Auma: un tris digitale per la manutenzione

Tre innovativi strumenti che consentono di acquisire dati, gestire la manutenzione e richiedere l’assistenza da remoto. Una strategia all’insegna della digitalizzazione che permette ad Auma di essere sempre vicina ai clienti.

Le conseguenze derivanti dall’emergenza coronavirus hanno posto ancora più in evidenza l’importanza della digitalizzazione per mantenere l’operatività anche in situazioni critiche. Il lockdown ha dato ulteriore impulso a quel processo di digital transformation ormai in atto tra le imprese e ha mostrato chiaramente come quelle che hanno investito nella digitalizzazione siano state in grado di reagire meglio alla situazione di difficoltà, che si è creata a causa delle restrizioni imposte per contrastare la pandemia. Auma Italiana è una di queste realtà: gli investimenti fatti in innovazione tecnologica le hanno consentito di offrire ai clienti soluzioni digitali in grado di supportarli anche a distanza. Auma Italiana è una filiale di Auma Group, che da oltre 50 anni progetta, costruisce e vende attuatori elettrici, unità di controllo e riduttori per valvole industriali e organi di intercettazione in genere. La società mette a disposizione della clientela soluzioni evolute per l’analisi dei dati, la manutenzione e l’assistenza da remoto. Per conoscere in maniera più dettagliata la strategia di Auma in fatto di digitalizzazione, approfondiamo con Daniele La Spada, Technical Service Manager di Auma Italiana, quali strumenti ha sviluppato la società.

Daniele La Spada, Technical Service Manager di Auma Italiana.
La recente epidemia di Covid-19 ha certamente messo a dura prova il mondo produttivo e molte attività hanno dovuto fermarsi. Quali sono state le ripercussioni sul vostro servizio di assistenza?

Eccezion fatta per gli interventi su impianti considerati strategici come quelli di produzione di energia e del ciclo delle acque, i nostri tecnici non hanno potuto operare in situ durante il lockdown. Le attività di manutenzione si sono fortemente ridotte. Abbiamo però incrementato le attività di assistenza telefonica, guidando, se così si può dire, le mani degli operatori d’impianto nell’esecuzione delle corrette attività in funzione della diagnosi telefonica effettuata. Tuttavia, dove erano presenti macchine equipaggiate con unità di controllo intelligenti, di nuova generazione, abbiamo potuto, con le dovute e necessarie autorizzazioni, eseguire direttamente da remoto la diagnostica e le operazioni di configurazione. Ciò è stato possibile grazie alla capacità di queste unità di controllo di memorizzare in appositi registri le variazioni di alcuni parametri vitali. Queste possono poi essere lette da un apposito programma che consente anche la parametrizzazione della macchina. Disponendo dell’autorizzazione all’uso da remoto di un computer o tablet locale equipaggiato di questo programma, si può operare come se l’attuatore fosse presso la nostra officina, chiaramente a meno di guasti meccanici che richiedono, per loro natura, la presenza fisica del manutentore. La situazione contingente ci rafforza nella convinzione che bisogna spingere sulla digitalizzazione dei sistemi di controllo, sull’auto-diagnostica e sull’offerta di servizi di assistenza improntati alla manutenzione predittiva e su condizione“.

Eppure, come ha fatto notare lei stesso, spesso necessario, come dire, metterci le mani non essendo possibile operare da lontano.

È verissimo, ma l’obiettivo cui dobbiamo puntare è quello di limitare gli interventi fisici sul posto a quelli programmati e di cui si conoscono in anticipo le attività da svolgere e le par- ti eventualmente da sostituire. Con un’accurata programmazione delle scorte di magazzino, si potrebbe persino evitare quasi completamente la presenza di tecnici esterni in impianto. Disponendo di macchine ‘muletto’, queste si potrebbero utilizzare provvisoriamente, mentre l’apparecchiatura ‘titolare’ è in revisione, senza fermare la funzione d’impianto servita da quell’apparecchiatura. Tutto ciò presuppone la conoscenza della condizione reale dell’attuatore e questo significa avere a disposizione dati di funzionamento affidabili“.

Come si realizzano queste condizioni?

Da diversi anni gli ingegneri R&D di Auma stanno studiando e implementando strumenti e spazi di condivisione e analisi dei dati provenienti dal campo, in modo da consentire all’ingegneria di manutenzione di programmare le opportune strategie manutentive. Al momento sono stati messi in campo tre strumenti che consentono già ora di acquisire e tenere costantemente sotto controllo e in piena sicurezza i parametri vitali degli attuatori installati. Si tratta, innanzitutto, del programma Commissioning and Diagnostic Tool (CDT), scaricabile gratuitamente dal nostro sito. Questo applicativo permette di parametrizzare la macchina e di leggere i valori delle variabili di cui l’attuatore tiene memoria: allarmi e guasti, numero di avviamenti, temperatura motore e unità di controllo, vibrazioni, durata attività del motore… Dall’applicativo possono essere inviati degli snapshot per analisi direttamente via email oppure sull’Auma Cloud, lo spazio condiviso tra Auma e il cliente dove vengono raccolte tutte le informazioni dei singoli attuatori. Ogni cliente può costruire, in modo facile e veloce, un profilo dove ordinare le informazioni dei propri attuatori. Si viene così a creare un vero database degli attuatori installati a partire dai dati acquisiti in campo via CDT o attraverso l’Auma Assistant App, anch’essa scaricabile gratuitamente. La app consente facilmente di formare una lista di valvole e, semplicemente scansionando il DataMatrix code della targhetta dell’attuatore e attribuendolo a ciascuna valvola, formulare la base dei dati. Si possono inoltre scaricare i documenti tecnici delle apparecchiature, schemi elettrici o disegni, effettuare settaggi e realizzare e inviare gli snapshot per analisi“.

L’uso di queste tecnologie sembra necessitare di competenze specifiche. Auma organizza dei corsi di formazione per il personale che si occupa della manutenzione?

Il loro uso è più semplice di quanto possa sembrare. Ma certamente sì, già da molti anni l’Auma Academy mette a disposizione dei clienti corsi tecnici di vario livello e competenza. I corsi possono essere personalizzati in funzione delle esigenze dei singoli clienti, anche tenendo conto dei requisiti richiesti dalla norma UNI 11420 per la qualifica del personale di manutenzione“.

Commissioning and Diagnostic Tool

Costantemente ottimizzato e aggiornato, il software CDT (Commissioning and Diagnostic Tool) di Auma è attualmente disponibile nella versione 2020 e fino alla versione 4.7.x, sia per l’istallazione online che offline. In particolare, la release più recente supporta le serie SA, SQ con AC o ACV .2, SGx/SVx e PROFOX. Offre la lettura dei dati dei dispositivi e dei dati operativi relativi agli attuatori tramite Bluetooth, oltre alla messa in funzione, all’utilizzo, alla parametrizzazione e alla configurazione. Scendendo nel dettaglio, le funzioni includono la rapida visualizzazione di anomalie/allarmi e le informazioni più importanti sull’attuatore. Il software permette di visualizzare l’ID del dispositivo, i dati operativi, il registro eventi, i parametri di configurazione e il Chart Viewer per le curve caratteristiche. CDT prevede anche il menu dei preferiti e l’accesso alla documentazione specifica del dispositivo mediante immissione del numero di serie o del numero d’ordine. Infine, il software è disponibile in più di 30 lingue e può inviare file snapshot per analisi via email o sull’Auma Cloud.

Auma Cloud

Auma Cloud è uno spazio condiviso tra Auma e il cliente dove raccogliere i dati degli attuatori.

È lo spazio cloud messo a disposizione da Auma per lo storage dei dati provenienti dal CDT e dall’Auma Assistant App, offrendo così ai clienti l’opportunità di avere un database degli attuatori installati. Auma Cloud impiega algoritmi intelligenti per l’analisi e la valutazione di tutti i dati operativi rilevati automaticamente dagli attuatori. Si può ottenere un’immagine completa dei carichi a cui gli attuatori e le valvole sono stati sottoposti ed è possibile pianificare le misure di manutenzione in base allo stato effettivo del dispositivo. Inoltre, gli indicatori forniscono anche suggerimenti per la ricerca delle anomalie nel caso in cui si
manifesti qualche problema nel dispositivo stesso. In pochi passaggi è possibile costruire la panoramica degli asset per tutti gli attuatori di un impianto. E tramite il cloud è possibile accedere a un’ampia documentazione come i manuali di istruzioni, le schede tecniche, gli schemi di collegamento… In maniera facile e veloce, si possono anche inoltrare i dati dal cloud ad Auma Service. Questa procedura permette di ottenere una diagnosi remota dettagliata, riducendo i costi degli interventi di assistenza in loco e accelerando la risoluzione delle anomalie. Auma Cloud funziona su qualsiasi browser e non richiede installazione, basta semplicemente registrarsi.

Auma Assistant App

Con Auma Assistant App è semplice la messa in servizio e la manutenzione degli attuatori Auma.

L’Auma Assistant App semplifica la messa in servizio e la manutenzione degli attuatori Auma: offre infatti varie opzioni di configurazione e diagnostica gestibili attraverso smartphone o tablet. Riguardo alla parametrizzazione, tutti i parametri del dispositivo possono essere facilmente impostati tramite l’applicazione. La connessione all’attuatore avviene in modalità wireless via Bluetooth e i parametri del dispositivo possono essere configurati singolarmente o trasferiti all’attuatore come set di parametri predefiniti. È anche possibile copiare i set da un’unità all’altra. Inoltre, la richiesta di inserire una password evita il rischio di modifiche dei parametri non autorizzate. L’applicazione poi consente di caricare sull’Auma Cloud, oltre agli snapshot con i dati dei dispositivi e i dati operativi, anche le liste dei numeri di serie per avere rapidamente una panoramica di tutti i dispositivi Auma impiegati all’interno di un impianto. In più, per avere assistenza con diagnosi remota, i dati di lettura possono essere trasmessi direttamente all’Auma Service. Un ulteriore vantaggio della app è che consente di accedere alla documentazione specifica dei dispositivi (schede tecniche, manuali di istruzioni, certificati di collaudo, schemi elettrici e legenda, modelli solidi in 3D).

di Elena Corti

L’articolo Auma: un tris digitale per la manutenzione sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Auma: un tris digitale per la manutenzione

Condividi: