Sfruttare appieno il potenziale delle macchine utensili? Si può!

Numerosi costruttori di macchine già utilizzano l’esclusivo sistema di mandrini a doppio contatto Big-Plus di Big Kaiser, eppure non sono in molti a conoscere nel dettaglio tutti i vantaggi che questo può apportare alle lavorazioni.

Gli attacchi compatibili con Big-Plus sono caratterizzati da prestazioni elevate e dalla compatibilità con i portautensili standard. I mandrini Big-Plus, in sostanza, migliorano la rigidità dell’utensile grazie al contatto conico e della flangia simultaneo tra portautensile e mandrino macchina; in questo modo, la finitura superficiale e la precisione risultano notevolmente migliorate, ed è possibile prolungare la durata dell’utensile.

Ad oggi sono già oltre 170 i costruttori di macchine che hanno scelto di adottare il sistema Big-Plus. Il loro numero è in continua crescita, eppure, a dispetto della diffusione, non sono in molti a sapere come sfruttare appieno tutto il potenziale di questi innovativi attacchi.

Thomas Nöth, managing director di Hera, casa tedesca che produce armi per uso sportivo, ha saputo riconoscere e sfruttare l’enorme potenziale di Big-Plus. Grande importanza riveste per Hera mantenere ritmi produttivi efficienti, senza però compromettere minimamente la qualità o tradire gli standard elevati dei suoi prodotti di gamma alta.

Del resto, grazie alla tecnologia CAD/CAM impiegata nelle macchine CNC diventa semplice assicurare la miglior qualità e affidabilità di processo. Hera impiega nel suo stabilimento produttivo due centri di lavoro verticali Milltap 700s (equipaggiati con portautensili Big-Plus BT30) e una fresatrice CNC a 5 assi DMU 50 (con portautensili Big-Plus BDV40) di DMG Mori. Su tutte e tre le macchine sono montati utensili Big Kaiser.

Risparmio di tempo del 40 %, ma lavorare con una macchina efficiente non basta

Daniel Krüger è responsabile di produzione in Hera. Ha appena 25 anni, ma, dopo molto tempo trascorso in azienda, può già vantare una solida esperienza e competenza. Daniel ha contribuito in prima persona a richiedere l’adozione delle macchine DMG Mori e degli utensili Big Kaiser. Il fattore decisivo è stato la necessità di effettuare un foro di 25,4 mm nel ricevitore superiore di un fucile semiautomatico AR-15. Il fatto che il foro fosse tanto profondo richiedeva estrema rigidità da parte dell’utensile, così da assicurare la massima precisione e finitura superficiale.

«I ricevitori superiori allo stato grezziìo dell’AR-15, dopo la fresatura, raggiungono la forma finale – spiega Krüger. È fondamentale che l’intero processo sia privo di qualsiasi imprecisione. Dal mandrino al portautensile fino all’utensile e al pezzo da lavorare, e al mandrino macchina, tutto deve essere perfetto e l’intero processo deve funzionare come un orologio precisissimo. Non serve a nulla avere a disposizione un centro di lavoro estremamente rigido se poi il portautensile non è in grado di offrire le stesse caratteristiche».

«Le macchine di DMG Mori sono perfette perché i mandrini SpeedMaster sono compatibili con il sistema Big-Plus – spiega Krüger. I portautensili BT o SK standard possono essere usati con Big-Plus BT e Big-Plus DV».

Diversamente da altri mandrini macchina, Big-Plus offre un doppio contatto simultaneo cono-flangia tra l’attacco della macchina e il portautensile. Il fatto che il contatto tra macchina e utensile sia tanto stabile permette di eliminare qualsiasi vibrazione e deflessione.

«Questo sistema mi ha pienamente convinto – prosegue Krüger. Non solo ci permette di soddisfare i nostri standard qualitativi. Aumentando la velocità di avanzamento, riusciamo ad abbattere il tempo necessario alla lavorazione del 40%».

 

L’articolo Sfruttare appieno il potenziale delle macchine utensili? Si può! sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Sfruttare appieno il potenziale delle macchine utensili? Si può!

Condividi: