Archives: 20 Gennaio 2022

Componenti smart: una guida da scaricare

Componenti smart: una guida da scaricare

Lo sviluppo di soluzioni e componenti smart non è un concetto facilmente implementabile, perché molteplici sono i parametri da dover tenere in considerazione, sia durante la progettazione sia durante l’accoppiamento con la macchina.

Ma questo non deve assolutamente far pensare che non esistano soluzioni già pronte per l’uso. Diverse sono le strade che si stanno sperimentando o che sono già disponibili sul mercato. La guida “Componenti smart per sistemi efficienti e sostenibili” ne fornisce una breve panoramica.

Scarica la guida

L’articolo Componenti smart: una guida da scaricare sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Componenti smart: una guida da scaricare

Condividi:

Workshop online: Electric motor cooling for automotive applications

Workshop online: Electric motor cooling for automotive applications

Online workshop – free access
Electric motor cooling for automotive applications
January 31st 2022, 10:00 am – 1:00 pm CET in Rome

 

La piattaforma di informazione tecnica internazionale Electric Motor Engineering e la casa editrice Tecniche Nuove, in collaborazione con il professor Marco Villani, docente di Progettazione di Macchine Elettriche e Sistemi Elettrici per la Mobilità presso l’Università dell’Aquila, organizzano per il giorno 31 gennaio 2022, dalle ore 10.00 alle ore 13.00 un seminario online sul tema del raffreddamento dei motori elettrici nelle applicazioni automotive.

Le implicazioni tecniche relative alla dissipazione del calore nei veicoli a trazione elettrica sono molteplici. Primo fra tutti l’elevato regime di rotazione che mette a dura prova l’intera power-unit del veicolo.

Sono allo studio numerose soluzioni per rendere i veicoli affidabili e sicuri; quelle per raffreddare la parti attive del motore sono fra le più numerose.

Il seminario vuole fare luce su quanto si sta facendo dal punto di vista ingegneristico coinvolgendo mondo accademico e industrie.

Destinatari di queste informazioni sono tutti gli operatori dell’indotto automotive, dai costruttori OEM, ai fornitori Tier One e Tier Two.

 

I quattro Topics

Esperti provenienti dal mondo accademico e della ricerca ingegneristica, insieme a fornitori di tecnologie e soluzioni, dibatteranno durante l’incontro i seguenti topics:

  • Sistemi di raffreddamento innovativi (es. raffreddamento statore, raffreddamento albero, raffreddamento testate e combinazioni di più sistemi)
  • Carcasse «customizzate» per motori elettrici di trazione (realizzate anche con tecnologie di stampa 3D)
  • Sistemi di tenuta per il raffreddamento a liquido di motori elettrici
  • Software «avanzati» per l’analisi termica di motori elettrici per automotive

L’evento si svolgerà in diretta streaming in lingua inglese, con possibilità finale di Q&A con i nostri esperti del settore.  

 

IL PROGRAMMA

Electric motor cooling for automotive applications

Seminario online – 31 gennaio 2022 ore 10:00-13:00

Tecniche Nuove, Electric Motor Engineering

 

Online workshop – free access
Electric motor cooling for automotive applications
January 31st 2022, 10:00 am – 1:00 pm CET in Rome

 

Mechanical seals for electric motors cooling systems

Alessandro Ventura, Corporate Technical Director Meccanotecnica Umbra

Stator housing and Rotor shafts for Electric motors with integrated cooling circuits

Philipp Bucher, Head of Sales LCD LaserCut AG

Advanced software for thermal analysis of electric motors
Giada Venturini, E-Machine Engineer Motor Design Ltd
Husain Adam, Thermal Specialist Engineer Motor Design Ltd

EV/HEV motors Potting: advantages in terms of thermal dissipation

Alberto Menozzi, Plant Manager – Technical Director, Demak Polymers (Demak Group)

REGISTRATI QUI

L’articolo Workshop online: Electric motor cooling for automotive applications sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Workshop online: Electric motor cooling for automotive applications

Condividi:

Tendenze tecnologiche per Industry 5.0

Tendenze tecnologiche per Industry 5.0

Industry 5.0: Mike Bacidore di Control Design ha riassunto, per conto di Rockwell Automation, quanto illustrato da Cyril Perducat nel corso del suo speech all’ultima edizione di Automation Fair 2021.

L’automazione industriale raramente è cambiata a un ritmo così elevato. I vari trend tecnologici hanno spinto le imprese così velocemente verso Industry 4.0 che Frost & Sullivan ha già sviluppato le basi di Industry 5.0. Integrazione edge-and-cloud, ambienti di sviluppo convergenti, intelligenza artificiale (AI) e produzione autonoma sono molto più che semplici concetti. Queste innovazioni tecnologiche sono già realtà.

Verso l’Industry 5.0

“Stiamo vivendo un momento unico nel nostro settore,” ha spiegato Cyril Perducat, Senior Vice President e Chief Technology Officer di Rockwell Automation, che ha presentato i piani futuri dell’azienda all’Automation Fair 2021 di Houston. “Il futuro è un cammino che stiamo già percorrendo. Se penso a Industry 4.0, termine coniato per la prima volta nel 2011, possiamo certamente dire, in questi dieci anni, di avere imparato tanto su ciò che può offrire. E il Covid ha accelerato molto le cose.” Connettività remota, ingegneria avanzata con digital twin, mix di asset fisici e digitali, e cambiamento dell’interazione uomo-macchina ci stanno portando verso Industry 5.0.

Non è presto per guardare all’Industry 5.0

Perducat si è chiesto se sia troppo presto per guardare a Industry 5.0 quando tutte le promesse di Industry 4.0 non sono ancora state mantenute, tuttavia, ha identificato nella comparazione di Frost & Sullivan tra Industry 4.0 e Industry 5.0, cinque cambiamenti che sono raggiungibili e impattanti:

  • customer experience,
  • iper personalizzazione,
  • supply chain reattiva e distribuita,
  • prodotti interattivi e
  • ritorno della manodopera nelle fabbriche.

“Possiamo offrire maggiori potenzialità alle persone,” ha detto Perducat. “Le risorse umane scarseggiano. Fornendo sistemi che rendono l’interazione uomo-macchina più efficiente, la rendiamo più incisiva e allo stesso tempo sicura.”

Rockwell Automation ha identificato quattro aree in cui la tecnologia può far progredire le aziende lungo questo percorso:

  • evoluzione di cloud, edge e software,
  • controllo universale e ambienti di sviluppo integrato (IDE) convergenti,
  • gestione operazioni tramite AI nativa, compresi software as a service (SaaS) e servizi digitali, e
  • sistemi autonomi e augmented workforce.

“Crediamo nel controllo a livello di impresa,” ha spiegato Perducat. “Crediamo nei sistemi con un’architettura definita dal software e con l’hardware a supporto. Non significa che l’hardware stia diventando obsoleto, e neanche che ogni elemento del sistema debba essere intelligente. L’intero sistema, dal dispositivo all’edge e al cloud, è intelligente. L’architettura edge + cloud è fondamentale.”

Un ambiente convergente

In un ambiente convergente, controllo, sicurezza e movimento si uniscono e devono lavorare in modo integrato. Ciò è particolarmente vero con la crescita della robotica. “I confini tra controllo e robotica sono sempre più labili,” ha aggiunto Perducat. “La sicurezza è fondamentale in questa architettura più complessa: il sistema non funziona se non è sicuro.”

La gestione delle operazioni diventa più efficiente quando l’AI è nativa nell’architettura ed è al livello dell’impresa. “Una visione olistica richiede molti dati e la capacità di elaborare tali dati,” ha spegato Perducat. “Una parte di ciò deve essere autonoma usando le potenzialità dell’IA; non è solo uno strumento in più ma è presente ovunque nell’architettura.

Possiamo usare l’AI sulla macchina per tradurre le vibrazioni in dati oppure possiamo pensare all’IA in termini di modellazione del processo. E il controllo predittivo basato sul modello si sta evolvendo con l’AI. E’ nel momento in cui possiamo organizzare tutti gli elementi dell’architettura che abbiamo un sistema.”

Un motore di modellazione

FactoryTalk Analytics LogixAI è un motore di modellazione che permette l’ottimizzazione a ciclo chiuso attraverso quattro fasi: osservazione (sensore), deduzione (modello), decisione (controllore) e azione (attuatore). In ultima analisi, passando da sistemi automatizzati a sistemi autonomi, è possibile prendere decisioni migliori per espandere le possibilità umane.

L’AI può anche aiutare a semplificare la progettazione. “Si può usare l’intelligenza artificiale per creare blocchi di codice, come individui che lavorano insieme fianco a fianco, ma con l’AI le potenzialità umane aumentano,” ha spiegato Perducat.

“Vediamo il passaggio verso la produzione autonoma come un’opportunità per fornire valore ai nostri clienti,” ha aggiunto. “I sistemi autonomi stanno ridefinendo i principi fondamentali dei sistemi di controllo autonomi. Non c’è bisogno di buttare via tutto e sostituire. Abbiamo la capacità di potenziare i sistemi esistenti con le nuove tecnologie.”

Perducat ha sottolineato che non si tratta solo di innovazione tecnologica. “La tecnologia crea solo possibilità o valori potenziali,” ha spiegato. “Deve essere accessibile agli utenti, quindi dobbiamo innovare dal punto di vista della “user experience”. “Vogliamo migliorarla per tutti i prodotti, soluzioni e modelli. In un mondo nativo digitale, l’innovazione va oltre la tecnologia e le funzionalità”.

L’articolo Tendenze tecnologiche per Industry 5.0 sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Tendenze tecnologiche per Industry 5.0

Condividi:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi