Stam: quando lo standard non è di casa

Stam SpA: specialisti in linee di taglio e profilatura

Nata nel 1963 a Ponzano Veneto (TV), Stam SpA è oggi una realtà di primo piano nella produzione di impianti per la lavorazione della lamiera da coil e di linee di profilatura. Con gli attuali 150 dipendenti e due sedi produttive dislocate in Italia e Spagna, l’azienda ha installato oltre 1000 impianti presso clienti operativi nei più svariati settori industriali e in tutto il mondo. Stam ha l’intero ciclo produttivo al suo interno: progettazione, fabbricazione della carpenteria, lavorazioni meccaniche, assemblaggio e collaudo finale, a cui si aggiungono naturalmente installazione e messa in servizio dei macchinari presso i clienti. In tal modo Stam riesce a mantenere sotto controllo la qualità del prodotto e a rispondere velocemente anche in caso di necessità di ricambi o pezzi urgenti. Il supporto pre e post vendita è uno dei punti di forza di Stam: fin dal primo contatto con il cliente si instaura un rapporto di stretta collaborazione. I tecnici-commerciali supportano il cliente nella definizione del prodotto finale, del processo produttivo e del layout più adatto alla sua produzione, sempre nel rispetto delle sue esigenze tecnico-economiche.

Intervista ad Andre Barazza, responsabile commerciale di Stam

andrea barazza stam
Andrea Barazza, responsabile commerciale di Stam

Quali prerogative contraddistinguono di più la vostra azienda?

La nostra prima prerogativa è la qualità. Stam opera dal 1963 ed è rinomata proprio per l’elevato livello di qualità e affidabilità delle linee di taglio e di profilatura che realizza. Altra rilevante caratteristica distintiva riguarda il fatto di aver mantenuto la produzione completamente al nostro interno, controllando tutta la filiera e occupandoci delle diverse lavorazioni. Stam si contraddistingue inoltre per la sua flessibilità. Operiamo infatti in svariati settori di applicazione, sia per le linee di taglio sia per quelle di profilatura, e questo ci porta a una conoscenza tecnica e dei processi che ci permette di offrire ai clienti macchine concepite ogni volta in base alle loro esigenze. Non ci spaventiamo di fronte a richieste particolari o realizzazioni senza precedenti e accettiamo le sfide di nuovi prodotti o nuove tecnologie, supportando i nostri clienti con professionalità e profonda competenza.

Innovazione: come viene interpretata in un’attività come la vostra?

Possiamo dire che Stam fa innovazione attraverso i propri clienti. Mi spiego: proprio per via delle richieste specifiche che ci pervengono dai clienti e delle risposte che offriamo loro, realizziamo spesso e volentieri soluzioni innovative destinate ad apportare cambiamenti e miglioramenti anche a più ampio raggio, perché possono essere adottate totalmente o in parte anche su altri impianti. Non lavorando su un programma di macchine standard, infatti, l’innovazione si realizza nel nostro caso quando riusciamo a intercettare una soluzione che può essere trasferita anche ad altri. La nostra attività non ci porta quindi ad avere un reparto dedicato a “inventare” nuove idee per creare nuovi prodotti da proporre al mercato: il nostro reparto di ingegneria di fronte a richieste innovative cerca e sviluppa le soluzioni più adeguate. In questo modo progettiamo impianti customizzati e spesso innovativi.

Quali sono oggi le prevalenti necessità che esprimono i vostri clienti?

Per quanto concerne le linee di taglio c’è sicuramente una forte richiesta relativa alla lavorazione di materiali altoresistenziali, sia in fogli sia in strisce. Un’altra forte richiesta, sia per le linee di taglio sia per quelle di profilatura, riguarda la flessibilità delle macchine, che possano cioè realizzare più prodotti, con un’elevata automazione e l’integrazione di diverse funzioni e lavorazioni. Da non dimenticare altresì l’esigenza di connettività delle macchine, chiaramente in ottica di Industria 4.0. Sono tutti binari che stiamo percorrendo già da tempo, offrendo puntualmente risposte in linea con i trend di mercato.

Chi sono in prevalenza i clienti che si rivolgono a voi?

Il ventaglio che comprende i nostri clienti è davvero molto ampio. Ci relazioniamo infatti con realtà di tutto il mondo e di tipologie molto diverse tra loro. Andiamo dalle acciaierie ai centri servizi, dalle piccole aziende ai grandi gruppi multinazionali, da chi produce per uso interno ai contoterzisti, e via discorrendo. Allo stesso modo, come già accennavo, sono molto variegati i campi applicativi: automotive, costruzioni, logistica, energia, infrastrutture, solo per citarne alcuni.

Quali servizi offrite ai clienti, prima e dopo la vendita delle linee?

Prima della vendita ricopriamo un po’ il ruolo di consulenti e insieme al cliente sviluppiamo l’idea dell’impianto che gli serve e che, una volta deciso, si concretizza attraverso l’opera del nostro ufficio tecnico. Stiamo vicini al cliente in tutto il percorso realizzativo dell’impianto, per essere sicuri che alla fine possa avere la massima soddisfazione da ciò che ha ordinato e si aspetta. Successivamente, e in questo caso parliamo in particolare delle linee di profilatura, viene effettuato il collaudo e volendo anche l’addestramento del personale direttamente sulle macchine. Dopo che gli impianti sono stati montati e installati, il nostro team di service è a disposizione, con possibilità di intervento da remoto tramite teleservice o direttamente sugli impianti. Da sottolineare infine il nostro servizio di upgrade delle macchine, con l’introduzione di nuove tecnologie e l’apporto di miglioramenti. Questo perché le nostre linee hanno una durata di vita molto lunga e questo servizio consente di rinnovarle e aggiornarle nel tempo, in linea con gli sviluppi tecnologici del mercato o con le nuove esigenze del cliente.

L’articolo Stam: quando lo standard non è di casa sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Stam: quando lo standard non è di casa

Condividi: