Archives Maggio 2019

SKF mette alla prova gli ingegneri del futuro

SKF mette alla prova gli ingegneri del futuro

Una giornata dedicata agli studenti di Ingegneria dell’Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale: è l’iniziativa di open innovation con focus sulle tematiche della digitalizzazione organizzata da SKF. Giovedì 23 maggio, dalle ore 9 alle 18:30, 50 futuri ingegneri si sfideranno presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale (via Gaetano di Biasio, 43, Cassino) in un evento che mette al centro competenze, creatività e visione.

Suddivisi in team, gli studenti dovranno realizzare, nell’arco di poche ore, un progetto di trasformazione digitale. Un Comitato Scientifico, coordinato da Antonio Giarrusso, CEO di Userbot ed ex studente dell’ateneo, e composto da esponenti di SKF e dell’Università, valuterà i lavori in base all’originalità dell’idea, al livello di innovazione e alla capacità di lavorare in team.

 

L’articolo SKF mette alla prova gli ingegneri del futuro sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
SKF mette alla prova gli ingegneri del futuro

Condividi:

Come estendere l’area di lavoro dei robot collaborativi? Guarda il video del webinar

Come estendere l’area di lavoro dei robot collaborativi? Guarda il video del webinar

Come estendere l’area di lavoro dei robot collaborativi? SKF Motion Technologies ti aiuta a dare dare risposta a questo quesito e ti invita a seguire il video del Webinar.

I robot collaborativi sono comunemente usati in diversi tipi di settori industriali e applicazioni per automatizzare azioni ripetitive. Uno dei loro vincoli è la limitata area di lavoro, mentre in diverse applicazioni è necessario effettuare movimenti estesi orizzontalmente o verticalmente.

Grazie a un Webinar gratuito, gli esperti di SKF Motion Technologiesanalizzano soluzioni innovative “plug-and-play” per aggiungere uno o più assi ai cobots, aumentando efficacemente l’area operativa e di conseguenza la loro produttività. In particolare, ti aiuteranno a capire come:

  1. Definire i requisiti dell’area e del ciclo di lavoro
  2. Integrare meccanicamente un asse orizzontale o verticale nell’applicazione
  3. Interfacciare il sistema al software del robot

Infine, gli esperti  – mediante la presentazione di 3 casi applicativi reali – dimostreranno i vantaggi pratici di queste soluzioni.

In questo percorso formativo sarai assistito da Antonio Romagna, Business leader Actuation System e Stefano Gai Global Product and Segment Manager Actuators di SKF Motion Technologies.

Se sei interessato ad approfondire questi argomenti, ti sei perso il webinar, oppure desideri riguardarlo, puoi registrati premendo il pulsante qui sotto. Buona visione!

 

L’articolo Come estendere l’area di lavoro dei robot collaborativi? Guarda il video del webinar sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Come estendere l’area di lavoro dei robot collaborativi? Guarda il video del webinar

Condividi:

Bonfiglioli sviluppa soluzioni digitali sostenibili

Bonfiglioli sviluppa soluzioni digitali sostenibili

Bonfiglioli sviluppa soluzioni digitali sostenibili per ottimizzare il ciclo di vita dell’impianto.

I vantaggi dell’integrazione tra motori sincroni a riluttanza e azionamenti dedicati

Bonfiglioli è continuamente alla ricerca di soluzioni industriali per il controllo del movimento che riescano a coniugare competitività, alte prestazioni di controllo ed elevata efficienza energetica. Quest’ultimo aspetto assume sempre più rilevanza, sia per motivi di salvaguardia ambientale che per il risparmio ottenibile nel ciclo di vita dell’impianto.

Per rispondere a queste esigenze, Bonfiglioli ha sviluppato nei propri centri di ricerca un Power Drive System basato sull’accoppiamento dei motori sincroni a riluttanza serie BSR con gli azionamenti elettrici serie Active Cube, dotati di controllo vettoriale sensorless dedicato. A questo è abbinabile l’ampia offerta di riduttori industriali Bonfiglioli.

La soluzione è disponibile in due pacchetti ottimizzati, rispettivamente, per la compattezza e per la riduzione dei costi di esercizio, con livelli di efficienza molto elevati (classe IE4 per il motore e classe IES2 per il Power Drive System, secondo la nuova norma Ecodesign EN 61800-9-2).

Azionamento elettrico serie Active Cube.

Il Power Drive System consente di minimizzare il consumo energetico

Rispetto a soluzioni motore-azionamento non pienamente integrate, il Power Drive System Bonfiglioli consente di minimizzare il consumo energetico in ogni punto di lavoro, grazie alla completa caratterizzazione matematica del motore a bordo inverter (motor digital twin) che garantisce anche una configurazione semplice ed affidabile del sistema.

La piena integrazione del pacchetto e l’ampia varietà di strategie di controllo disponibili a livello software determinano inoltre importanti vantaggi nelle prestazioni ottenibili: accuratezza nel controllo di velocità sensorless, stabilità nel controllo di coppia, erogazione di coppia elevata anche a velocità ridotta o nulla, ottime caratteristiche di sovraccarico.

Nel complesso, una soluzione ideale per un ampio spettro di applicazioni industriali, pienamente integrabile nella Fabbrica 4.0 grazie alla connettività digitale avanzata a bordo azionamento e alle piattaforme IOT Bonfiglioli, presentate in occasione di SPS Italia 2019 (District 4.0) proprio in combinazione con questo Power Drive System.

L’articolo Bonfiglioli sviluppa soluzioni digitali sostenibili sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Bonfiglioli sviluppa soluzioni digitali sostenibili

Condividi: