Un altro anno da record per Interroll

Un altro anno da record per Interroll

Interroll prosegue nella sua strategia di crescita con un 2017 particolarmente forte per ordinato, vendite nette, utile netto e cash flow. Grazie a questi ottimi risultati, Interroll incrementa ancora una volta il payout sotto forma di dividendo. In forza dell’ottimo backlog di ordinato il Gruppo ha iniziato positivamente l’esercizio 2018, in tutte le regioni e in tutte le aree produttive. Nell’esercizio 2017 Interroll ha raggiunto un ordinato pari a CHF 458,1 milioni (a.p, CHF 405,2 milioni) con un incremento del 13% (+12% in valuta estera). Tutte le regioni hanno concorso alla crescita, particolarmente le Americhe con +20,4%. Il fatturato netto record di CHF 450,7 milioni (a.p. CHF 401,5 milioni) è cresciuto del 12,3% (organicamente del 12,0%), e dell’11,3%  in valuta estera. Una crescita particolarmente forte è stata registrata nel settore Drives (+18,6%) e dei Conveyors e Sorter (+18,0%). Il rapporto fra ordinato e le vendite nette ha raggiunto l’1,02 (a.p.1,01).

Product business in crescita, promettenti ordini progettuali

Nell’esercizio 2017 Interroll ha registrato volumi record di Rollers e RollerDrives. Le vendite e l’ordinato relativi al settore Rollers per il 2017 non sono stati che la naturale conseguenza dello sviluppo eccellente di questi prodotti. Il fatturato consolidato di CHF 105,8 milioni (2016: CHF 93,5 milioni) e l’ordinato di CHF 105,6 milioni (2016: CHF 89,8 milioni) hanno sorpassato significativamente i livelli record dell’anno precedente registrando un incremento rispettivamente del 13,2% e del 17,7%. L’ammontare complessivo delle vendite per il settore Drives è stato di CHF 146,7 milioni, quindi superiore all’anno precedente del 18,6% (CHF 123,6 milioni). L’ordinato consolidato ha raggiunto i CHF 149,6 milioni, con un aumento del 16,6% rispetto ai CHF 128,3 milioni del 2016. L’elevata domanda per il RollerDrive (un motore brushless da 24 VCC integrato in un rullo trasportatore) ha spinto Interroll a un investimento di 8 milioni di euro entro la fine del 2017, volto a incrementare le capacità produttive del sito di Wermelskirchen. Per quanto riguarda il settore Pallet & Carton Flow, Interroll ha avviato diversi progetti nella regione del Sud Africa nel corso dell’esercizio in esame. Tuttavia, il progetto su larga scala fatturato l’anno precedente nell’ambito delle acque minerali non è stato compensato. Per quanto riguarda le vendite, il fatturato consolidato ha registrato un calo del 12,4% a CHF 55,6 milioni contro i 63,5 milioni dell’anno precedente. In diminuzione anche l’ordinato consolidato con CHF 50,9 milioni contro gli scorsi CHF 61,1 milioni (-16,7%). Nell’esercizio 2017 il settore Conveyors & Sorters ha registrato vendite consolidate per CHF 142,6 milioni che superano del 18% le vendite dell’esercizio precedente (CHF 120,9 milioni). Determinante per il raggiungimento di questi volumi è stata la fornitura di Interroll a centri di distribuzione di una compagnia di spedizioni leader di settore in Nord America. Anche in Europa il Gruppo ha registrato numerosi ordini nell’area dei servizi postali e della logistica, come anche nell’industria del food and beverage. L’ordinato è cresciuto del 20,6% a CHF 152,0 milioni, a fronte di CHF 126,0 milioni del 2016.

Le regioni riflettono la globalizzazione

La crescita che la regione EMEA ha registrato in questi ultimi anni non ha fatto che riconfermarsi nel corso del 2017. L’ordinato è cresciuto del 9,9% (CHF 268,3 milioni rispetto ai 244,0 milioni dell’anno precedente). In crescita dell’8,6% anche le vendite (CHF 266,5 milioni rispetto ai precedenti CHF 245,4 milioni). Alla base di questi risultati, un’elevata domanda di mototamburi e sorter. L’Europa Centrale, dell’Est e del Nord hanno registrato ulteriori incrementi rispetto ai risultati dell’anno precedente. L’ammontare delle vendite nella regione America è stato di CHF 119,8 milioni, 20% superiore ai CHF 99,9 milioni del 2017. Il mercato nordamericano l’ha fatta da padrone in questa promettente crescita, con gli Stati Uniti in testa grazie ad una particolarmente forte domanda nel settore dei centri distributivi. La presenza commerciale di Interroll negli Stati Uniti è stata inoltre rafforzata dall’apertura di una nuova società commerciale nell’area di Atlanta. Le vendite di Interroll nella regione Asia Pacifico sono cresciute nell’esercizio 2017 del 14,7%. Il fatturato totale in questa regione è stato di CHF 64,4 milioni, contro i CHF 56,1 milioni del 2016. L’ordinato ha superato i precedenti CHF 55,3 milioni raggiungendo i CHF 62,3 milioni (+12,6%). Su tutti si sono distinti il settore Rollers e il settore Drives, a dimostrazione di una domanda in crescita per le tecnologie Interroll in quest’area. La Cina ha riconfermato ancora una volta il suo pluriennale primato quale più importante mercato per Interroll nella regione; un risultato estremamente gratificante. Un’altra spinta considerevole è giunta dalla Thailandia, dove a partire dal 2018 Interroll si espanderà costruendo una nuova filiale.

Innovazione

Nel corso dell’anno finanziario Interroll ha introdotto un’innovativa piattaforma per mototamburi modulare, adatta ai moderni sistemi di nastri trasportatori e comprensiva di soluzioni di azionamento sincrono e asincrono. Con il Pallet Control 6000 Interroll ha espanso il concetto di azionamento e controllo decentralizzato, offerto in modo efficiente grazie al RollerDrive 24V DC e al MultiControl per la gestione di unità di carico a pressione zero. Le nuove superfici ottimizzate di Carton Wheel Flow garantiscono inoltre un’installazione semplice e un tempo di assemblaggio considerevolmente ridotto.

Nuovi traguardi anche per l’utile netto

Nonostante i costi elevati sostenuti per la ricerca e lo sviluppo, l’EDITDA di Interroll è cresciuto dell’1,0% a CHF 66,3 milioni nell’esercizio 2017 (a.p. CHF 65,7). Il margine EBITDA è stato del 14,7% (nell’anno precedente: 16,4%). L’EBIT ha subito un calo dell’1,0% a CHF 47,4 milioni rispetto ai precedenti CHF 47,9 milioni.  L’EBIT margin è stato 10,5% (anno precedente: 11,9%). L’utile netto è cresciuto del 7,8 % a CHF 39,1 milioni grazie a effetti fiscali (a.p. CHF 36,2 milioni). Il margine dell’utile netto è stato dell’8,7%, rispetto al 9,0% dell’anno precedente.

Nuovi progressi per lo stato patrimoniale

Lo sviluppo dello stato patrimoniale di Interroll è stato molto solido. Il bilancio al 31 dicembre 2017 è stato di CHF 355,3 milioni (a.p. CHF 324,8 milioni). Tale incremento ha interessato in particolare le attività fisse, i prodotti finiti a magazzino e i lavori già avviati, sebbene Interroll abbia registrato anche un aumento dei pagamenti anticipati. Questo sviluppo non fa che rispecchiare l’intensa attività di progettazione svolta dal Gruppo nell’anno preso in esame. Interroll non ha attualmente alcun debito e dispone di un attivo finanziario di CHF 37,1 milioni. Il capitale netto ammonta a CHF 261,7 milioni, con un incremento del 12,3% rispetto ai 233,1 milioni registrati al 31 dicembre 2016. La quota di capitale proprio ha raggiunto il 73,6%, superando il 71,8% dell’anno precedente.

Flusso di cassa libero e operativo in netta crescita

Rispetto ai CHF 36,8 milioni registrati nel 2016, il flusso di cassa operativo ha riscontrato un importante aumento del 25,5%, portandosi a CHF 46,2 milioni. L’investimento lordo ha raggiunto i CHF 25,4 milioni rispetto ai CHF 19,5 milioni dell’anno precedente. Questa forte crescita ha permesso a Interroll un’ulteriore espansione delle capacità nei suoi stabilimenti in Germania e negli Stati Uniti. Sulla scia del maggiore flusso di cassa operativo, anche il flusso di cassa libero è cresciuto in modo significativo fino a raggiungere i CHF 20,1 milioni (nell’anno precedente: CHF18,0 milioni).

Ottima performance per i titoli Interroll: proposta di un nuovo dividendo maggiorato

L’andamento delle quote azionarie di Interroll ha riscontrato un ulteriore miglioramento rispetto all’anno precedente; i dati registrati al 31 dicembre 2017 hanno superato del 30% la chiusura dell’anno 2016. Questa annata rosea ha mosso il Consiglio di Amministrazione ad aumentare ulteriormente l’ammontare del payout, proponendo all’assemblea generale un nuovo dividendo di CHF 16,50 per azione (2016: CHF 16,00).

Prospettive per il 2018

Grazie all’ordinato record registrato nel 2017, il gruppo Interroll ha avviato il nuovo anno commerciale in modo positivo in tutte le regioni e con tutti i gruppi di prodotti; nei mercati principali, non c’è stata nessuna traccia di tendenze al ribasso. Per quanto riguarda gli approvvigionamenti, sarà obiettivo imprescindibile di Interroll il monitoraggio dei prezzi delle materie prime. Questa solida posizione finanziaria permetterà a Interroll nell’esercizio 2018, come già avvenuto nel 2017, di investire circa CHF 5 milioni in costi aggiuntivi per la ricerca e lo sviluppo e per stabilire ed espandere promettenti applicazioni industriali e tendenze. Nel lungo termine, il gruppo creerà nuovi prodotti, soluzioni e servizi innovativi, che supporteranno l’ulteriore crescita di Interroll nell’era digitale rafforzandone la sua posizione globale.

 

 

 

 

L’articolo Un altro anno da record per Interroll sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Un altro anno da record per Interroll

Condividi:

NCR e PTC uniscono le forze per creare un’offerta di servizi “total premise”

NCR e PTC uniscono le forze per creare un’offerta di servizi “total premise”

NCR Corporation e PTC uniscono le loro forze per creare un’offerta di servizi di nuova generazione che si estende all’intera operatività di uno store. I nuovi servizi digitali connessi consentono a retailer, istituzioni finanziarie e catene della ristorazione di ottimizzare il TCO della loro infrastruttura IT, così come i loro costi di gestione. Le aziende devono far convergere i canali fisici e digitali per soddisfare i propri clienti fornendo un coinvolgimento continuo e un’esperienza in linea con le loro aspettative. Gestendo in outsourcing gli asset IT dello store e assicurando trasparenza e informazioni dettagliate quasi in tempo reale, NCR permette a retailer, ristoranti quick service e istituzioni finanziarie di ottenere risultati incentrati sui consumatori.

Una piattaforma IoT-centrica

“Avere una piattaforma IoT-centrica in grado di adattarsi alle esigenze complesse di una connettività sicura e presente ovunque è cruciale per offrire esperienze digitali connesse”, ha dichiarato Venkat Ramamurthy, General Manager, Digital Connected Services Portfolio and Commercialization di NCR Corporation. “Aggiungere la piattaforma ThingWorx® di PTC al portfolio di NCR significa potenziare la gestione del ciclo di vita del service, fornendo, già di default, maggiori capacità proattive e predittive. Questo consente di fornire ai nostri clienti informazioni quasi in tempo reale per aiutarli a minimizzare la loro spesa IT e migliorare la loro consumer experience”. NCR dispone di uno dei maggiori data warehouse al mondo per il settore dei servizi, con un’intelligenza in grado di fornire supporto a più di 2,5 milioni di dispositivi di oltre 300 vendor. Integrando la tecnologia PTC, NCR può ora connettere tutti i dispositivi attivi e passivi nel front e back end di uno store nel suo database e fornire informazioni in tempo reale attraverso analytics avanzati, per aiutare a ottimizzare la spesa e migliorare la precisione del processo decisionale.

Prossima generazione di offerte IoT per retail e hospitality

“Siamo felici di proseguire il nostro rapporto con NCR e di collaborare alla prossima generazione di offerte IoT per il retail e il settore dell’hospitality”, ha affermato Darren Glenister, Vice President of innovation, retail, di PTC. “Con l’IoT, i rivenditori hanno l’opportunità di plasmare il futuro del retail e ottimizzare la consumer experience. Desideriamo lavorare con NCR per guidare la convergenza del commercio fisico e digitale”. Con la scelta di ThingWorx prosegue il rapporto tra NCR e PTC. Oltre a ThingWorx, NCR utilizza il software Creo di PTC per aiutare nella progettazione, modellazione e simulazione di prodotto e la soluzione Servigistics di PTC per pianificare e fornire parti di servizio.

L’articolo NCR e PTC uniscono le forze per creare un’offerta di servizi “total premise” sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
NCR e PTC uniscono le forze per creare un’offerta di servizi “total premise”

Condividi:

MECSPE: siglato l’accordo tra Senaf e il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano

MECSPE: siglato l’accordo tra Senaf e il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano

Siglato l’accordo tra Senaf, società organizzatrice di MECSPE (Fiere di Parma, 22-24 marzo 2018), e il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano, in occasione dell’apertura della manifestazione di riferimento del manifatturiero 4.0, giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione. All’interno del convegno “Laboratori MECSPE Fabbrica Digitale, La via italiana per l’industria 4.0”, è stato infatti annunciato l’avvio di un incarico che Senaf affida alla grande realtà universitaria milanese per una ricerca nel campo dei nuovi ambienti per la fabbrica contemporanea denominata “Spazi del lavoro 4.0”.

Il programma di ricerca porterà all’elaborazione di uno studio articolato sui seguenti punti:
– Stato dell’arte: letteratura relativa ai nuovi spazi per la fabbrica contemporanea;
– Esempi significativi e buone pratiche nel contesto nazionale e internazionale;
– Interviste a interlocutori privilegiati e visite a casi significativi;
– Ipotesi relative agli scenari futuri.

“Con MECSPE nell’ultimo anno abbiamo avviato un percorso di cultura dell’industria 4.0 con testimonianze del processo di trasformazione in corso nel nostro Paese che hanno portato, nell’ultima tappa dei laboratori di Fabbrica digitale, ad una riflessione sulla centralità dell’uomo nella fabbrica del futuro – ha commentato Emilio Bianchi, Direttore di Senaf – Per questo sentiamo la necessità di affrontare, insieme a un partner autorevole come il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano, con cui condividiamo la stessa visione, un percorso di approfondimento sui parametri degli spazi della fabbrica che possano accogliere l’uomo come fulcro e attore protagonista. Il cammino comune prevede anche attività sulle nuove forme dell’interfaccia uomo-macchina e proseguirà fino all’anno prossimo”.

“Il progetto di ricerca ideato con Senaf, che mira a definire i nuovi scenari degli spazi della fabbrica, rappresenta un primo passo per analizzare in che modo la trasformazione digitale stia modificando gli ambienti di lavoro e comprendere meglio quale sia il posto dell’uomo nel nuovo contesto che sta venendo a crearsi – ha commentato Silvia Piardi, Direttore del Dipartimento di Design del Politecnico di Milano e Presidente della Conferenza Universitaria Italiana del Design – La traiettoria della ricerca partirà dallo studio dell’attuale situazione per poi delineare le buone pratiche in Italia e all’estero e tracciare lo scenario futuro”.

I numeri di MECSPE 2018
12 Saloni tematici, 28 unità dimostrative, 5 piazze dell’eccellenza, 2.200 Aziende presenti, 58 Convegni e Workshop, 110.000 mq di superficie espositiva.

I saloni di MECSPE
Macchine e Utensili – macchine utensili, utensili e attrezzature; Fabbrica Digitale – tecnologie informatiche per la gestione di una fabbrica intelligente; Motek Italy – automazione di fabbrica; Power Drive – Sistemi – Componenti – Meccatronica; Control Italy – metrologia e controllo qualità; Logistica – sistemi per la gestione della logistica, macchine e attrezzature; Subfornitura Meccanica – lavorazioni industriali in conto terzi; Subfornitura Elettronica – progettazione, lavorazioni elettroniche e componenti e accessori; Eurostampi, Macchine e subfornitura plastica – stampi e stampaggio; lavorazioni delle materie plastiche e della gomma; Additive Manufacturing – rapid prototiping e 3D printing; Trattamenti Superficiali – macchine e impianti per il trattamento e la finitura delle superfici; Nuovo salone dei materiali non ferrosi e leghe – alluminio, titanio, magnesio, compositi e tecnologie.

L’articolo MECSPE: siglato l’accordo tra Senaf e il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano sembra essere il primo su Stampi.

Source: Stampi
MECSPE: siglato l’accordo tra Senaf e il Dipartimento di Design del Politecnico di Milano

Condividi:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi