Terapie personalizzate per trattamenti più efficaci grazie alla stampa 3D

Un nuovo processo multimateriale sviluppato dai ricercatori nel Regno Unito può essere utilizzato per fabbricare protesi e persino farmaci su misura per i pazienti. Alla base di ciò, un algoritmo informatico in grado di progettare e produrre oggetti stampati in 3D composti da due materiali polimerici di diversa durezza che impediscono anche l’accumulo del biofilm batterico. L’obiettivo: combinare tecniche di stampa 3D multimateriale per prestazioni ottimizzate per protesi e altri dispositivi medici personalizzati. Così, grazie a un unico processo di progettazione intelligente che può essere applicato a dispositivi medici stampati in 3D con forme e funzioni personalizzabili, è possibile soddisfare le esigenze specifiche e complesse di ogni paziente, che i dispositivi medici prodotti in serie non possono fare.

Medicina 4.0

L’innovazione sviluppata dal team presenta due aspetti chiave: i materiali, con la realizzazione di due nuove formulazioni di inchiostro e prestazioni meccaniche diverse ma entrambe resistenti alla formazione di biofilm batterico, compatibili con la stampa 3D a getto d’inchiostro, e l’algoritmo generativo per progettare la distribuzione di ciascun materiale per massimizzare le sue prestazioni uniche e guidare il processo di stampa 3D. Grazie a questa tecnologia sono stati realizzati un dispositivo di impianto articolare su misura, in grado di combattere la resistenza batterica e l’infezione, e pillole stampate in 3D in grado di rilasciare i medicinali in base alle esigenze del paziente. Secondo i ricercatori, questa tecnica di stampa 3D multimateriale, combinata con la progettazione assistita da computer, potrebbe rivoluzionare la produzione di dispositivi specifici con funzioni oltremodo personalizzabili.

L’articolo Terapie personalizzate per trattamenti più efficaci grazie alla stampa 3D sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Terapie personalizzate per trattamenti più efficaci grazie alla stampa 3D

Condividi: