Archives: 11 Aprile 2021

Il credito “formazione 4.0” torna anche quest’anno

Il credito “formazione 4.0” torna anche quest’anno

Anche per quest’anno resta attivo il “Credito d’imposta formazione 4.0” promosso dal Mise.

L’agevolazione è volta a stimolare gli investimenti delle imprese nella formazione del personale sulle materie aventi ad oggetto le tecnologie rilevanti per la trasformazione tecnologica e digitale delle imprese.

Condizioni

Il credito d’imposta è in percentuale rispetto alle spese relative al personale dipendente impegnato nelle attività di formazione ammissibili, limitatamente al costo aziendale riferito alle ore o alle giornate di formazione. In particolare, è riconosciuto in misura del:
• 50% delle spese ammissibili e nel limite massimo annuale di 300 mila euro per le piccole imprese;
• 40% delle spese ammissibili nel limite massimo annuale di 250 mila euro per le medie imprese;
• 30% delle spese ammissibili nel limite massimo annuale di 250 mila euro le grandi imprese.

La misura del credito d’imposta è aumentata per tutte le imprese, fermo restando i limiti massimi annuali, al 60% nel caso in cui i destinatari della formazione ammissibile rientrino nelle categorie dei lavoratori dipendenti svantaggiati o molto svantaggiati, come definite dal decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali del 17 ottobre 2017.

Sono ammissibili al credito d’imposta anche le eventuali spese relative al personale dipendente ordinariamente occupato in uno degli ambiti aziendali individuati nell’allegato A della legge n. 205 del 2017 e che partecipi in veste di docente o tutor alle attività di formazione ammissibili, nel limite del 30% della retribuzione complessiva annua spettante al dipendente.

Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di sostenimento delle spese ammissibili.

L’incentivo si rivolge a tutte le imprese residenti sul territorio italiano, incluse le organizzazioni stabili di soggetti non residenti, indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione, dal regime contabile e dal sistema di determinazione del reddito ai fini fiscali. Sono escluse le imprese in stato di liquidazione volontaria, fallimento, liquidazione coatta amministrativa, concordato preventivo senza continuità aziendale, altra procedura concorsuale. Sono inoltre escluse le imprese destinatarie di sanzioni interdittive ai sensi dell’articolo 9, comma 2, del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231.

La fruizione del contributo spettante è subordinata alla condizione del rispetto delle normative sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e al corretto adempimento degli obblighi di versamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori.

Il credito si applica alle spese di formazione sostenute nel periodo d’imposta successivo a quello in corso. Le imprese che intendono fruire dell’incentivo sono tenute a effettuare una comunicazione al Mise (https://www.mise.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/credito-d-imposta-formazione).

L’articolo Il credito “formazione 4.0” torna anche quest’anno sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Il credito “formazione 4.0” torna anche quest’anno

Condividi:

Sandvik Coromant: maggiore efficienza nella realizzazione di fori

Sandvik Coromant: maggiore efficienza nella realizzazione di fori

Sandvik Coromant (www.sandvik.coromant.com) aggiorna la propria gamma di soluzioni per la maschiatura dell’acciaio con due nuove aggiunte alla linea di utensili integrali rotanti.

L’ultima generazione di maschi con punta elicoidale CoroTap T200 e con scanalatura elicoidale T300 per ISO P garantisce una migliore sicurezza del processo, una maggiore durata utensile e un costo per componente ridotto.

Parte dell’offerta di utensili integrali rotanti di Sandvik Coromant, la famiglia CoroTap fornisce soluzioni ad hoc in base al materiale per la filettatura di un’ampia varietà di metalli. Nello specifico, i maschi CoroTap T200 e T300 sono ottimizzati per l’acciaio ISO P1 e P2, il che li rende adatti alla lavorazione di componenti nell’industria automobilistica e dell’ingegneria generale. Ciò include alberi a gomiti, fusi a snodo e componenti di ingegneria generale come carter e flange. Entrambi gli utensili sono adatti alla produzione in serie.

Sandvik Coromant CoroTap T200 o T300: quale scegliere?

CoroTap T200 presenta una punta elicoidale, mentre T300 è un maschio con scanalatura  elicoidale. Se la punta elicoidale di T200 è adatta alla lavorazione di fori passanti, dove i trucioli vengono spinti in avanti, T300 è ideale per i fori ciechi, dove non c’è alcun foro d’uscita e i trucioli devono essere tirati indietro. L’aggiornamento ha conferito a entrambi gli utensili un nuovo trattamento superficiale, oltre che un maggiore arrotondamento del tagliente per una migliore finitura all’interno del foro lavorato. La forma della scanalatura ottimizzata, inoltre, migliora le prestazioni generali. Di conseguenza, i costruttori potranno usufruire di maggiore sicurezza del processo e resistenza alla scheggiatura del tagliente, quindi in un minor numero di rotture degli utensili e un’aumentata qualità dei filetti lavorati. Inoltre, le velocità di taglio sono superiori alle versioni precedenti e si registra una riduzione generale del costo per componente. Un’altra grossa differenza rispetto alle versioni precedenti della gamma CoroTap è che i modelli ottimizzati CoroTap T200 e T300 possono beneficiare dell’assortimento “Tailor Made” online di Sandvik Coromant. Fornendo prodotti su misura, il servizio “Tailor Made” mette a disposizione dei clienti la libertà di specificare le dimensioni desiderate senza dover pagare per un utensile specializzato. I maschi possono essere regolati per soddisfare le esigenze di svariati settori e sono adattabili a requisiti particolari.

L’articolo Sandvik Coromant: maggiore efficienza nella realizzazione di fori sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Sandvik Coromant: maggiore efficienza nella realizzazione di fori

Condividi:

Big Kaiser, barenatura di precisione anche sui diametri più piccoli

Big Kaiser, barenatura di precisione anche sui diametri più piccoli

Big Kaiser ha reso disponibili due nuove teste per alesare con sistema integrato per lo smorzamento delle vibrazioni nelle applicazioni di barenatura di precisione per fori profondi.

Le testine micrometriche vanno a estendere la gamma EWN Smart Damper e incrementano fino a 10 volte la produttività, contribuendo a ottenere finiture superficiali di qualità nettamente superiore e migliori tassi di rimozione del metallo.

Le nuove teste EWN Smart Damper coprono diametri inferiori a 32 mm e fino a 20 mm. La testa CK1 ha una lunghezza di 100 mm, la CK2 di 125 mm.

Il design brevettato abbrevia la distanza tra il meccanismo di smorzamento e il tagliente, ovvero la fonte delle vibrazioni; tale caratteristica migliora significativamente lo smorzamento delle frequenze di risonanza minimizzandole. Pertanto questo sistema si dimostra ideale per l’impiego in applicazioni critiche che richiedono utensili molto lunghi, per esempio nell’industria automobilistica, energetica e aerospaziale.

Il sistema modulare CK/CKB di Big Kaiser è compatibile con la maggior parte degli attacchi e permette una versatilità nelle lunghezze di combinazione degli utensili fino a un massimo di 10 volte il diametro. Tutti i modelli prevedono il passaggio centrale del refrigerante; sono disponibili tre diverse opzioni di porta-inserti per ciascuna dimensione di testa.

Evoluzione continua

Nel corso degli anni Big Kaiser ha regolarmente ampliato la sua linea Smart Damper così da soddisfare le diverse esigenze dei clienti. Dopo l’iniziale sistema modulare per alesatura e fresatura, sono state aggiunte le varianti monoblocco per barenatura di precisione e sgrossatura, per tornitura e con attacco a manicotto.

Le due nuove testine CK1 e CK2, disponibili da questo mese, vanno ad ampliare la famiglia monoblocco Smart Damper per barenatura di precisione, e coprono i diametri da 20 mm a 36 mm con CK1, e da 25 mm a 47 mm con CK2.

Normalmente questi diametri verrebbero lavorati utilizzando una barra in carburo di lunghezza extra in condizioni molto conservative. Con le testine Smart Damper sono invece possibili lavorazioni più spinte, dove l’estensione della barra in carburo si combina con i nuovi tipi di monoblocco. Per esempio, una barra di carburo di 220 mm combinata con la testina Smart Damper CK2-EWN-25DP-125 può realizzare un alesaggio L/D11 (materiale GGG50, proiezione 380 mm, Vc 300 m/min, f 0.06 mm/rev, DOC 0.2 mm) su un centro di lavoro orizzontale con cono No.50.

Per le ultime versioni non manca anche l’adduzione del refrigerante dal centro e la barenatura in tiro.

L’articolo Big Kaiser, barenatura di precisione anche sui diametri più piccoli sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Big Kaiser, barenatura di precisione anche sui diametri più piccoli

Condividi:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi