Archives Giugno 2019

Obiettivo sicurezza sul lavoro con Solvay e Sicurezza 88

Obiettivo sicurezza sul lavoro con Solvay e Sicurezza 88

sicurezza 88 ai safety das

Lo stabilimento Solvay di Massa ha ospitato, a distanza di tre anni, la sesta edizione del “Safety Day”, una giornata interamente dedicata alla sicurezza sul lavoro, quest’anno con un particolare focus su lavori in quota e ambienti confinati, in cui si sono succeduti interventi del team di Stabilimento ma, soprattutto, dimostrazioni dirette del nuovo centro di addestramento permanente che consentirà ai lavoratori dello stabilimento di allenarsi nel soccorso e nel recupero all’interno degli spazi confinati nei casi di emergenza. Il progetto è realizzato in collaborazione con Sicurezza 88, l’azienda fiorentina che ha fornito non solo i dispositivi di sicurezza e recupero, ma anche la formazione e l’addestramento sul campo.

Alla Solvay di Massa una giornata dedicata al lavoro sicuro con Sicurezza 88

Infatti, durante la giornata, la Responsabile Salute e Sicurezza dello Stabilimento, la Dr.ssa Mya Zani, ha parlato non solo delle normative e delle regole quotidiane da applicare sul lavoro negli ambienti confinati, ma ha anche presentato la nuova palestra addestrativa.

Lo stabilimento Solvay di Massa, infatti, non registra incidenti sul lavoro dal 1 settembre 2015: un eccellente traguardo che è stato possibile raggiungere grazie alla gestione virtuosa degli impianti e alla formazione continua del personale che, da quest’anno, diventa pratica. Non solo: il centro di addestramento permanente mira a diventare una vera e propria Accademia attraverso cui mettere in pratica le regole salvavita, le manovre dedicate all’evacuazione e al recupero, e con cui conoscere l’utilizzo delle attrezzature indispensabili per una quotidianità lavorativa sempre più sicura e consapevole.

“Prendersi cura della nostra vita, e di quella dei nostri colleghi è fondamentale. La letteratura ci insegna che con il solo ascolto memorizziamo una parte minima delle informazioni ma, invece, con la pratica, riusciamo a immagazzinare informazioni con successo. Ed ecco il perché della palestra addestrativa”

dott. Pasquale Casaburo – Direttore di Stabilimento

L’articolo Obiettivo sicurezza sul lavoro con Solvay e Sicurezza 88 sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Obiettivo sicurezza sul lavoro con Solvay e Sicurezza 88

Condividi:

STARGATE ONE: architettura gantry per tomografia industriale

STARGATE ONE: architettura gantry per tomografia industriale

stargate one

MDA presenta STARGATE ONE: una nuova macchina CBCT (Cone Beam Computed Tomography) per la diagnostica XRAY 3D avanzata, in grado di scansionare oggetti di lunghezza virtualmente infinita.

Stargate one: la nuova frontiera della scansione x-ray 3D siglata MDA

Il punto di forza di questa macchina, unica nel suo genere, è la capacità di ottenere immagini 3D, in pochi minuti, con risoluzione fino a 100 µm per pezzi con dimensioni fino a 800 mm di diametro e di lunghezza qualsiasi.
Particolarmente adatta alla diagnosi di elementi strutturali in CFRP (longheroni, eliche, telai, tubi, cerchioni) ma utilizzabile anche per oggetti in lega di alluminio, plastica, magnesio. Facilmente integrabile per analisi automatica di pezzi in realizzati in Additive Manufacturing.
Perfettamente compatibile con VGStudio Max per un’analisi diagnostica approfondita: porosità, bolle, cracks, comparazione con modello CAD.

Analisi Tomografica XRAY 3D

STARGATE nasce dall’esigenza di poter scansionare in modo facile e veloce oggetti molto lunghi (virtualmente infiniti) grazie all’architettura aperta a GANTRY.
STARGATE ruota attorno al pezzo durante la scansione XRAY mentre le classiche macchine di Tomografia Industriale ruotano il pezzo appoggiandolo ad una tavola rotante: questo fa di STARGATE una CBCT industriale unica nel suo genere.
Oltre a ruotare attorno al pezzo, STARGATE si sposta anche longitudinalmente ricostruendo 3D slices da 1000 mm alla volta; la catena radiologica, di derivazione medicale, garantisce un’elevata affidabilità e consente di scansionare un volume di 1000 mm di lunghezza x 800 mm di diametro in meno di 10 minuti (oppure 1000 x 600 mm in meno di 5 minuti)
La ricostruzione e la diagnosi possono avvenire anche off-line mentre il sistema sta scansionando il pezzo successivo o in cluster con un computer esterno.

Principali applicazioni

stargate one mda
STARGATE ONE è in grado di scansionare un volume di 1.000×800 mm in meno di 10 minuti

Le applicazioni tipiche di STARGATE si concentrano nell’analisi qualitativa di pezzi strutturali in CFRP, Al-Alloy, Mg, Plastic, Wood tipicamente eliche, tubi, longheroni, cerchioni, telai. Ideale l’integrazione con le macchine di Additive Manufacturing per l’analisi immediata del processo di lavorazione.
Ottimale è l’utilizzo di STARGATE per la ricerca di difetti di adesione nel processo di realizzazione di manufatti in fibra di Carbonio, ricerca di cracks, bolle, porosità e comparazione tra modello scansionato e modello CAD.

STARGATE vanta già moltissime applicazioni nel settore Automotive, Racing, Marine, Aeronautics per le più prestigiose aziende del settore.

Soluzioni per ogni esigenza

Per ogni esigenza relativa a dimensioni/velocità/test/materiali o anche per eseguire dei test preliminari MDA è in grado di sviluppare versioni custom per esempio: tomosintesi, laminografia, radioscopia 2D, fluoroscopia statica e dinamica con sorgenti fino a 450 kV.

L’articolo STARGATE ONE: architettura gantry per tomografia industriale sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
STARGATE ONE: architettura gantry per tomografia industriale

Condividi:

Siderurgia: un 2019 di rallentamento?

Siderurgia: un 2019 di rallentamento?

Un anno nel quale l’acciaio correrà meno rispetto al 2018. Queste le previsioni dei principali enti internazionali per ciò che concerne produzione e consumo del settore siderurgico.

Alla base, un rallentamento dell’economia mondiale. Secondo le recenti previsioni dell’OCSE, infatti, quest’anno il PIL globale crescerà del 3,3%, contro il 3,6% dell’anno precedente. In particolare, segnala l’OCSE, «i rischi di frenata sono in aumento – si legge nella relazione presentata allo Steel Committee dello scorso marzo –, a causa delle crescenti vulnerabilità in Cina e in Europa e ai mercati finanziari che potrebbero far registrare un’ulteriore contrazione». Per quanto riguarda l’Europa «il “business sentiment” peggiora e i dazi e le politiche intraprese stanno pesando sul commercio estero». Di contro, nel Vecchio continente, «i mercati finanziario e del lavoro stanno migliorando».

Ciononostante, il PIL nell’area euro dovrebbe salire dell’1% nel 2019, contro l’1,8% del 2018, con l’Italia ancora una volta fanalino di coda dell’Ue.

Siderurgia in decelerazione in Ue

«Nel 2019 e 2020 ci sarà una decelerazione della crescita della domanda di acciaio a livello globale». Lo scrive la World Steel Association nell’ultimo Global Steel Market Outlook. L’associazione dei produttori siderurgici globali sottolinea che, in un quadro contraddistinto da «incertezze», le economie sviluppate cresceranno moderatamente, seppur sempre «con tassi positivi in Ue ed USA», mentre in Cina il rallentamento del mercato sarà «ammortizzato dalle misure di stimolo messe in campo da Pechino». Nei paesi emergenti «il panorama è variegato: l’Asia si sta dimostrando resiliente, l’America Latina recupera lentamente, la Turchia è in difficoltà, il Medio Oriente sta faticando». L’interazione di questi andamenti porterà ad un consumo apparente di acciaio pari a 1.658 miliardi di tonnellate nel 2019, con un incremento del 2,1% rispetto al 2018, mentre nel 2020 il tasso di crescita della domanda si sgonfierà ulteriormente: +1,4%.

Per ciò che concerne l’Ue «l’economia ha superato il picco del ciclo economico nel 2018, ma sono in vista pressioni a causa delle tensioni sul commercio estero e della Brexit. La produzione industriale sta diminuendo, soprattutto nelle economie dipendenti dall’export. Gli investimenti ed il settore delle costruzioni saranno testimoni di un moderato calo della fiducia». Espresso in numeri, il consumo apparente quest’anno si dovrebbe attestare attorno ai 169.4 milioni di tonnellate nell’Ue, contro i 166.6 milioni di tonnellate del 2018, per un incremento dell’1,7%.

 

L’articolo Siderurgia: un 2019 di rallentamento? sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Siderurgia: un 2019 di rallentamento?

Condividi: