Mitsubishi Electric e Atom: una collaborazione importante

Mitsubishi Electric e Atom: una collaborazione importante

Mitsubishi Electric partecipa per la seconda volta alla fiera Simac 2018 presso lo stand Atom con 4 differenti applicazioni robotizzate che evidenziano la collaborazione tra le due aziende focalizzate sull’innovazione tecnologica espressa in reali soluzioni applicative. Grazie alle elevate prestazioni del nuovo Robot Melfa FR, le lavorazioni implementate da Atom diventano flessibili ed estremamente precise.

Integrazione completa

L’integrazione completa su piattaforma multi CPU iQ-R consente ai robot della famiglia Melfa FR di condividere lo spazio di lavoro senza collidere e  implementare movimenti sincronizzati senza necessità di programmazione supplementare. L’impiego del modulo di sicurezza avanzata Melfa Safe Plus provvede inoltre all’interazione in totale sicurezza tra robot ed essere umano limitando la velocità e la coppia dei singoli assi e consentendo quindi di operare a bordo macchina a ripari aperti. L’innovazione di tale concetto risiede nel fatto che, pur mantenendo inalterate le caratteristiche dei robot industriali standard e grazie all’ausilio di sensori esterni, è possibile gestire le differenti aree collaborative.  La precisione dei robot Mitsubishi Electric, associati al MELFA Force Sensor consentono di avere delle lavorazioni avanzate anche su geometrie non planari. Le fasi dinamiche della macchina diventano particolarmente interessanti e la comunicazione trasparente con elementi esterni, quale il sistema di visione, offre un plus che sottolinea la capacità dei robot Mitsubishi Electric di lavorare con protocollo aperto verso il mondo esterno. In definitiva, la piattaforma di automazione iQ-R gestisce l’intero processo di comunicazione e trasferimento dei dati, da e verso il robot, favorendo la potenziale espandibilità della soluzione robotizzata.

 

L’articolo Mitsubishi Electric e Atom: una collaborazione importante sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Mitsubishi Electric e Atom: una collaborazione importante

Condividi:

Proto Labs introduce la tecnologia Multi Jet Fusion di HP

Proto Labs introduce la tecnologia Multi Jet Fusion di HP

Proto Labs, società protagonista nei servizi di fabbricazione rapida mediante tecnologie digitali, annuncia l’aggiunta di Multi Jet Fusion alla propria suite di sistemi di stampa 3D. Sviluppata da HP, questa tecnologia di stampa 3D industriale è adatta alla realizzazione di prototipi funzionali e pezzi in materiali plastici con eccezionale rapidità e precisione, permettendo di ottenere proprietà meccaniche più uniformi.

La tecnologia Multi Jet Fusion di HP si avvale di una testina a getto di inchiostro che applica agenti di fusione e di dettaglio su un letto di polvere di nylon. Gli agenti di fusione trasmettono il calore al materiale fondendolo, consentendo la creazione di uno strato solido. La tecnologia unica utilizzata da questo sistema per legare le particelle di polvere consente di ottenere proprietà più isotrope dei materiali, tempi di realizzazione più rapidi e costi contenuti rispetto ad altri processi di stampa tridimensionale che impiegano polveri.

“La decisione di includere Multi Jet Fusion nella nostra gamma di servizi di stampa 3D rientra nella strategia di crescita di Proto Labs” – ha commentato Daniel Cohn, General Manager della divisione tedesca di Proto Labs. “Con l’aggiunta di Multi Jet Fusion, da oggi i nostri clienti possono beneficiare di 4 tecnologie avanzate di stampa 3D, ciascuna delle quali offre vantaggi diversi.

“Proto Labs ha introdotto Multi Jet Fusion nel 2017 negli Stati Uniti. Questa prima fase ci ha permesso di appurare la capacità di questa tecnica di produzione nel realizzare pezzi con proprietà meccaniche uniformi e migliori finiture di superficie, caratteristiche difficilmente ottenibili con i sistemi di stampa 3D basati su polveri. Ora che ne conosciamo i benefici, siamo impazienti di offrire questo servizio anche ai nostri clienti in Europa e permettere loro di soddisfare i requisiti dei rispettivi progetti”.

Oggi, Proto Labs mette a disposizione quattro processi di stampa 3D industriale per la realizzazione di componenti plastici, metallici ed elastomerici anche in un solo giorno. La tecnologia Multi Jet Fusion è una soluzione particolarmente richiesta per fabbricare prototipi funzionali, maschere, dispositivi di fissaggio e parti da destinare al primo ciclo di produzione, nonché pezzi che richiedano elevata solidità o di resistenza alle temperature.

L’articolo Proto Labs introduce la tecnologia Multi Jet Fusion di HP sembra essere il primo su Stampi.

Source: Stampi
Proto Labs introduce la tecnologia Multi Jet Fusion di HP

Condividi:

Sesta edizione del Premio Canada-Italia per l’Innovazione

Sesta edizione del Premio Canada-Italia per l’Innovazione

E’ giunta alla sesta edizione l’iniziativa dell’Ambasciata del Canada in Italia: il Premio Canada-Italia per l’Innovazione.

Il Premio, nato nel 2013 con l’obiettivo di rafforzare i legami tra i due paesi nei campi della Scienza, Tecnologia, Innovazione e Scienze Sociali è rivolto a ricercatori, accademici, esperti, startupper e innovatori italiani interessati a sviluppare e approfondire le proprie ricerche con partner, colleghi e omologhi canadesi.

L’appello alle candidature, in questa sesta edizione, è concentrato su progetti e ricerche in ambiti prioritari per il Governo del Canada, con un focus sulle scienze sociali, sulle grandi sfide del futuro e sul tema dell’uguaglianza di genere. Questi dunque i settori prioritari su cui dovranno vertere i progetti: 1) uguaglianza di genere; 2) un mondo globale e interconnesso; 3) uso delle nuove tecnologie; 4) la crescita demografica globale; 5) nuovi metodi di apprendimento.

Il premio consiste nel sostegno a un viaggio in Canada nel corso del quale i vincitori avranno l’opportunità di approfondire la conoscenza del team canadese partner del progetto e di sviluppare il piano d’azione della collaborazione.

Il Premio, nelle scorse edizioni, ha riscosso un notevole successo. Sono state ricevute numerose domande, provenienti da tutta Italia e caratterizzate da un alto livello scientifico-accademico.

Questo è per il Canada motivo d’orgoglio e incentivo a impegnarsi ancora di più nello scambio tra i due paesi nei campi delle Scienze, delle Tecnologie, dell’Innovazione e delle Scienze Sociali al fine di incentivare lo sviluppo economico e la prosperità delle nostre, reciproche società.

La data di scadenza per presentare le domande è il 2 aprile 2018. I vincitori verranno resi noti il 15 maggio 2018. Tutte le informazioni e il bando per partecipare sono reperibili sul sito dell’Ambasciata del Canada.

YouTube/Ambasciata del Canada: video https://www.youtube.com/watch?v=KrnHEkxS1KY

L’articolo Sesta edizione del Premio Canada-Italia per l’Innovazione sembra essere il primo su Stampi.

Source: Stampi
Sesta edizione del Premio Canada-Italia per l’Innovazione

Condividi:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi