Nei cilindri Luxfer l’aria compressa di Mattei

Nei cilindri Luxfer l’aria compressa di Mattei

L’azienda inglese Luxfer Gas Cylinders è un esempio virtuoso di efficienza energetica e ha scelto Mattei per la fornitura di aria compressa, responsabile di oltre il 10% dei consumi di energia dello stabilimento di Nottingham.

Con 50 milioni di esemplari in funzione in tutto il mondo, Luxfer Gas Cylinders è il maggiore produttore di bombole a gas ad alta pressione, realizzate in alluminio o in altri materiali compositi. Caratterizzati da pesi contenuti, lunga durata nel tempo ed elevata resistenza alla corrosione, questi cilindri contengono gas speciali che trovano impiego in molteplici ambiti: dal medicale all’aerospaziale, dal primo soccorso all’industria manifatturiera, dall’automobilismo al trasporto. Fondata nel 1897 e specializzata inizialmente nella produzione di prismi di vetro, Luxfer ha modificato negli anni il suo core business e oggi è un gruppo internazionale che opera in Gran Bretagna, Usa, Canada, Cina e India. Nel quartier generale di Nottingham sono utilizzate oltre 80 apparecchiature per la produzione dei cilindri: la maggior parte di esse è costruita su misura in base alle esigenze dello specifico processo industriale ed è ad azionamento pneumatico, come nel caso delle macchine per la formatura e estrusione dell’alluminio. L’aria compressa è impiegata anche nelle linee di movimentazione dei materiali.

Un quarto di secolo con Mattei

Per tutte le esigenze industriali di aria compressa, Luxfer Gas Cylinders si affida da 25 anni a Mattei. Le mutate esigenze della produzione e il trasferimento nell’attuale sito di Nottingham hanno rappresentato l’occasione ideale per una valutazione della fornitura di aria compressa, in ottica di riduzione dei consumi di energia e di potenziamento dell’impianto con un nuovo compressore. Martin Chitty, Business Development Manager di Mattei Ltd spiega le fasi iniziali dello studio condotto su Luxfer: “Per valutare le esigenze dell’azienda e l’efficienza del sistema, abbiamo utilizzato il software di analisi MIEM di Mattei. Abbiamo registrato il consumo elettrico totale di ciascun compressore ogni 15 secondi su un periodo di 7 giorni, tenuto conto della conformità agli standard internazionali per la valutazione dell’efficienza energetica dell’aria compressa. Alla luce dei risultati, abbiamo consigliato di inserire un ulteriore compressore nel sistema, indicando quale soluzione ottimale il modello ad alta efficienza Maxima Xtreme 75“. Il design dei compressori rotativi a palette Mattei permette di avere un processo di compressione dell’aria molto efficiente dal punto di vista volumetrico: operano, infatti, a basse velocità grazie all’accoppiamento diretto e non presentano “blow-hole” o fughe di aria, tipiche dei compressori a vite. Maxima Xtreme impiega, inoltre, la più recente tecnologia Mattei di iniezione dell’olio, oltre al nuovo olio ad alte prestazioni che contribuisce a ridurre ulteriormente il consumo energetico. La serie Maxima ha una velocità di rotazione costante di soli 1000 giri al minuto ed è la soluzione ideale per aziende come Luxfer, che necessitano, per lunghi periodi di tempo, di volumi di aria compressa ingenti.

Avevamo considerato anche altri produttori, ma abbiamo confermato la fiducia in Mattei, per la sua esperienza – afferma Steve Pikett –. In base all’analisi fornitaci da MIEM, Mattei ci ha suggerito di potenziare il nostro impianto con il modello Maxima Xtreme 75. Gli altri due compressori entrano in funzione solo in caso di ulteriori richieste di aria: in questo modo si riducono i consumi di energia, i costi e l’impatto ambientale”.

Soddisfazione per il lavoro svolto da Mattei da parte di Steve Pikett che così conclude: “L’introduzione di Maxima Xtreme sta già dando buoni risultati: è semplice e intuitiva da utilizzare ed è possibile monitorare continuamente il carico di aria e i relativi consumi di energia“.

 

L’articolo Nei cilindri Luxfer l’aria compressa di Mattei sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Nei cilindri Luxfer l’aria compressa di Mattei

Condividi:

7° vector award: il premio per le catene più audaci

7° vector award: il premio per le catene più audaci

7° vector award

7° vector award: una giuria di esperti premierà le applicazioni più audaci nel campo delle catene portacavi e dei sistemi per catene portacavi pronti all’uso. A differenza di celebrità e altri VIP che si mettono in bella vista sui tapetti rossi e ambiscono a cerimonie di premiazione, i costruttori non sono mai sotto i riflettori… Ma proprio loro e le loro innovazioni meritano più attenzione; la giuria di esperti del vector award ne è certa: in fondo sono loro e le loro invenzioni a cambiare le cose, nell’industria e non solo. Ecco perché i progettisti sono chiamati a concorrere per il 7° vector award, partecipando con le applicazioni più audaci con i sistemi per catene portacavi.  In molti settori, per innumerevoli applicazioni, le catene portacavi sono – da tempo – lo standard per alimentazione, trasmissione dati e segnali. In migliaia di macchine e impianti, in tutto il mondo, questi sistemi garantiscono la guida sicura di cavi e tubi. Spesso devono soddisfare requisiti molto stringenti e superare sfide molto particolari. Per esempio in caso di velocità e dinamiche elevate, di movimenti torsionali o in caso di spazi di installazione molto ridotti. La giuria del 7° vector award è proprio alla ricerca di queste applicazioni speciali.

Le registrazioni sono già aperte

Le iscrizioni devono essere effettuate online entro il 28 febbraio 2020. Insieme al modulo di iscrizione, possono essere inviati testi, foto e video delle applicazioni con catene portacavi. Il concorso vector è un’iniziativa su scala globale: “In occasione del vector award di due anni fa, hanno partecipato 187 team provenienti da oltre 30 Paesi”, spiega Michael Blaß, responsabile della divisione sistemi per catene portacavi in igus. “Anche questa volta attendiamo molti partecipanti internazionali.” I progetti iscritti al vector award saranno esaminati da una giuria indipendente composta da professionisti provenienti dal mondo della ricerca, della stampa specializzata e dell’industria. Il vector d’oro, con un premio in denaro di €5.000, verrà attribuito alla soluzione con catena portacavi più audace e più ingegnosa. Le premiazioni si terranno alla fiera di Hannover 2020.

Chi sarà il prossimo vincitore?

Fin dalla prima edizione nel 2008, ogni due anni, il concorso vector punta i riflettori sulle straordinarie soluzioni messe a punto da costruttori provenienti da tutto il mondo. Tra i vincitori contiamo un robot per la rivettatura di fusoliere del costruttore spagnolo Loxin (vector d’oro 2018), un sistema per trivellazioni completamente automatico della norvegese Robotic Drilling Systems (vector d’oro 2016) o un modulo concepito dall’Università di Duisburg-Essen per i magazzini automatici verticali (vector d’oro 2014). Le applicazioni sono molto diverse tra loro, ma hanno una cosa in comune: mostrano le potenziali soluzioni e la molteplicità delle applicazioni dei sistemi per catene portacavi e sono fonte di inspirazione per altri costruttori. Michael Blaß conferma: “Il vector dimostra in modo convincente che oggi tutto è possibile con le catene portacavi – anche soluzioni nuove ed inaspettate. E siamo proprio curiosi di scoprire quali saranno le sorprese di questa nuova edizione.” Informazioni e condizioni di partecipazione sono disponibili alla pagina www.igus.it/vector-award.

L’articolo 7° vector award: il premio per le catene più audaci sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
7° vector award: il premio per le catene più audaci

Condividi:

Magic Leap e PTC potenziano la realtà aumentata

Magic Leap e PTC potenziano la realtà aumentata

Vuforia

PTC ha stretto un’alleanza strategica con Magic Leap per consentire alle imprese e ai clienti operanti in ambito industriale di sfruttare sinergicamente le capacità della sua soluzione software Vuforia Engine con le prestazioni offerte dai dispositivi wearable Magic Leap 1. Vuforia Engine di PTC è la soluzione software leader di mercato che offre agli utenti avanzate capacità di AR multipiattaforma grazie al supporto di una vastissima gamma di dispositivi attualmente in commercio. A partire da questo mese, PTC offrirà Vuforia Engine ai clienti di Magic Leap 1, che in tal modo avranno accesso alle ultime innovazioni AR messe a punto da PTC, tra cui la tecnologia Model Target basata su intelligenza artificiale (AI) con apprendimento evoluto. Le caratteristiche di Vuforia Engine combinate con le soluzioni wearable di Magic Leap, che offrono avanzate capacità di elaborazione spaziale, consentiranno agli utenti di implementare soluzioni innovative e di eccezionale valore. “Le aziende leader oggi necessitano di scegliere le soluzioni hardware e software più confacenti alle loro esigenze”, ha affermato Michael Campbell, Executive Vice President e General Manager dei prodotti di realtà aumentata di PTC. “La collaborazione avviata con Magic Leap consentirà ai numerosi clienti che operano in ambito industriale di combinare sinergicamente la nostra avanzata tecnologia software AR con uno degli hardware più potenti attualmente disponibili sul mercato”.

L’era della trasformazione digiale

Nell’era della digital transformation, le imprese guardano alle nuove tecnologie quale mezzo indispensabile per soddisfare le aspettative dei propri clienti e vincere le sfide di un mercato globale sempre più incerto, dove la pressione sui costi è in aumento e la manodopera specializzata è spesso difficile da reperire. La realtà aumentata offre un modo innovativo ed efficace per consentire alle persone di fruire dei più avanzati contenuti digitali dove e quando ne hanno bisogno, in tal modo aumentando l’efficienza dei processi aziendali, offrendo modalità di training di grande efficacia e conseguendo sensibili risparmi sui costi.  “È con grande entusiasmo che abbiamo siglato questo accordo di partnership con PTC”, ha dichiarato Omar Khan, Chief Product Officer di Magic Leap. “A livello enterprise le opportunità offerte dalla tecnologia AR sono enormi e riguardano trasversalmente tutti gli ambiti applicativi. Il nostro obiettivo è di consentire a tutte le aziende di incrementare la propria produttività, sfruttando l’incredibile potenziale dello spazio di lavoro digitale che viene reso accessibile dalla realtà aumentata”.

L’articolo Magic Leap e PTC potenziano la realtà aumentata sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Magic Leap e PTC potenziano la realtà aumentata

Condividi:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi