Archives: 1 Luglio 2021

Rettifica di Gitek con motori lineari di Bosch Rexroth

Rettifica di Gitek con motori lineari di Bosch Rexroth

Gitek

Gitek ha realizzato una rettifica speciale per l’affilatura di lame nel campo alimentare dotata dei motori lineari di Bosch Rexroth.

Gitek è un’azienda italiana affermata nel campo della progettazione di macchine utensili speciali, con sede a Caronno Pertusella (Varese). Si distingue nel panorama italiano per i suoi progetti ambiziosi che valorizzano la catena del valore Made in Italy al servizio di end-user di alto profilo.

Si tratta di un’eccellenza che dimostra grande versatilità e ingegno nello sviluppo delle proprie soluzioni, come per esempio la macchina utensile costituita da 15 assi a motori lineari e torque con unità di carico e scarico composta da un robot antropomorfo, totalmente indipendente, il prototipo di un acceleratore elettronico per moto da corsa, il progetto nel campo medico di una pistola dermatoscopica per lo studio dei nei, la rettifica speciale a motori lineari, il prototipo di una saldatrice ad ultrasuoni per metalli completamente elettronica con annesso software di gestione e la rettifica speciale con motori lineari e torque con sistemi di misura assoluti integrati nelle guide induttive. Inoltre, nel 2009 ha partecipato anche a un progetto per la base spaziale orbitante.

Gitek è specializzata nello studio e nella progettazione di soluzioni innovative capaci di migliorare la qualità del lavoro sia nella robotica che nelle macchine utensili speciali ad alta tecnologia.

La rettifica speciale per l’affilatura di lame di Gitek

Gitek e Bosch Rexroth cooperano dall’85 e negli ultimi anni la loro collaborazione e sinergia sono diventate sempre più intense. Per GITEK, Bosch Rexroth è sempre stato un punto di riferimento per la costruzione di macchine utensili a controllo numerico. Grazie alla storicità e al reciproco know-how nasce la Rettifica speciale con motori lineari di Bosch Rexroth.

Gitek

La rettifica è una macchina progettata interamente in Italia e ad hoc per il cliente, la quale produce e rettifica lame per il packaging nell’ambito dell’industria alimentare. Esegue la rettifica sia in tangenziale, sia per la dentatura della lama che andrà a realizzare il pretaglio delle vaschette per il contenimento dei cibi confezionati tramite realizzazione di fustelle e non solo, le lame dentate servono anche per il pretaglio di bobine di carta, nastri adesivi, sacchetti in plastica e sacchetti

Gitek

in materiale biodegradabile per la raccolta differenziata. Il materiale impiegato per la sua costruzione è una lamiera in acciaio di medio spessore elettrosaldata e caratterizzata da un trattamento di ricottura per la distensione delle fibre. Successivamente viene rettificata per creare gli alloggiamenti per le guide, i cuscinetti e i motori. La macchina è composta da 7 assi, di cui 4 in controllo numerico e3 assi mandrini, per le varie tipologie di rettifica.

Le guide lineari vengono montate su pattini a ricircolo di sfere taglia 45 con sistema di misura integrato IMS assoluto di Bosch Rexroth. Sugli assi lineari vengono poi montati i motori Torque. Il motore è necessario per fare il posizionamento dei tre elettromandrini, di cui due per la rettifica  delle lame, mentre uno per la rettifica delle molle che vanno poi a rettificare le lame. Si tratta di una macchina discretamente grande e con un peso totale di 13.000Kg.

Le corse sono di 2300 mm per l’asse X di rettifica e rispettivamente 600 mm e 500 mm per l’asse Y e Z di posizionamento, mentre l’asse di posizionamento rotante è di circa 180°. Vengono montati 2 elettromandrini da 9 Kw0 – 6000 giri/min e un ravvivatore mola 0 – 3000 giri/min. Gli assi  X, Y e Z sono equipaggiati da motori lineari.

Attorno alla macchina viene costruita una carteratura in acciaio inox e una cabina di protezione in lamiera verniciata con le porte scorrevoli nella parte anteriore. È presente anche un quadro elettrico e un sistema di raffreddamento dei motori a bordo macchina. Tutto il ciclo produttivo della macchina avviene in Italia ed è dedicata al mercato italiano, quindi accede all’Industria 4.0.

Gitek

Quello che contraddistingue la soluzione sono i motori lineari di Bosch Rexroth. L’abbinata vincente è stata infatti quella di accoppiare il controllo numerico ai motori lineari Bosch Rexroth e l’Iot del Twin Pair dell’Industry 4.0.

I tempi di realizzazione sono stati particolarmente celeri e tra la fase dell’ordine e della consegna della macchina al cliente sono passati solo 6 mesi.

Affidabilità, incremento di fatturato e risparmio di energia

La rettifica è una macchina altamente affidabile che lavora su 2 turni, grazie ai motori lineari e alla sua capacità di eseguire più lavorazioni contemporaneamente. Grazie alla programmazione è possibile monitorare meglio la produzione ed è stata progettata a operare senza presidio nei tempi di esecuzione del lavoro.

In termini di sostenibilità la rettifica, rispetto alla versione del 2018, consuma 20% in meno di energia e in termini di fatturato porta un incremento pari al 20-25%.

Il valore di un partner come Bosch Rexroth

“Per noi Bosch Rexroth rappresenta il leader sul mercato per quanto concerne la varietà e versatilità della sua offerta, in grado di spaziare in tutti i campi con le sue tecnologie e i suoi sistemi. Un partner affidabile, efficiente e collaborativo”, afferma Gianfranco Pigato (Titolare azienda)

“Una delle più grandi soddisfazioni, prosegue Manuel Tosi, OEM Sales Manager, è quando i nostri clienti ci danno la libertà di partire dal progetto per sviluppare una soluzione multi-tecnologica.”

L’articolo Rettifica di Gitek con motori lineari di Bosch Rexroth sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Rettifica di Gitek con motori lineari di Bosch Rexroth

Condividi:

Indumenti da lavoro: U-Power lancia la linea estiva

Indumenti da lavoro: U-Power lancia la linea estiva

U-Power rispetta le esigenze dei lavoratori in ogni periodo dell’anno. In particolare, per aiutarli ad affrontare i mesi più caldi, propone indumenti da lavoro leggeri e traspiranti che offrono performance elevate assicurando il massimo comfort grazie all’accurata selezione dei materiali.

La t-shirt Fluo

Capo jolly per il look estivo firmato dal brand novarese è, innanzitutto, la t-shirt Fluo, che – come dice il nome – spicca per i suoi colori sgargianti e per la freschezza del tessuto.

Realizzata in 100% cotone fiammato di alta qualità, ottenuto con fili di spessore variabile, è estremamente confortevole, traspirante e delicata sulla pelle. Ottima vestibilità slim-fit, girocollo a coste e logo ricamato tono su tono rendono Fluo piacevole da indossare anche durante il tempo libero. Disponibili in arancione, giallo, verde e rosa permette di creare outfit coordinati con i capispalla e i pantaloni U-Power.

Indumenti da lavoro pratici e leggeri

Per combinare eleganza e praticità in estate, per esempio, la scelta ideale è il bermuda Mercury della linea Future. Realizzato in tessuto U-4 (U-Power 4 way stretch), garantisce la più completa libertà di movimento. Resistente, morbido sulla pelle ed idrorepellente, è traspirante e asciuga rapidamente. Dotato di elastico in vita con un sistema innovativo di regolazione a scomparsa e carrè posteriore accentuato per una maggior protezione della parte lombare, Mercury è completo di nastro reflex su passante tubolare posteriore.

Offre un generoso spazio di storage: due ampie tasche anteriori, una tasca laterale porta utensili – multifunzionale con porta badge a scomparsa –, due tasche posteriori – una con pattina e una con chiusura di sicurezza a velcro – e altre due tasche, chiuse con zip in corrispondenza del tascone laterale e della tasca frontale destra. È disponibile in quattro sfiziose varianti colore, che, abbinate alle t-shirt Fluo, consentono di comporre il total-look perfetto sia per funzionalità che per estetica. Oltre a black carbon e a deep blue, contraddistinti da dettagli gialli e arancioni, è possibile optare anche per asphalt grey e per la nuova combinazione cromatica asphalt grey green. È, inoltre, disponibile la variante femminile con i dettagli fucsia. Per chi sceglie il colore verde, infine, è possibile coordinare l’insieme con la scarpa ultratraspirante Specter della linea Red 360, per un completo da lavoro impeccabile.

L’articolo Indumenti da lavoro: U-Power lancia la linea estiva sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Indumenti da lavoro: U-Power lancia la linea estiva

Condividi:

Seepex entra a far parte di Ingersoll Rand

Seepex entra a far parte di Ingersoll Rand

Seepex

Seepex, azienda a proprietà familiare con sede a Bottrop, entra a far parte di Ingersoll Rand e si prepara all’accelerazione della crescita.

Lo specialista nella tecnologia delle pompe a cavità progressiva, dei sistemi di pompaggio e delle soluzioni digitali si unisce a Ingersoll Rand, per accelerare la sua crescita e continuare una storia di successo lunga più di 45 anni.

Ingersoll Rand è un fornitore globale di soluzioni industriali e di creazione di flussi mission-critical. Con l’acquisizione di Seepex, Ingersoll Rand sta perseguendo una chiara strategia di crescita all’interno del suo segmento Precision and Sciences (PST) per accrescere la sua offerta tecnologica di pompe e ottenere un’ulteriore esposizione a mercati finali sostenibili e in forte crescita, come quello dell’acqua potabile, del trattamento delle acque, l’alimentare e il settore delle bevande.

“Siamo entusiasti di accogliere il team di Seepex nella famiglia Ingersoll Rand. Con questa transazione, continuiamo ad accelerare il nostro piano di crescita e manteniamo il nostro impegno a far progredire le nostre capacità digitali, la crescita dell’aftermarket, la tecnologia complementare e gli investimenti in innovazione”, ha osservato Vicente Reynal, Chief Executive Officer di Ingersoll Rand.

Ulli Seeberger, presidente e proprietario di Seepex, ha commentato: “Ingersoll Rand è emersa come l’acquirente prescelto, data l’adeguatezza culturale, la visione dell’azienda e il loro approccio. Siamo un’azienda a conduzione familiare da più di 45 anni ed era imperativo trovare un acquirente che avesse uno scopo e dei valori compatibili con i nostri e che manifestasse un impegno costante per la soddisfazione del cliente. Sono sicuro che il nostro team si sentirà a casa in Ingersoll Rand”.

Ingersoll Rand non vede l’ora di collaborare e sostenere l’eccellente strategia di crescita intrapreso dal team di Seepex. “L’aggiunta di pompe monovite al nostro portafoglio è stata una priorità strategica e Seepex ci prepara alla crescita futura e completa i nostri marchi esistenti nel segmento PST”, ha dichiarato Nick Kendall-Jones, vicepresidente e direttore generale del segmento PST di Ingersoll Rand. “La comprovata capacità ed esperienza del team di Seepex non è seconda a nessuno, come testimoniano i numerosi brevetti e la notevole attività di sviluppo di nuovi prodotti, affiancata dalla solida piattaforma Industrial Internet of Things (IIOT) costruita intorno alla pompa. Questa capacità di innovazione in campo digitale e la grande attenzione all’aftermarket sono punti di forza che intendiamo estendere a tutto il segmento PST di Ingersoll Rand. Siamo onorati di potere riunire questi due team di eccellenza e non vedo l’ora di lavorare con il team di Seepex”.

Seepex assumerà un ruolo di primo piano in Ingersoll Rand e le sue tecnologie avanzate saranno incorporate nelle linee di prodotto esistenti. La posizione di leader di mercato di Seepex con prodotti innovativi e tecnologia digitale sarà costantemente e ambiziosamente ampliata e incorporata in altre aree di attività del gruppo.

Già nel gennaio 2020, Ulli Seeberger, fino ad allora amministratore unico e proprietario dell’azienda, aveva costituito un team di gestione per garantire il futuro sviluppo dell’azienda. Il Dr. Bernd Groß, il Dr. Christian Hansen e Alexander Kuppe sono stati nominati amministratori delegati. Non ci saranno cambiamenti nel management in seguito alla transazione, a parte il fatto che Ulli Seeberger andrà in pensione e lascerà la carica di presidente e membro del consiglio di amministrazione. Il Dr. Bernd Groß, il Dr. Christian Hansen e Alexander Kuppe continueranno ad essere responsabili del business globale di Seepex.

“Il cambio di proprietà non avrà alcun impatto sulle relazioni esistenti con clienti e fornitori. Continueremo la nostra attività come al solito e perseguiremo i nostri ambizioni piani di sviluppo, a maggiore ragione essendo ora parte di un gruppo forte con molte più opportunità di crescita complementari” aggiunge Alexander Kuppe, amministratore delegato responsabile di vendite e servizi.

Il perfezionamento della transazione dovrebbe avvenire nel corso del terzo trimestre, dopo aver ottenuto le necessarie approvazioni dalle autorità preposte.

L’articolo Seepex entra a far parte di Ingersoll Rand sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Seepex entra a far parte di Ingersoll Rand

Condividi:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi