1zu1 acquista EOS P 500 per la produzione industriale additiva

1zu1

1zu1 completa i test approfonditi dell’innovativo sistema a polimeri P 500 di EOS, considerandola la piattaforma di produzione più affidabile attualmente disponibile.

EOS ha completato un test approfondito del suo sistema polimerico P 500, verificando l’idoneità della produzione per applicazioni di serie insieme al suo cliente austriaco 1zu1 con sede a Dornbirn. Insieme le due aziende sono giunte alla conclusione che, per le soluzioni di produzione industriale 3D, il sistema EOS P 500 offre la più alta efficacia complessiva disponibile sul mercato in termini di uptime, prestazioni e qualità. Di conseguenza, 1zu1 ha ora acquistato due sistemi polimerici EOS P 500, che consentono all’azienda di elaborare gli ordini dei clienti ancora più velocemente.

Produzione industriale precisa

1zu1
Gli amministratori delegati e fondatori di 1zu1, Hannes Hämmerle e Wolfgang Humml davanti al sistema EOS P 500 (Copyright: 1zu1/Darko Todorovic)

Hannes Hämmerle, CEO di 1zu1 Prototypen ha affermato: “La nostra azienda è sinonimo di produzione industriale precisa, veloce e di altissima qualità. L’EOS P 500 soddisfa tutti i requisiti per una qualità omogenea e ripetibile dei componenti, mantenendo brevi i tempi di produzione”. Hämmerle aggiunge: “I pezzi prodotti con questo sistema hanno una precisione dimensionale molto vicina a quella dei pezzi stampati ad iniezione, e possono anche tenere il loro passo in termini di produttività. Con l’EOS P 500 possiamo produrre un lavoro esemplare di 2.400 pezzi in 16-17 ore, cioè circa 25 secondi per pezzo. Allo stesso tempo, possiamo elaborare lavori di costruzione da un giorno all’altro, che saranno pronti per essere disimballati la mattina seguente, permettendo anche tempi di consegna molto brevi”.

3.000 pezzi di serie in una build room: qui usando l’esempio di una scatola di bobine della Bernina (Copyright: 1zu1/Darko Todorovic)

Design modulare

David K. Leigh, CTO di EOS, ha commentato: “Il design modulare dell’EOS P 500 fornisce una maggiore produttività utilizzando interfacce automatizzate

David Leigh, CTO di EOS (Fonte: EOS)

e accessori ottimizzati, che arriveranno presto. Queste caratteristiche danno alle aziende una tecnologia intelligente e stabile per produrre in modo flessibile, affidabile ed economico”. E prosegue: “Il sistema offre anche un riscaldamento a 6 canali che permette una migliore gestione termica del letto del pezzo. Abbiamo visto una diminuzione significativa della distorsione dei componenti critici per la deformazione. I pezzi sono ora prodotti con una migliore accuratezza dimensionale, indipendentemente dal posizionamento nella costruzione”.

Tempo di attività ottimizzato per una maggiore produttività

EOS P 500 ha una velocità di produzione doppia rispetto al sistema di sinterizzazione laser più veloce attualmente disponibile nel settore dei polimeri (EOS P 396). Numerosi fattori contribuiscono a questo risultato, tra cui due potenti laser da 70 watt per una precisa immissione di energia nella polvere durante la fusione del materiale. L’innovativo recoater, che può essere controllato con precisione, applica un nuovo strato di polvere polimerica alla piattaforma di costruzione ad altissima velocità (fino a 600 mm/s).

Un altro contributo importante per un processo di costruzione ad elevata qualità è dato da un’unità di filtraggio a tre stadi che filtra il degassamento del materiale e le particelle dalla zona di costruzione di EOS P 500. A differenza dei sistemi EOS precedenti, l’EOS P 500 porta il materiale alla temperatura di lavorazione ottimale prima dell’applicazione, riducendo così il tempo necessario per il recoating e l’esposizione.

Anche le fasi di lavoro prima e dopo il processo di costruzione vero e proprio si svolgono molto più rapidamente: Il processo di preriscaldamento e raffreddamento del telaio intercambiabile (con la parte stampata in 3D) dopo la produzione avviene opzionalmente all’esterno di EOS P 500. Gli utenti possono iniziare un nuovo processo di produzione appena quindici minuti dopo aver completato un lavoro di costruzione. Il sistema deve essere pulito meno frequentemente e sottoposto a manutenzione solo una volta all’anno, quindi il tempo di attività di EOS P 500 è fino al 75 per cento maggiore, rispetto ai sistemi precedenti e ai modelli della concorrenza.

Controllo digitale della produzione

L’EOS P 500 può essere integrato senza soluzione di continuità nei sistemi MES/ERP esistenti, e allo stesso tempo include una gamma di soluzioni per il monitoraggio del processo e l’integrazione del sistema. Ciò consente di garantire la qualità su scala industriale attraverso sensori estesi e dati di misura basati su telecamere (ottiche e termiche). Gli utenti ricevono importanti informazioni di sistema, ad esempio sul contenuto di ossigeno residuo o sulla temperatura nello spazio di costruzione. EOSCONNECT MachinePark permette un monitoraggio completo e user-friendly del parco macchine di un’azienda. Tutti i sistemi EOS vengono visualizzati in un dashboard intuitivo, consentendo ai clienti di raccogliere i dati delle macchine e della produzione, recuperarli in tempo reale e integrarli nelle infrastrutture IT esistenti.

L’articolo 1zu1 acquista EOS P 500 per la produzione industriale additiva sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
1zu1 acquista EOS P 500 per la produzione industriale additiva

Condividi: