Archives: 14 Maggio 2021

Bosch Rexroth punta sul settore recycling

Bosch Rexroth punta sul settore recycling

Affidabilità, efficienza, potenza: sono queste le parole chiave nel settore del recyling, tre parole che Bosch Rexroth ha fatto proprie nel proporsi come fornitore unico di componenti e soluzioni per macchine per il riciclaggio.

Tra le soluzioni rese disponibili rientra la pompa a pistoni assiali A15VSO con regolatore LRDGE2. Grazie a modularità e flessibilità, il regolatore LRDGE2 coniuga la gestione della potenza assorbita per evitare di sovraccaricare il motore elettrico, la limitazione della pressione di lavoro pilotata da remoto e la gestione elettro proporzionale della cilindrata, che permette di variare con continuità la portata erogata dalla pompa. Tutto questo concorre al dimensionamento ottimale della macchina e del motore elettrico, con una riduzione dei costi energetici dal momento che un motore elettrico dimensionato in modo corretto lavora in condizione di efficienza più elevata. Permette inoltre di semplificare l’installazione e l’avviamento, poiché è un controllo modulare facilmente scalabile che si adatta ai contesti più diversi di ciclo macchina.

Bosch Rexroth rende disponibile anche un’ampia gamma di pompe per il settore industriale. Una nuova necessità delle macchine per il recycling è raggiungere pressione operativa superiore ai 350 bar aumentando il campo di lavoro. La richiesta negli ultimi anni è sempre più forte, perché permette di coniugare una riduzione degli ingombri, per esempio cilindri più piccoli, e massimizzare la produttività del sistema riducendo i fenomeni di rifiuto taglio. Bosch Rexroth ha sviluppato una soluzione unica, la pompa A4VBO, parte della gamma prodotti A4, contraddistinta da affidabilità in contesti gravosi, che permette di superare i limiti dei 350 bar spingendosi fino ai 450 bar di pressione nominale di funzionamento. È una pompa idonea per applicazioni in circuito aperto che si trova disponibile in taglie da 71 cm³ fino a 450 cm³. In particolare, la taglia da 250 cm³ opera fino a 1800 giri al minuto senza necessità di sovra alimentazione, mantenendo così inalterato il layout di macchina anche per i mercati con frequenza di rete pari a 60 Hz.

Un altro sistema vantaggioso per il recycling è il Sytronix (nella foto), tra i prodotti principali di idraulica connessa per le soluzioni ibride. Questo sistema combina le funzionalità e i vantaggi di entrambe le tecnologie, elettronica e oleodinamica. Con gli azionamenti pompe a velocità variabile Sytronix di Rexroth, l’affidabilità dell’idraulica e l’efficienza energetica dell’elettronica compatta agiscono in sinergia. Il tutto con l’obiettivo di garantire precisione grazie a controlli idraulici best-in-class, estrema compattezza grazie al principio modulare ed elevata scalabilità grazie ad una ampia gamma di modelli.

 

Soluzioni affidabili, resistenti, modulari e digitalizzate

Per quanto riguarda gli azionamenti rotativi ad alta coppia e bassa velocità di lavoro, Bosch Rexroth propone il portfolio di soluzioni Hägglunds che integrano motori a pistoni radiali e centrali idrauliche progettate su misura. L’ampia gamma di azionamenti diretti punta su dimensioni contenute e su un impareggiabile rapporto coppia/peso. Sono stati concepiti per gli ambiti industriali e si adattano alle esigenze dei costruttori o utilizzatori delle macchine per il recycling. Questi azionamenti propongono funzionalità che migliorano la performance e la produttività degli impianti.

Da non sottovalutare è anche la resistenza degli azionamenti: capita che durante le operazioni di riciclaggio possa essere inserito del materiale più duro rispetto a quello normalmente destinato alla macchina, per questo possedere un azionamento che resista agli urti è un vantaggio. Questi motori risultano più affidabili e resistenti durante tutto il processo di riciclaggio.

Per quanto riguarda la modularità degli azionamenti Hägglunds sono definiti da tre parametri: la potenza istallata, ovvero il motore elettrico, la portata d’olio massima della centrale, quindi la dimensione delle pompe e la taglia motore idraulico. Grazie alla modularità delle soluzioni, si possono modificare facilmente questi tre parametri, allargando il diagramma coppia velocità delle caratteristiche operative in base alle richieste dell’utilizzatore finale. Bosch Rexroth fornisce l’azionamento adatto per il tipo di lavoro oggi, ma se in futuro per un cliente dovesse necessitare di cambiare il materiale da lavorare, le richieste di produzione, la filiera a valle, l’azionamento è adattabile: sostituendo uno, due o tutti e tre i componenti si può salvaguardare parte dell’investimento iniziale.

La centrale Hägglunds è dotata di una elettronica interconnessa in digitale; questo permette un facile inserimento dell’azionamento nel layout di sistema. È possibile, quindi, monitorare a 360° il funzionamento della macchina, controllando in ogni momento la velocità, la pressione, la coppia e i carichi dell’azionamento idraulico.

 

 

 

 

L’articolo Bosch Rexroth punta sul settore recycling sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Bosch Rexroth punta sul settore recycling

Condividi:

Da Remira soluzioni software a supporto della supply chain

Da Remira soluzioni software a supporto della supply chain

REMIRA GmbH, multinazionale tedesca con ultradecennale esperienza nello sviluppo di soluzioni software a supporto della supply chain, ha scelto MindUp Pentaconsulting per essere supportata nello sviluppo business e nelle strategie di marketing in Italia. Oggi REMIRA mette a disposizione dei propri clienti TIA A3, una piattaforma, basata su Intelligenza Artificiale e Big Data, che consente di gestire con la massima efficienza il budget strategico, il piano di merchandise, la pianificazione della domanda, le previsioni di vendita, la relativa ottimizzazione degli ordini e della produzione. Al fine di promuovere questa innovativa soluzione sul mercato italiano, ha scelto quindi di avvalersi delle professionalità e il know-how di MindUp Pentaconsulting, storica società di consulenza e servizi personalizzati finalizzati a generare, trasferire e capitalizzare nuovo valore, promuovendo innovazione, non solo tecnologica ma anche e soprattutto culturale, attraverso la sua metodologia proprietaria MindUp, basata sull’utilizzo delle mappe mentali. “Siamo molto orgogliosi che REMIRA abbia scelto MindUp Pentaconsulting e abbia visto nella nostra società il partner ideale per potenziare il proprio business e aumentare la propria brand awareness in Italia. Siamo convinti che insieme potremo costruire un percorso di successo e o soddisfazioni”, ha commentato Massimo Fucci, General Manager di MindUp Pentaconsulting. “Abbiamo scelto MindUp Pentaconsulting, perché è costituta da un team di professionisti che hanno sia una profonda conoscenza del mercato italiano, sia competenze professionali e metodologiche di alto profilo. Siamo fiduciosi che questa società ci potrà dare del valore aggiunto, per incrementare il posizionamento di REMIRA sul mercato italiano”, ha poi aggiunto Matteo Sgatti, Sales Manager Italia di REMIRA.

L’articolo Da Remira soluzioni software a supporto della supply chain sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Da Remira soluzioni software a supporto della supply chain

Condividi:

Primo trimestre 2021 – segno più per tutti i comparti

Primo trimestre 2021 – segno più per tutti i comparti

L’indagine statistica di Assoclima relativa al primo trimestre 2021 evidenzia risultati più che soddisfacenti per la maggior parte dei prodotti sia rispetto ai primi tre mesi del 2020 che del 2019.

Al 31 marzo 2021 il comparto dell’espansione diretta registra andamenti in crescita rispetto allo stesso periodo del 2020 per tutte le tipologie di prodotto esaminate: +23,7% a volume e +22,6% a valore per i condizionatori trasferibili, +22,4% a volume e +17,3% a valore per i monosplit, +15,5% a volume e +18,1% a valore per i sistemi multisplit, +11,4% a volume e +9,9% a valore per i miniVRF e VRF. Tendenza inversa solo per i climatizzatori monoblocco con -1,6% a volume e -2,2% a valore.

In terreno positivo i condizionatori packaged e rooftop, che a fine marzo 2021 riportano un incremento del 13,6% a volume e del 24,1% a valore rispetto allo stesso periodo del 2020.

In netta crescita anche nel primo trimestre 2021 il trend delle apparecchiature idroniche condensate ad aria (+133,6% a volume e +88,3% a valore rispetto al 2020).

Anche per i gruppi refrigeratori di liquido con condensazione ad acqua l’indagine di Assoclima rileva dati positivi (+180,9% a volume e +84,5% a valore), con un’importante crescita nel segmento delle pompe di calore residenziali e un ritorno ai valori pre-pandemia nei segmenti di potenza superiore.

Confrontando, a panel costante, i dati del primo trimestre 2021 con quelli del 2020 e del 2019 nel segmento delle centrali di trattamento aria si registrano incrementi a due cifre sia a volume (+11,8% e +20,1%) che a valore (+21,4% e +35,1%).

Crescono rispetto ai primi tre mesi sia del 2019 che del 2020 i dati complessivi relativi alle unità terminali. Secondo Luca Binaghi, Presidente di Assoclima e Direttore Commerciale di Sabiana, è ancora troppo presto per trarre delle conclusioni sui motivi della netta ripresa evidenziata dalla rilevazione del primo trimestre 2021. “I dati relativi ai terminali indicano un incremento 2021/2019 complessivo del 13,4% a valore e del 6,5% a volume. Una possibile chiave di lettura di questi dati positivi è che una parte dei lavori che erano stati temporaneamente sospesi nel 2020 siano slittati al 2021 e si siano sommati a quelli già programmati per quest’anno. Una seconda spiegazione è legata alla tipologia di applicazione: negli ultimi mesi gli investimenti maggiori sono stati effettuati nel settore residenziale, e infatti dalla nostra rilevazione emergono incrementi molto consistenti per i ventilconvettori hi-wall (+37% a volume e +41,7% a valore rispetto al 2019, +47,9% a volume e +51,8% a valore rispetto al 2020), terminali utilizzati prevalentemente in ambienti residenziali. Ovviamente ci auguriamo che questi dati vengano confermati anche nei prossimi trimestri, pur sapendo che il settore della climatizzazione potrebbe trovarsi ad affrontare il problema della carenza di imprese di installazione.”

Le rilevazioni trimestrali di Assoclima si riferiscono al solo mercato Italia e non comprendono la produzione e l’esportazione.

Source: Meccanica e Automazione
Primo trimestre 2021 – segno più per tutti i comparti

Condividi:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi