Archives Febbraio 2019

Workshop di formazione sulla pulizia dei componenti

Workshop di formazione sulla pulizia dei componenti

Il giorno 11 Aprile 2019, presso il Palazzo della Cultura Tecniche Nuove, Via Eritrea 21, 20157 a Milano, la rivista Oleodinamica Pneumatica organizza un workshop di formazione specialistica sulla pulizia dei componenti in collaborazione con Beta Filtration, Pall Italia, Leica Microsystems e Ceever.

L’analisi del grado di pulizia degli impianti è ormai una necessità sempre più frequente per chi lavora in ambito Automotive e dei veicoli industriali.
Non è sempre chiaro cosa le normative richiedano e come effettuare le misure.
Durante questo workshop verranno introdotti i principali concetti legati all’analisi della contaminazione e saranno illustrati i metodi di estrazione, le misure richieste dalle normative internazionali e gli strumenti necessari per effettuarle con l’obiettivo di ottenere un workflow ottimizzato in grado di soddisfare le esigenze del committente, ottenendo così in modo veloce, preciso e riproducibile risultati nell’ambito dell’intero processo di analisi.

Il corso ha un costo di iscrizione di 240 € e la partecipazione è limitata a 60 posti per garantire la qualità sui risultati finali.

Nella quota di iscrizione sono compresi:
1) Abbonamento annuale alla rivista Oleodinamica Pneumatica (carta + digitale);
2) Atti del workshop;
3) Documentazione tecnica rilasciata dalle aziende partner;
4) Attestato di partecipazione;
5) Pranzo a buffet.

Per partecipare all’evento occorre registrarsi compilando il modulo scaricabile da questo link e scegliere una modalità di pagamento.
Si riceverà una conferma via e-mail dopo la corretta registrazione.

L’iscrizione s’intende perfezionata al ricevimento della scheda debitamente compilata in ogni sua parte da spedire a: alessandro.garnero@tecnichenuove.com

Le iscrizioni saranno accettate per ordine di arrivo, fino al raggiungimento del numero di partecipanti e/o non oltre il 5 Aprile 2019.

Programma del workshop sulla pulizia dei componenti

08.30 – 9.00 Accoglienza e registrazione partecipanti
09.15  Introduzione alla giornata
09.30  Inizio lavori
– Cenni sulla contaminazione solida nei fluidi idraulici
– La contaminazione dei componenti
– Origine e natura del contaminante
– Problemi dovuti alla contaminazione
– Valutazione della contaminazione
– Metodi di rimozione e raccolta del contaminante

11.00 Coffee break

11.20
– Misura della contaminazione
– Normative internazionali di riferimento (ISO 16232, VDA 19)

12,30 Pranzo a Buffet

14.00
– L’analisi del particolato e le misure al microscopio ottico

15.00
– Concetti di lavaggio e sgrassaggio
– Metodi di lavaggio
– Metodi di asciugatura
– Impianti di lavaggio

16.00
– Principi base sulla filtrazione
– Rapporto Beta
– Meccanismi di ritenzione
– Categorie di filtri

17.00 Chiusura Workshop

L’articolo Workshop di formazione sulla pulizia dei componenti sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Workshop di formazione sulla pulizia dei componenti

Condividi:

Sandvik Coromant, ottimizzazione della prima fase di lavorazione dell’alluminio

Sandvik Coromant, ottimizzazione della prima fase di lavorazione dell’alluminio

Al fine di ottimizzare la prima fase di sgrossatura dei componenti in alluminio appena sottoposti a fusione per l’industria automobilistica, lo specialista di utensili da taglio e sistemi di attrezzamento Sandvik Coromant presenta la fresa tangenziale M5Q90.

Vantaggi concreti

Progettato per completare la cubatura (prima lavorazione delle superfici dopo la fusione) in un’unica operazione evitando la formazione di bave, il nuovo utensile è dotato di inserti tangenziali in PCD che offrono un’azione di taglio stabile e fluida per ridurre il consumo energetico ed eliminare le vibrazioni. Questa soluzione garantisce prestazioni affidabili, una maggiore durata utensile, una finitura superficiale straordinaria, elevati volumi di truciolo asportato e un maggior numero di componenti lavorati per inserto.

“Al fine di aumentare l’efficienza, la nuova fresa tangenziale M5Q90 presenta dei corpi fresa appositamente progettati, abbinati a geometrie d’inserto specifiche in PCD, con angolo di taglio positivo per ridurre le forze di taglio e il carico sul componente lavorato“, spiega Emmanuel David, Global Automotive Product Manager presso Sandvik Coromant. “Gli inserti vantano una grande semplicità di manipolazione e regolazione, garantendo un minor costo per componente e ottimi valori di precisione e ripetibilità“, aggiunge Jacques Gasthuys, Global Automotive Application Engineer.

I corpi fresa di M5Q90 vengono progettati in base alle specifiche del cliente, rispondendo dunque ai requisiti dei processi di lavorazione ad elevata produttività. In questo modo l’utensile è in grado di funzionare in condizioni di alta velocità, a oltre 20.000 giri al minuto. Nonostante ciò, tutti i corpi fresa dispongono delle stesse caratteristiche in termini di design della sede portainserto, canale di distribuzione del refrigerante, angolo di attacco e angolo di spoglia.

Gli inserti sono sempre disponibili a stock. Se necessario, è possibile estendere ulteriormente la durata utensile del corpo fresa grazie alle soluzioni speciali con inserti in PCD protetti da file di inserti in metallo duro, una configurazione utile anche per aumentare la profondità di taglio.

La profondità di taglio in impegno completo dell’utensile base con inserti in PCD di 2-4 mm (0.079-0.157 poll.) può essere incrementata di oltre 4 mm (0.157 poll.) con le soluzioni speciali provviste di file di protezione con inserti in metallo duro.

Le testate dei cilindri e i blocchi motore in alluminio saranno alcuni dei componenti a trarre maggiore vantaggio da questa soluzione (fonderie che producono componenti automotive o fornitori Tier 1/Tier 2). Ad esempio, la cubatura di una testata dei cilindri fusa richiede la lavorazione delle superfici dell’albero a camme, di entrata-uscita e di combustione.

Impiegando M5Q90, i dati di taglio tipici possono includere una velocità di 2500 m/min (8202 piedi/min) e un avanzamento per dente di 0.20 mm (0.008 poll.). Gli utenti possono inoltre usufruire di canali del refrigerante ad alta precisione, con possibilità di emulsione o MQL.

M5Q90 va a completare l’offerta di Sandvik Coromant per la lavorazione di componenti automotive in alluminio, aggiungendosi alle soluzioni di attrezzamento M5B90, M5C90, M5F90, CoroMill Century/590 e M5R90.

Adatta sia alla spianatura che alla fresatura di spallamenti, M5Q90 può essere adoperata anche in molte applicazioni nel settore aerospaziale e dell’ingegneria generale.

L’articolo Sandvik Coromant, ottimizzazione della prima fase di lavorazione dell’alluminio sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Sandvik Coromant, ottimizzazione della prima fase di lavorazione dell’alluminio

Condividi:

Cuscinetti a 4 punti di contatto su filo metallico

Cuscinetti a 4 punti di contatto su filo metallico

Conosciuti e apprezzati in tutto il mondo, i cuscinetti in elementi di Franke rappresentano il minimo indispensabile per creare un sistema di rotazione performante, compatto e leggero. Quattro anelli di scorrimento in acciaio e una gabbia contenente le sfere, che trovano applicazione in svariati settori.

La storia di Franke inizia nel primo dopoguerra grazie all’estro del suo fondatore, Erich Franke che per far fronte a specifiche richieste dall’ambiente scientifico, inventò un cuscinetto innovativo caratterizzato da un minimo ingombro e facilmente integrabile in strutture realizzate con svariati materiali.

Nasce così il principio del cosiddetto “Cuscinetto in elementi Franke”, soluzione composta da quattro anelli realizzati in acciaio temprato, una gabbia e le sfere: il minimo indispensabile per realizzare unità rotanti.

Gamma prodotti

Partendo dall’idea iniziale, la nuova gamma dei cuscinetti Franke comprende:

  • Cuscinetti in elementi
    Cuscinetti a sezione sottile
    Cuscinetti assemblati
    Cuscinetti Direct Drive

Cuscinetti in elementi

Il cuscinetto in elementi è composto da quattro vie di scorrimento e dalle sfere contenute da una gabbia a nastro in materiale plastico. Le vie di scorrimento, sagomate attraverso un dedicato processo di rettifica, accolgono le sfere e ne permettono un rotolamento fluido e preciso. Il cuscinetto in elementi trova alloggiamento nelle sedi ricavate dal cliente e sono precaricabili in fase di montaggio in modo da potersi adattare alle specifiche necessità di scorrevolezza e di rigidità.

Cuscinetto in elementi LER3.

Sono fornibili con diametri a partire da 80 mm fino a 7 metri, con sezioni variabili in base alle necessità di carico.
La costruzione della sede da parte del cliente è estremamente personalizzabile nella forma e nel tipo di materiale scelto e, grazie alle ridotte dimensioni e pesi, permette di realizzare sistemi rotanti  compatti e leggeri con un ampio centro libero.
Versioni speciali sono realizzate con vie di scorrimento e sfere in acciaio inossidabile ed acciaio amagnetico.

Cuscinetto assemblato LVE300 con dentatura esterna per cinghia AT10.

La novità per il 2019 è rappresentata dal cuscinetto in elementi con scorrimento su rulli incrociati: versatilità, precisione e scorrevolezza combinati con un’aumentata rigidità e grandi capacità di carico. Sono queste le caratteristiche della nuova serie di cuscinetti in elementi denominata LEW.

Cuscinetti a sezione sottile

I cuscinetti a sezione sottile rappresentano l’evoluzione del cuscinetto in elementi. In questo caso le vie di scorrimento sono soltanto due con la sede ad arco gotico a garantire anche in questo caso i 4 punti di contatto.

I cuscinetti a sezione sottile sono caratterizzati dalle dimensioni estremamente contenute e disponibili in tre sezioni da 4 ad 8 mm con diametri da 90 a 700 mm.
In questo caso il precarico è predefinito in base ai diametri di alloggiamento ed il montaggio del cuscinetto risulta molto semplificato. Altro vantaggio di questi cuscinetti è rappresentato dall’aspetto economico comparato con le normali soluzioni presenti sul mercato.

Cuscinetti assemblati

I cuscinetti assemblati Franke sono realizzati in misure standard con l’utilizzo del cuscinetto in elementi al proprio interno.
Il prodotto finale è un cuscinetto flangiato di largo diametro completo con fori predisposti per il fissaggio.
Questa soluzione offre tutti i vantaggi del cuscinetto in elementi e in più è pronta per l’utilizzo.
I cuscinetti assemblati sono disponibili con strutture esterne realizzate in acciaio ed in alluminio, in versione liscia, in acciaio nella versione con dentatura a denti diritti ed in alluminio con dentatura per cinghia dentata AT10 ( altre dentature su specifica del cliente).
Le versioni in alluminio offrono le stesse caratteristiche di quelle analoghe in acciaio con una consistente riduzione del peso e un’ottima resistenza alla corrosione.
Grazie alla geometria a 4 punti di contatto, questi cuscinetti possono supportare carichi assiali, radiali e momenti di ribaltamento e offrono elevate precisioni e uno scorrimento fluido e omogeneo con velocità fino a 5 m/s.
Questi cuscinetti sono fornibili in diametri da 100 a 1800 mm, molti dei quali disponibili in pronta consegna.

Cuscinetti Direct Drive

Dall’’unione del cuscinetto in elementi Franke e un motore torque nascono le unità Direct Drive.
La struttura portante è realizzata in alluminio ed ospita il cuscinetto in elementi, i magneti e gli avvolgimenti del motore e un encoder a banda magnetica (con sistema di misurazione incrementale o assoluto). Questo sistema permette l’eliminazione di numerosi componenti utilizzati nei tradizionali sistemi, come motore esterno, giunti, dentature o cinghie di trasmissione.  Il cuscinetto Direct Drive è pronto per l’utilizzo, necessita semplicemente il collegamento elettrico con l’unità di governo.

Unità Direct Drive.

I vantaggi offerti da questo sistema sono molti, a partire da una drastica riduzione dei pesi, ottimizzazione degli ingombri con ampio spazio centrale libero, elevato dinamismo e velocità di rotazione, sistema di misura integrato e, per applicazioni particolarmente gravose un sistema di raffreddamento a liquido che permette di incrementare la potenza.
Le unità Direct Drive sono realizzabili in diametri da 100 a 1800 mm personalizzabili nelle dimensioni  in base alle necessità del cliente.
Un esempio significativo di impiego di questa soluzione è rappresentato dalle macchine per la tomografia assiale nel settore medicale. In questa applicazione le richieste in termini di velocità e silenziosità da parte del cliente sono stati soddisfatti tramite la progettazione di un cuscinetto di diametro superiore al metro con integrato il motore. Si raggiungono così velocità di 20 m/s con un livello di rumorosità inferiore a 60 Db.
Ulteriore valore aggiunto di questo prodotto è la sensibile riduzione di energia richiesta grazie all’assenza di attriti generati dai tradizionali sistemi di trasmissione.

HTC Srl distribuisce in esclusiva sul territorio italiano cuscinetti, guide lineari e sistemi di posizionamento prodotti da Franke.

 

L’articolo Cuscinetti a 4 punti di contatto su filo metallico sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
Cuscinetti a 4 punti di contatto su filo metallico

Condividi: