Nuovo consorzio Hitachi ABB Power Grids

Un consorzio guidato da Hitachi ABB Power Grids si è aggiudicato un contratto per centinaia di milioni di dollari da Saudi Electricity Company e da Egyptian Electricity Transmission Company per la prima interconnessione HVDC su larga scala in Medio Oriente e Nord Africa.

L’interconnessione permetterà al Regno dell’Arabia Saudita e alla Repubblica Araba d’Egitto di scambiare fino a 3.000 MW di elettricità – molti dei quali dovrebbero essere generati da fonti di energia rinnovabili in futuro. La connessione sosterrà il flusso di energia in più direzioni tra tre terminali e sarà la prima interconnessione che permetterà lo scambio di energia elettrica tra i due paesi.

Il leader mondiale tecnologico e di mercato fornirà tecnologie avanzate per il collegamento ad alta tensione in corrente continua (HVDC) tra i paesi. Questo include la fornitura di tre converter HVDC a Medina e Tabuk in Arabia Saudita e Badr in Egitto1. L’azienda fornirà anche studi di sistema, progettazione e ingegneria, trasformatori, valvole, attrezzature ad alta tensione, consulenza tecnica, messa in servizio e assistenza, in collaborazione con due partner del consorzio – Saudi Services for Electro Mechanic Works in Arabia Saudita e Orascom Construction in Egitto.

Il collegamento HVDC darà all’Egitto l’accesso alle reti elettriche interconnesse del Golfo Persico e all’Arabia Saudita l’accesso a quelle del Nord Africa, rafforzando la resilienza della rete e la sicurezza dell’approvvigionamento energetico. Entrambi i paesi hanno ambiziosi obiettivi di neutralità carbonica. Il Regno dell’Arabia Saudita sta lavorando per aumentare la quota di gas naturale e di fonti di energia rinnovabili a circa il 50% entro il 20302 e la Repubblica Araba d’Egitto intende aumentare la fornitura di elettricità generata da fonti rinnovabili al 42% entro il 20353. La connessione contribuisce direttamente alla realizzazione di questi obiettivi. Il valore dell’investimento nel paese è significativo, generando nuovi posti di lavoro e il trasferimento di conoscenze per le persone in Arabia Saudita e in Egitto.

Secondo S.A.R. il principe Abdulaziz Bin Salman – ministro saudita dell’energia – si tratta di un’importante  pietra miliare che evidenzia le linee guida la corretta attenzione prestata dai due paesi fratelli, rappresentati dal Custode delle Due Sante Moschee – Re Salman bin Abdulaziz Al Saud e Sua Eccellenza il presidente Abdelfattah Al-Sisi. Tra un pacchetto di accordi economici, di sviluppo e politici accordati dai due paesi, il MOU è venuto alla luce, rafforzando la prospera cooperazione di Arabia Saudita ed Egitto nell’interconnessione delle loro reti elettriche.

S.A.R. il ministro dell’energia ha sottolineato che i piani d’interconnessione elettrica in Arabia Saudita sono conformi alla Vision 2030 e sono oggetto di attenta cura da parte di Sua Altezza Reale il principe Mohammed bin Salman, principe ereditario, vice primo ministro e ministro della difesa. Sfruttando la sua posizione strategica e ottimizzando la più grande rete elettrica del Medio Oriente e del mondo arabo, l’Arabia Saudita punta ad essere un hub regionale per lo scambio di energia e un trader di primo piano nel mercato.

S.E. il ministro egiziano dell’elettricità e delle energie rinnovabili, il dottor Mohamed Shaker El-Markabi, ha affermato che il progetto riflette le profonde relazioni egiziano-saudite nel corso della loro ricca storia e la loro leadership. El-Markabi ha anche evidenziato gli incessanti sforzi dell’Egitto e dell’Arabia Saudita per raggiungere obiettivi sociali ed economici sostenibili in tutto il mondo arabo. Ha affermato che tale interconnessione congiunta è un inizio per un’interconnessione pan-araba, a complemento delle loro visioni verso il 2030.

Il ministro egiziano dell’elettricità e delle energie rinnovabili ha aggiunto che la robusta connessione tra due delle più grandi reti elettriche della regione promette stabilità e affidabilità nella fornitura di energia, con una crescita dei ritorni economici e di sviluppo dallo scambio di circa 3000 megawatt di elettricità.

Mostrando i loro importanti piani di espansione per le risorse energetiche rinnovabili, tale cooperazione è una valvola di sicurezza per la natura instabile delle energie rinnovabili. Enormi investimenti saranno dedicati nel prossimo futuro per affrontare questa natura instabile.

“La transizione dell’energia pulita è una delle sfide più urgenti e importanti dei nostri tempi e dobbiamo innovare e collaborare per accelerare il nostro futuro senza carbonio”, ha detto Claudio Facchin, CEO di Hitachi ABB Power Grids. Ha continuato: “Siamo orgogliosi di avere l’opportunità di lavorare con i nostri stimati clienti e partner nel Regno dell’Arabia Saudita e nella Repubblica Araba d’Egitto per questo prestigioso progetto. In Hitachi ABB Power Grids, stiamo rendendo possibili le interconnessioni tra i continenti, con una capacità unica di scambiare energia elettrica in modo affidabile su larga scala, attraversando i confini e i fusi orari”.

Nel lungo termine, il collegamento avrà il potenziale per essere parte di un sistema energetico ancor più interconnesso con l’Europa e il Mediterraneo orientale, permettendo lo scambio di energia solare dal sud e dall’est con l’energia eolica e idroelettrica dal nord.

 

Interconnessione HVDC Arabia Saudita-Egitto:

L’interconnessione HVDC trasporterà fino a 3.000 MW di elettricità a 500 kV lungo 1.350 km usando linee elettriche aeree e un cavo sottomarino attraverso il Mar Rosso. L’energia sarà in grado di fluire in più direzioni tra i tre terminali – per esempio, da Tabuk a Badr, ma anche contemporaneamente da Tabuk a Medina. Con il sistema di controllo MACH™ all’avanguardia, il flusso di energia può essere controllato e invertito tra le stazioni senza interrompere il flusso continuo di energia, fornendo la massima flessibilità, la resilienza della rete e la sicurezza delle forniture a entrambi i paesi.

L’HVDC è una tecnologia chiave per la transizione energetica sostenibile e Hitachi ABB Power Grids aggiunge continuamente nuova capacità per soddisfare la crescente domanda di soluzioni HVDC a livello globale. Per esempio, Hitachi ABB Power Grids è stata coinvolta nel go live del North Sea Link, che è stato messo in servizio commerciale all’inizio di questo mese. Con i suoi 720 km, il North Sea Link è il più lungo cavo elettrico sottomarino del mondo che collega i mercati dell’energia della Norvegia e della Gran Bretagna e consente lo scambio di energia rinnovabile tra i paesi. Hitachi ABB Power Grids ha aperto la strada alla tecnologia HVDC commerciale quasi 70 anni fa e ha realizzato più della metà di tutti i progetti HVDC nel mondo.

 

Note

1 Medina è la quarta città più grande dell’Arabia Saudita e Tabuk è vicina alla progettata nuova area di Neom. Badr è una città industriale in forte crescita vicino a Il Cairo e al canale di Suez.

2 Gli obiettivi di neutralità carbonica per il Regno dell’Arabia Saudita sono pubblicati qui.

3 Gli obiettivi di neutralità carbonica per la Repubblica Araba d’Egitto sono pubblicati qui.

Source: Meccanica e Automazione
Nuovo consorzio Hitachi ABB Power Grids

Condividi: