Fresa in versione leggera, realizzata con la tecnica della produzione additiva


La fresa CoroMill 390 in versione leggera, realizzata con la tecnica della produzione additiva, riduce le vibrazioni nella fresatura con lunghe sporgenze. Il peso ridotto della fresa aumenta la stabilità e la produttività.

Con l’obiettivo di offrire ai clienti una serie di vantaggi nell’ambito dei processi, lo specialista degli utensili da taglio e dei sistemi di attrezzamento Sandvik Coromant presenta CoroMill 390 in versione leggera, con un corpo fresa realizzato utilizzando la produzione additiva. Il peso ridotto dell’utensile contribuisce a minimizzare le vibrazioni e ad aumentare la sicurezza durante la lavorazione con lunghe sporgenze. Questo, a sua volta, incrementa la produttività.

La produzione additiva offre un metodo migliore per la realizzazione di strutture complesse senza giunzioni con un elevato grado di precisione. L’utilizzo di tale processo può rendere i componenti più leggeri, robusti e flessibili che mai. Per quanto riguarda il corpo degli utensili, la produzione additiva consente la creazione di forme e caratteristiche altrimenti impossibili nel taglio dei metalli. Inoltre, con questa tecnica è possibile stampare praticamente qualsiasi materiale, in questo caso una lega di titanio.

Compattezza e leggerezza

”La progettazione di CoroMill 390 in versione leggera ha previsto la rimozione tattica di materiale al fine di ottenere il design ottimale per minimizzare la massa,” spiega Thomas Wikgren, Manager Product Application Management, Sandvik Coromant. “Questa ottimizzazione topologica aumenta notevolmente la compattezza e la leggerezza della fresa rispetto a un modello tradizionale, contribuendo a ottimizzare la produttività nelle operazioni di fresatura con lunghe sporgenze. Inoltre, una più breve distanza tra l’elemento antivibrante nell’adattatore e il tagliente migliora le prestazioni e la sicurezza di processo.”

La sicurezza di processo è fondamentale in tutta una serie di applicazioni che coinvolgono il taglio di metalli, compresa la fresatura con lunghe sporgenze, un requisito comune per i componenti impiegati nel settore Oil & Gas e aerospaziale. In questo caso, la creazione di caratteristiche come ad esempio cavità profonde può risultare compromessa dalle vibrazioni, conducendo al rallentamento della produzione, alla riduzione della durata utensile e a una scarsa finitura superficiale. La nuova fresa CoroMill 390 in versione leggera fornisce una soluzione al problema. Insieme agli adattatori per fresatura Silent Tools™, questa combinazione ottimizzata attenua le vibrazioni per contribuire a massimizzare la produttività e la sicurezza di processo nelle applicazioni difficili con lunghe sporgenze. Inoltre, CoroMill 390 fornisce un’azione di taglio leggera e uniforme.

CoroMill 390 in versione leggera può eseguire operazioni di spianatura a sporgenze elevate, fresatura di spallamenti profondi, fresatura laterale, di cavità e cave. L’utensile è disponibile con diametro da 40 mm (accoppiamento a manicotto 16) e 50 mm (accoppiamento a manicotto 22). Per adeguarsi alle applicazioni, è possibile specificare tre o quattro inserti (dimensione 11). Passo differenziato e adduzione interna di refrigerante sono disponibili su tutte le frese.

Per ulteriori informazioni, visitare www.sandvik.coromant.com/it-it/products/coromill_390

 

 

L’articolo Fresa in versione leggera, realizzata con la tecnica della produzione additiva sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Fresa in versione leggera, realizzata con la tecnica della produzione additiva

Condividi: