All posts by EuroLamec

Mazak: un passo verso il futuro

Mazak: un passo verso il futuro

La iSmart Factory di Mazak si fonda su pilastri chiave che fanno parte della Smooth Technology, ovvero la nuova SmartBox, che fornisce un’analisi più rapida dei dati con maggiore sicurezza, e il protocollo di comunicazione standard MT Connect. Una sinergia che porta tutti gli elementi a combinarsi tra loro per facilitare la condivisione in tempo reale dei dati tra produzione e uffici, riducendo notevolmente costi, tempi di consegna e di processo. La Smooth Technology, che incorpora il CNC più veloce al mondo e i software di gestione della fabbrica Smooth Process Support, rappresenta il cuore dell’Industry 4.0 di Mazak. Permette una riduzione dei tempi di produzione del 30%, connette intere fabbriche e officine e fornisce analisi e monitoraggio dati in tempo reale.

Oltre a Smooth Process Support, Smooth Scheduler e Smooth PMC, il CNC Mazak è dotato di numerosi nuovi programmi, uno tra questi è Application Programming Interface (API) che permette anche ai sofware non Mazak, come alcuni sistemi di automazione, di essere integrati nel CNC Smooth. Un’altra nuova funzione è Smooth Spindle Analytics, che fornisce analisi sulle performance del mandrino in tempo reale. La nuova Mazak SmartBox garantisce l’elaborazione sicura ed efficiente dei dati. Attraverso Cisco’s FOG, estende efficacemente il cloud computing al punto di origine di produzione dei dati. Ciò consente di analizzare i dati sensibili e agire in modo sicuro con velocità ottimale, con solo i dati selezionati inviati al cloud per l’analisi storica e l’archiviazione a lungo termine.

La cibersecurity viene massimizzata da una piattaforma di networking Cisco all’avanguardia e da Layer3 Switch Managed industrializzata per l’ambiente di fabbrica. La SmartBox può interfacciarsi con qualsiasi macchina dotata di un adattatore MT Connect, indipendentemente dal tipo di produttore, anno di produzione o CNC. Anche le macchine meno recenti possono dunque essere collegate con l’aggiunta del nuovo SensorBox. Elemento fondamentale della Mazak iSmart Factory è il già menzionato protocollo di comunicazione standard MT Connect, che consente la comunicazione incrociata di più macchine diverse, in fabbrica o in officina e permette l’esportazione di informazioni macchina in un formato standard.

Tecnologia e prestazioni in anteprima
Protagonista assoluta dello stand Mazak a EMO 2017 è stata VARIAXIS j-600AM, presentata agli addetti ai lavori in anteprima europea, ovvero la più recente generazione a tecnologia ibrida. Grazie alla fusione tra lavorazione multitasking e fabbricazione additiva, VARIAXIS J-600AM permette di lavorare particolari ad altissima precisione in un singolo set-up. Dotata di un mandrino a 12.000 giri/min, combinato con assi B e C, rappresenta la scelta ideale per una vasta gamma di applicazioni, tra cui la produzione e la riparazione di pezzi dedicati ai settori aerospace e oil & gas.

Richard Smith, European Group Managing Director di Yamazaki Mazak, ha dichiarato: “A EMO 2017, Mazak ha dimostrato la sua chiara leadership nello sviluppo di un’organizzazione preparata per l’avviamento dell’industry 4.0. Il concetto di iSmart Factory, che comprende SMOOTH Technology, SmartBox e MT Connect, offre una panoramica completa della fabbrica totalmente connessa. Con 15 macchine all’avanguardia, che fanno il loro debutto mondiale, il nostro obiettivo è quello di dimostrare che la fabbrica del “futuro” è già qui oggi. In definitiva, Industry 4.0 sta diventando un elemento sempre più critico per la produzione moderna e Mazak garantisce ai propri clienti, che colgono questa opportunità, la realizzazione del pieno potenziale delle loro capacità produttive aziendali”.

L’articolo Mazak: un passo verso il futuro sembra essere il primo su Stampi.

Source: Stampi
Mazak: un passo verso il futuro

Condividi:

SPS IPC Drives, a Norimberga numeri record per la 28° edizione

SPS IPC Drives, a Norimberga numeri record per la 28° edizione

Con 1,675 espositori su 130,000 mq di superficie espositiva in 16 padiglioni, la più grande fiera SPS IPC Drives di tutti i tempi, chiude oggi le sue porte. Il numero di visitatori fa registrare un altro record: all’incirca 70,264
visitatori del settore hanno utilizzato l’evento per informarsi sulle ultime soluzioni dell’automazione industriale. La SPS IPC Drives anche nel 2017 si dimostra ancora una volta l’evento più importante per il settore dell’automazione ed il momento saliente di fine anno.
Il motivo del successo della fiera è il forte potere innovativo delle 1,675 aziende espositrici, che si è percepito in quasi tutti gli stand. La fiera è stata caratterizzata dalle intensive discussioni tecniche con i visitatori sugli ultimi prodotti e gli attuali lanci di mercato, nonché dalle previsioni sull’automazione del futuro.
sps
Le tecnologie innovative dettano le regole del gioco. Il padiglione 6 tematicamente riorganizzato con particolare attenzione al software e all’IT nella produzione, è stato particolarmente apprezzato: gli Industrial Web Services, le piattaforme di business digitali e le soluzioni nei settori del software, dei servizi cloud e della cyber security sono stati molto richiesti tra i visitatori del settore. Inoltre è stata sfruttata l’opportunità di informarsi sugli argomenti di attualità del settore dell’automazione in spazi espositivi specifici per argomento, come lo stand collettivo “Automation meets IT”. Altri punti di riferimento particolarmente graditi sono stati lo stand collettivo di elaborazione delle immagini VDMA ed i quattro forum nelle sale espositive, che hanno dato vita ad un programma informativo ed avvincente con numerose conferenze e tavole rotonde. Anche i Guided Tour organizzati per la
prima volta su argomenti specifici, hanno suscitato grande interesse tra espositori e visitatori collezionando un gran numero di prenotazioni.
Appuntamento nel 2018. Il prossimo anno la SPS IPC Drives si terrà dal 27 al 29 novembre 2018 presso il Centro fieristico (Messezentrum) di Norimberga.

Source: Meccanica e Automazione
SPS IPC Drives, a Norimberga numeri record per la 28° edizione

Condividi:

Bando per la valorizzazione degli investimenti produttivi delle aziende lombarde

Bando per la valorizzazione degli investimenti produttivi delle aziende lombarde

Cosa: Risorse del POR FESR 2014-2020, con uno stanziamento pari a 75 milioni di euro per il finanziamento di investimenti produttivi inseriti in adeguati piani di sviluppo aziendale, volti allo sviluppo e all’efficientamento dell’operatività delle PMI lombarde.

Come: É possibile presentare domanda per due linee di intervento: “linea di sviluppo aziendale” per investimenti da realizzare nell’ambito di generici piani di sviluppo aziendale; “linea rilancio aree produttive” per investimenti basati su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo legati a piani di riqualificazione e/o riconversione territoriale di aree produttive. L’agevolazione è concessa per progetti con spese ammissibili tra 53 mila euro e fino a 3 milioni di euro per lo Sviluppo aziendale e fino a 6 milioni di euro per il Rilancio aree produttive.

Informazioni: La domanda può essere presentata fino al 31 dicembre 2019, esclusivamente online all’indirizzo www.siage.regione.lombardia.it. Dettagli su http://www.fesr.regione.lombardia.it/wps/portal/PROUE/FESR/Bandi/DettaglioBando/Agevolazioni/bnd-alvia-fesr/bnd-alvia-fesr.

L’articolo Bando per la valorizzazione degli investimenti produttivi delle aziende lombarde sembra essere il primo su Stampi.

Source: Stampi
Bando per la valorizzazione degli investimenti produttivi delle aziende lombarde

Condividi:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi