzera (3.588 richieste di deposito; +5,8%) e Paesi Bassi (3.405 richieste di deposito, +3,5%). A chiudere la classifica il Regno Unito con 2.649 domande depositate (+1,7%) e l’Italia a quota 2.167 (+4,9%).

L’Italia in continua crescita. Nel 2016, complessivamente, l’Italia aveva depositato 4.166 richieste di brevetto (+4,5% rispetto al 2015) e aveva ottenuto la registrazione di 3.207 nuovi brevetti (con un balzo del+29,5% rispetto all’anno precedente).

Anche quest’anno si dovrebbe confermare il trend delle regioni più “innovativa”: in testa la Lombardia, seguita da Emilia Romagna, Veneto e Piemonte. L’anno scorso proprio la Lombardia – che nella classifica delle regioni europee più “produttive” sul fronte brevettuale si piazza decima (in testa Baviera e Ile-de-France) – aveva visto un incremento “record” di domande dell’11 per cento.

Brevetto unitario: ancora incertezze. Oggi esiste già un brevetto europeo. L’azienda manda una domanda sola (in inglese, francese o tedesco) all’EPO e specifica per quali Paesi intende attivare la copertura IP. In caso di contenzioso si fa riferimento ai tribunali nazionali e l’azienda italiana che si trova a doversi tutelare a Monaco, a Praga o Parigi deve affidarsi alle locali giurisdizioni. Il brevetto unitario prevede, invece, che con una sola procedura (simile alla precedente) e un solo pagamento (inferiore fino al 70% rispetto alla somma necessaria oggi per tutelarsi in tutta Europa), la copertura brevettuale scatti automaticamente in tutti gli Stati aderenti.

Ma l’iter per il brevetto unitario è ancora fermo alla Corte costituzionale tedesca. Il 13 giugno scorso, infatti, un cittadino tedesco (cui la Corte garantisce l’anonimato) ha fatto ricorso contro la normativa europea che istituisce il brevetto unitario e la relativa Corte (Upc) per una valutazione di merito sulla presunta incompatibilità della disciplina europea rispetto a quella della Costituzione federale tedesca. Se la Corte rigetterà l’istanza come infondata, l’iter ripartirà. Se dovesse accoglierla, i tempi potrebbero allungarsi e il brevetto unitario, cioè la possibilità di un unico “ombrello” a tutela della proprietà intellettuale nel perimetro Ue, rischierebbe di non vedere la luce neppure nel 2018.

Source: Meccanica e Automazione
L’Italia dei brevetti cresce del 4,9% nel I semestre 2017

Condividi:

Bystronic e TTM Laser: una partnership per la lavorazione dei tubi

Bystronic e TTM Laser: una partnership per la lavorazione dei tubi

Bystronic – azienda svizzera leader nel campo della lavorazione delle lamiere – ha siglato una partnership strategica con TTM Laser S.p.A., azienda italiana con consolidata esperienza nella realizzazione di soluzioni produttive di taglio laser di tubi e profili. L’accordo mira ad ampliare l’offerta produttiva dell’azienda svizzera con operazioni di taglio tubi al fine di rispondere alle esigenze specifiche dei clienti con soluzioni ancora più complete di quelle finora presentate.

Oggi Bystronic fornisce supporto con soluzioni di alto valore, fra cui sistemi di taglio laser e di piegatura, soluzioni di automazione specifiche, sistemi di stoccaggio e soluzioni software che consentono di integrare tutte le fasi di processo. Un ampliamento del portafoglio con la lavorazione dei tubi aumenta il valore aggiunto che Bystronic potrà offrire in futuro ai clienti lungo tutta la loro catena di produzione nel comparto lamiere.

Specialista nel taglio laser 3D. TTM Laser S.p.A. è una realtà tecnologica italiana di successo con sede in provincia di Brescia. Dal 2001, l’azienda si è specializzata nello sviluppo di sistemi laser 3D per il taglio di tubi e profili ed il taglio e la saldatura di lamiere di grande formato. TTM Laser S.p.A. offre oggi un’ampia gamma di soluzioni per il taglio laser tubi, in grado di lavorare tubi di diametro da 12 a 815 mm. TTM Laser S.p.A. dispone inoltre di una nuova ed ampia struttura produttiva.

“TTM Laser e Bystronic si completano come partner ideali”, spiega Alex Waser, CEO di Bystronic. “Con TTM Laser, Bystronic si assicura uno specialista di successo e amplia il portafoglio esistente con nuove tecnologie per la lavorazione di tubi. Grazie a questa partnership, Bystronic e TTM Laser saranno in grado di proporre ai clienti un’offerta ancora più ampia”.

Fiorenzo Castellini, CEO TTM Laser S.p.A. precisa: “Bystronic è un player di riferimento delle tecnologie per la deformazione. Le tecnologie e la filosofia di TTM Laser si coniugano perfettamente con il portafoglio prodotti di Bystronic consentendo la realizzazione di un’ampia, diversificata ed integrata offerta di innovative soluzioni di processo. La partnership, attraverso l’accesso alla rete commerciale e post vendita di Bystronic, permette a TTM Laser di migliorare il servizio offerto ai propri clienti”.

L’obiettivo comune di Bystronic e TTM Laser S.p.A. è di unire il know how e promuovere tecnologie di produzione innovative offrendo un servizio di alta qualità ai propri clienti. In un primo tempo, il rapporto di partnership prevede attività comuni nella distribuzione dei propri prodotti. I clienti potranno così accedere più facilmente alle soluzioni combinate di Bystronic e TTM Laser S.p.A. nei mercati target di tutto il mondo.

Qualche cenno su Bystronic

Bystronic opera a livello mondiale offrendo soluzioni di alto valore nel campo della lavorazione delle lamiere. L’attenzione è posta sull’automazione dell’intero flusso di materiali e dati della catena di processo taglio e piegatura. Il portfolio include sistemi di taglio laser, presse piegatrici, oltre a soluzioni specifiche per automazione e software. La fornitura di servizi integrali completa l’offerta.

La sede principale dell’azienda è a Niederönz (Svizzera). Altre due sedi per lo sviluppo e la produzione si trovano a Gotha (Germania), Tianjin (Cina) e Shenzhen (Cina). L’azienda dispone inoltre di proprie società di vendita e assistenza, attive in oltre 30 Paesi ed è presente in numerosi altri Paesi con agenti.

Bystronic è il partner affidabile per innovazione a elevate prestazioni, competenza in loco e assistenza eccezionale. Dal 1994 Bystronic fa parte del Gruppo industriale svizzero Conzzeta. Nel 2016 l’azienda ha realizzato un fatturato di 598 milioni di Euro, con oltre 2240 dipendenti.

Qualche cenno su TTM Laser

TTM Laser, fondata nel 2001 da Castellini Officine Meccaniche S.p.A. a Brescia (Italia), offre la più completa gamma di impianti per il taglio laser 3D per tubi e un’ampia gamma di soluzioni per il taglio e saldatura di lamiere di grandi dimensioni. Il continuo impegno nello sviluppo di tecnologia e know how all’avanguardia e l’elevata qualità della manifattura qualificano TTM come partner ideale in grado di soddisfare le esigenze tecnologiche di un mercato in continua evoluzione.

Source: Meccanica e Automazione
Bystronic e TTM Laser: una partnership per la lavorazione dei tubi

Condividi:

Sardegna: contributi per la partecipazione a fiere

Sardegna: contributi per la partecipazione a fiere

Cosa: La Camera di Commercio di Sassari ha approvato il nuovo Regolamento per la concessione di contributi per la partecipazione a iniziative espositive per le imprese del territorio.

Come: L’ente eroga contributi economici alle imprese che prendono parte a manifestazioni(Fiere, Mostre, BtoB, e attività affini) svolte in Italia e all’estero e alle quali partecipano con un proprio spazio dedicato. Sono previsti contributi di 1.500 Euro per le manifestazioni in Italia, 2 mila Euro per le manifestazioni nei Paesi europei e 2.500 Euro per le manifestazioni nei Paesi extraeuropei, per cofinanziare le spese sostenute dalle imprese nella misura dei 50% dei costi supportati per i servizi fieristici e le principali voci di spesa.

Informazioni: Visitare la pagina dedicata sul sito della Camera di Commercio di Sassari, http://www.ss.camcom.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1281%3Acontributi-per-la-partecipazione-a-fiere-e-mostre-regolamento-generale&catid=100%3Aprogramma-di-promozione-economica&Itemid=204.

L’articolo Sardegna: contributi per la partecipazione a fiere sembra essere il primo su Stampi.

Source: Stampi
Sardegna: contributi per la partecipazione a fiere

Condividi:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi