“No-deal Brexit”: possibile balzo in avanti dei livelli d’insolvenza

“No-deal Brexit”: possibile balzo in avanti dei livelli d’insolvenza

Nell’Unione Europea, i mercati più esposti, al possibile “no-deal Brexit” il prossimo 29 marzo, sarebbero quelli più attivi dal punto di vista commerciale con il Regno Unito. Per quest’ultimo, le stime parlano già di un +14% d’insolvenze nel periodo 2019-2020. Decisamente più contenuti gli impatti negativi per l’Italia che registrerebbe un incremento dello 0,5%. Tra i settori maggiormente coinvolti in Italia ci sarebbero manifatturiero, automotive, alimentare e chimico. 

Nel resto dell’Unione Europea, impatti attesi in Irlanda, in cui l’incremento dei casi di mancato pagamento si attesterebbe su un +4%, concentrato soprattutto nel settore manifatturiero, dove il 44% del valore aggiunto complessivo proviene dalle esportazioni nel Regno Unito. Scenderebbe ad un +1,5% l’impatto atteso nel prossimo biennio nei Paesi Bassi, Belgio e Danimarca. I comparti tessile, chimico, e di produzione di macchinari per la movimentazione merci sarebbero i più colpiti, in quanto caratterizzati, in tutti e tre i Paesi, da un significativo export verso il Regno Unito. +1% atteso in Spagna, Portogallo e Germania, mentre per l’Italia gli effetti negativi sarebbero ancora più limitati registrando, insieme a Francia e Austria, un incremento solo dello 0,5%. Per il resto dei 27 Paesi dell’Unione, la previsione sulla crescita delle insolvenze si mantiene al di sotto di questo ultimo dato. Dal punto di vista del commercio, una “no-deal Brexit” avrebbe impatti negativi sui settori che hanno catene di approvvigionamento particolarmente integrate tra il Regno Unito ed il resto dell’Unione europea, come il settore manifatturiero, molto reattivo ad un incremento delle barriere commerciali, dell’automotive, food & beverage, prodotti chimici e servizi.

Fonte analisi Atradius

 

Source: Meccanica e Automazione
“No-deal Brexit”: possibile balzo in avanti dei livelli d’insolvenza

Condividi: