Archives maggio 2018

Impresa 4.0, iper-ammortamento: chiarimenti su beni agevolabili e interconnessione

Impresa 4.0, iper-ammortamento: chiarimenti su beni agevolabili e interconnessione

A seguito delle numerose richieste di parere tecnico pervenute in materia di iper-ammortamento, è online la circolare direttoriale del 23 maggio 2018 che fornisce chiarimenti sulla portata dei requisiti obbligatori dell’interconnessione e dell’integrazione automatizzata, e sull’applicazione del beneficio a tipologie di beni strumentali materiali non specificati negli esempi nella circolare del 30 marzo 2017 e nelle FAQ pubblicate il 19 maggio e il 12 luglio.

Tra i casi presi in esame dalla circolare, si segnala in particolare il trattamento di:

  • impianti tecnici di servizio agli impianti produttivi
  • macchine di sterilizzazione impiegate nel settore sanitario
  • sistemi di illuminazione e dei distributori automatici (c.d. vending machine)

Vengono fornite, inoltre, ulteriori indicazioni per meglio qualificare i concetti di guida automatica e semiautomatica e per chiarire alcune fattispecie riconducibili ai “Sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità”.

 Testo della circolare 23 maggio 2018, n.177355

 Scheda di approfondimento Iper e Super ammortamento

Source: Meccanica e Automazione
Impresa 4.0, iper-ammortamento: chiarimenti su beni agevolabili e interconnessione

Condividi:

Tutto pronto per Ansys Innovation Conferenze 2018

Tutto pronto per Ansys Innovation Conferenze 2018

Ansys da sempre è attenta ai propri clienti e tutto è pronto per l’edizione 2018 di Ansys Innovation Conference, l’appuntamento annuale che si svolgerà il prossimo 13 giugno a Bologna. Nella cornice del Savoia Hotel Regency, l’Innovation Conference sarà l’occasione per un confronto tra l’azienda e i propri clienti sull’evoluzione dei trend tecnologici, sulle esigenze in continuo cambiamento del mercato e sulle principali sfide che le organizzazioni stanno affrontando. I partecipanti potranno scoprire tutte le novità relative alla simulazione ingegneristica per il metal additive manufacturing, le soluzioni che permettono di stampare complessi componenti metallici leggeri e analizzare le proprietà e il comportamento della loro microstruttura. Queste nuove soluzioni possono ridurre drasticamente il costo della produzione additiva, limitando i numerosi vincoli di progettazione, riducendo gli sprechi e i tempi di stampa.

Le partnership e le acquisizioni

L’azienda avrà inoltre modo di illustrare le più recenti partnership e acquisizioni, quali ad esempio quella di Optis, leader nella simulazione ottica, che permette ad ANSYS di offrire la soluzione per la simulazione di veicoli autonomi più completa del settore. L’introduzione del sensore ottico Optis e della simulazione real-time closed-loop nella sofisticata suite multifisica di Ansys, consente di offrire il più ampio set di strumenti per validare sicurezza e affidabilità dei veicoli autonomi, accelerandone i tempi di commercializzazione e riducendo la necessità di miliardi di chilometri di prove su strada. Le novità non si fermano qui, i partecipanti avranno la possibilità di ascoltare interessanti interventi di Clienti Ansys e di partner tecnologici che copriranno diverse applicazioni e temi tra cui: Topology Optimization, Predictive Maintenance, Discovery Live per la simulazione in tempo reale fino a Medini e SCADE per lo sviluppo di software embedded in sistemi critici.

I partner tecnologici

A supportare Ansys nel corso dell’evento vi saranno numerosi partner tecnologici, che saranno a disposizione degli utenti per approfondire l’utilizzo del software declinato in differenti modalità. Tra i business partner 2018 saranno presenti: EnginSoft, Braitec, Parametric Design, Eka e Kite Group. “L’Ansys Innovation Conference è l’occasione perfetta per un confronto sulle sfide affrontate dalle aziende” sottolinea Carlo Gomarasca, Amministratore Delegato di Ansys Italia. “La giornata, ricca di momenti di approfondimento, permetterà di condividere esperienze e di valutare insieme le soluzioni più adeguate per continuare a essere innovativi, competitivi e sostenere la trasformazione digitale.” L’agenda completa dell’evento il form di registrazione sono disponibili qui.

L’articolo Tutto pronto per Ansys Innovation Conferenze 2018 sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Tutto pronto per Ansys Innovation Conferenze 2018

Condividi:

E-skin di Igus riceve il premio Reinheitstechnik-Preis

E-skin di Igus riceve il premio Reinheitstechnik-Preis

Igus ha sviluppato l’e-skin per l’alimentazione di impianti e macchine nelle produzioni in camere bianche. Questo garantisce la fornitura di energia e dati alle macchine evitando la formazione di particelle, dovuta all’attrito, oltre i valori limite prestabiliti e quindi la contaminazione dell’ambiente. Il tubo flessibile igus per applicazioni in camera bianca ha ricevuto il secondo premio per la tecnologia collegata alle produzioni “clean” dal Fraunhofer, che è stato conferito il 6 febbraio 2018.

Niente contaminazioni

All’e-skin è stato conferito il secondo premio tecnologia della pulizia Fraunhofer “Clean! 2018”. Philipp Hagedorn (secondo da dx), responsabile del prodotto catene portacavi presso igus, ha ricevuto il premio.

La produzione di microchip, schermi piatti, principi attivi farmaceutici o micro- e nanoprodotti sarebbe impensabile senza un ambiente di produzione pulito, puro o altamente puro. Qualsiasi contaminazione determina effetti dannosi su prodotti e processi che rendono la produzione più costosa. Per l’alimentazione di macchine ed impianti lo specialista motion plastics igus ha quindi sviluppato un nuovo tipo di tubo corrugato per camera bianca: l’e-skin. Questo ha il marchio di qualità Fraunhofer Tested Device ISO classe 1 e ora gli è stato conferito il secondo premio tecnologia della pulizia Fraunhofer “Clean! 2018”. Con questo riconoscimento vengono premiate le idee emergenti nella tecnologia della pulizia che non solo sono completamente nuove, ma che incrementano anche la redditività dei processi produttivi.

Struttura compatta e resistenza all’attrito per una produzione pulita 

L’e-skin è in tribopolimero ottimizzato resistente all’attrito. Le due metà, superiore e inferiore, smontabili possono essere montate facilmente con chiusura a strappo per creare un tubo completamente chiuso con elevata tenuta a polvere e acqua. In questo modo si garantisce sia l’asetticità dell’ambiente sia un veloce riempimento e una rapida manutenzione dei conduttori. L’e-skin di facile montaggio è inoltre estremamente leggero, adatto per spazi costruttivi ridotti, ad esempio per applicazioni Pick and Place e, grazie alla robustezza dei materiali, al profilo corrugato nonché a una direzione di movimento definita, a differenza di altri tubi corrugati, può essere utilizzato perfino in versione autoportante per corse brevi. L’asetticità del design e del materiale dell’e-skin è stata testata nel laboratorio di prova dell’azienda igus.

L’articolo E-skin di Igus riceve il premio Reinheitstechnik-Preis sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
E-skin di Igus riceve il premio Reinheitstechnik-Preis

Condividi:

3M lancia la sfida: progettare senza viti, rivetti e saldature

3M lancia la sfida: progettare senza viti, rivetti e saldature

3M lancia un concorso rivolto a tutti gli amanti del design per la progettazione di un oggetto inventato o già esistente realizzato senza l’uso di viti, rivetti e saldature, ma assemblato esclusivamente con i nastri 3M VHB e i sistemi richiudibili 3M Dual Lock. L’assemblaggio del prodotto potrà essere fisico, costruendo realmente il prodotto, o virtuale, semplicemente descrivendo il risultato finale. 3M VHB e 3M Dual Lock sono prodotti innovativi, dotati di una tecnologia adesiva per l’incollaggio di un’ampia varietà di materiali, anche in applicazioni complesse.

Tempo fino al 31 luglio

I partecipanti avranno tempo fino al 31 luglio per presentare il loro progetto. Il vincitore, che sarà selezionato in base all’effettiva applicabilità del progetto nel mercato reale, alla creatività, al grado di innovazione e di funzionalità del prodotto, si aggiudicherà un Apple Mac Book Pro 13”. Il regolamento completo è consultabile al sito: in.3m.it/accetti-la-sfida. Anche il blogger Silvio De Rossi ha accettato la sfida di 3M, assemblando un monopattino senza l’ausilio di viti e rivetti, ma solo attraverso l’uso di 3M VHB, fissaggio dalla straordinaria resistenza, studiato per restare invisibile.

Nastro biadesivo in schiuma acrilica

VHB è un materiale adesivo tecnologicamente avanzato che trova spazio di applicazione in svariati mercati, dall’aeronautica all’arredamento, e in molteplici situazioni indoor e outdoor, anche le più estreme, nelle quali sostituisce l’utilizzo di soluzioni meccaniche con un incollaggio strutturale. È un nastro biadesivo in schiuma acrilica ad alta resistenza che permette di avere in modo rapido e semplice una tenuta di lunga durata che mantiene efficacemente la propria forza nel tempo. Grazie alla capacità di aderire a un’ampia gamma di materiali, fra cui alluminio, acciaio, vetri, plastica e superfici verniciate a smalto e a polvere, questi nastri offrono soluzioni di fissaggio praticamente su qualsiasi materiale.

Sistemi richiudibili

Anche i sistemi richiudibili 3M Dual Lock sono un’alternativa innovativa a viti, bulloni, elementi a scatto e altri fissaggi tradizionali. Trovano un largo impiego nell’industria dei trasporti in sostituzione di viti per il fissaggio di pannelli a parete e a soffitto, velocizzano le fasi di rimozione e semplificano la manutenzione. I sistemi 3M Dual Lock hanno inoltre aperto nuovi orizzonti nell’industria della comunicazione e della promozione commerciale. Numerosi elementi grafici, insegne e parti di stand fieristici possono essere affissi e cambiati in pochi istanti grazie a questa soluzione.

L’articolo 3M lancia la sfida: progettare senza viti, rivetti e saldature sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
3M lancia la sfida: progettare senza viti, rivetti e saldature

Condividi:

Voucher digitalizzazione, in arrivo 242,5 milioni di euro per le piccole imprese

Voucher digitalizzazione, in arrivo 242,5 milioni di euro per le piccole imprese

Il Ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, ha firmato il decreto che mette a disposizione dei voucher per la digitalizzazione altri 242,5 milioni di euro. Ora, le piccole imprese che vogliono innovare prodotti, processi e tecnologie di lavoro possono contare su un fondo totale di 342,5 milioni di euro. Un aumento della dotazione economica necessario a fronte dell’altissimo numero di richieste presentate dalle imprese. Più di 90mila, fanno sapere dal MiSe, che avrebbero potuto contare su un finanziamento troppo esiguo rispetto ai progetti presentati. Nei prossimi giorni verrà comunicato l’importo definitivo per ciascuna impresa ammessa al fondo.

Source: Meccanica e Automazione
Voucher digitalizzazione, in arrivo 242,5 milioni di euro per le piccole imprese

Condividi:

Masserdotti inaugura la nuova sede produttiva all’insegna dell’efficienza 4.0

Masserdotti inaugura la nuova sede produttiva all’insegna dell’efficienza 4.0

“Questa fabbrica viene interamente dedicata al fondatore del Gruppo Masserdotti S.p.A., Cav. Andrea Masserdotti (1948-2014)”: così recita la targa affissa nell’impattante reception della nuova sede del Gruppo Masserdotti, inaugurata ufficialmente lo scorso 12 aprile a Castel Mella (Brescia). Ancora prima di entrare lo stabile manifesta tutta la sua imponenza, parlando di innovazione: un monolite di 10.000 mq che si distingue dallo scenario circostante per la tinteggiatura grigio scuro accostata al bianco della facciata decorata sulla quale sembrano scorrere piccoli quadratini neri. Una scelta che richiama da un punto di vista storico e filosofico la nascita della grafica, dal puntinismo di fine ‘800 fino ad arrivare al pixel e che metaforicamente ripercorre la storia aziendale inziata a fine anni ’60 con la realizzazione manuale delle prime insegne fino all’attuale produzione di soluzioni di comunicazione all’avanguardia.

Una grande sfida

Alberto Masserdotti

“Una grande sfida, – commenta Alberto Masserdotti, CEO del Gruppo – che abbiamo vinto”. Lo stabile dinamico e contemporaneo porta in seno il concetto di Industry 4.0, che si traduce in sostenibilità ed efficienza a tutti i livelli, da quella energetica a quella produttiva. Il tutto realizzato in tempi record: inizio lavori a luglio 2017 e trasloco in una settimana a febbraio 2018, con un fermo delle attività di sole 6 ore per il riavvio dei server. “La progettazione del fabbricato è partita da un’attenta analisi dei flussi di lavoro e di produzione per poter ottenere una maggiore efficienza nella distribuzione interna degli uffici e per creare un’area produttiva all’insegna della fluidità logica e funzionale” aggiunge Masserdotti. “Il complesso, che sorge in un polo artigianale, è stato realizzato completamente ex novo e si sviluppa su due piani votandosi alla forte innovazione tecnologica che permea l’azienda”, spiega l’architetto Giovanni Paneroni che firma il progetto. “Gli interni sono stati ideati puntando su un mood industriale con l’utilizzo di materiali di forte impatto estetico come cemento e ferro. Lo spazio dedicato alla produzione, che può ospitare il doppio delle attrezzature implementate nella sede precedente, nasce dalle cinque navate originarie che collegate tra loro danno vita ad un unico grande ambiente all’insegna della massima praticità operativa”. Un posto d’onore è riservato allo showroom che, tra giochi di luce e chiaro-scuro, accoglie i visitatori nell’espressione massima della comunicazione multimediale: una gamma unica ed esclusiva di soluzioni tecnologiche per la visual communication firmate da Domino Sistemi srl, società del Gruppo specializzata nel Digital Signage.

Le ragioni dell’investimento

Durante l’evento inaugurale un empatico Alberto Masserdotti ha sottolineato le ragioni che stanno alla base di questo importante investimento. “Abbiamo chiuso l’anno fiscale con un fatturato di 9 M di euro, registrando una crescita del 25% sul 2016, che sale al 67% se si considerano gli ultimi 36 mesi. Ciò ha determinato la necessità di rafforzare il reparto produttivo con nuovi sistemi industriali di ultimissima generazione, che sono stati implementati direttamente nella nuova fabbrica. L’area che abbiamo destinato alla produzione è stata progettata per accogliere un ulteriore potenziamento che è già prevedibile sulla base dei trend di crescita (+10% nel primo trimestre 2018) e dei nostri obiettivi aziendali volti all’apertura di nuovi mercati”. È di poche settimana fa, infatti, l’annuncio delle nuove proposte Mobility che vanno ad arricchire il ventaglio di soluzioni multimediali offerte online attraverso l’e-shop DominoDisplay.com. Un’ulteriore risposta del Gruppo Masserdotti alla Digital Transformation che sta interessando tutti i comparti industriali e non solo. Un’offerta che amplia ulteriormente il panel di riferimento del Gruppo già molto variegato: dai grandi clienti corporate come brand internazionali del calibro di Metro, Coin, Prada al network di rivenditori di sistemi multimediali (tra cui elettricisti, system integrator, impiantisti) fino all’utenza finale raggiunta dall’e-shop DominoDisplay.com come i piccoli esercenti.

Le soluzioni Mobility in bundle

Le soluzioni Mobility in bundle sono solo la più recente proposta pionieristica del Gruppo, che nei 50 anni di attività è stato protagonista di tappe fondamentali nella storia della comunicazione visiva. Dall’introduzione della stampa digitale nel ’92, all’interior decoration nel 2006, dai sistemi multimediali per la comunicazione 2.0 nel 2011 all’apertura nel 2014 dell’unico e-shop attualmente esistente dedicato alle soluzioni tecnologiche per la comunicazione. “La nuova sede per noi rappresenta un ulteriore asset che ci permetterà di affrontare con più competitività le prossime sfide”, aggiunge Masserdotti. “Ormai non parliamo più di futuro della stampa, ma di futuro della comunicazione in tutte le sue espressioni. Pensare che la tecnologia sia appannaggio esclusivo dei grandi brand è un retaggio del passato. Tutti viviamo aggiornati al secondo e chi comunica si deve conformare a questi ritmi per garantire una shopping experience attuale e coinvolgente”. Non solo teoria ma fatti, che si traducono in commesse realizzate in tempi record e che dimostrano la capacità del Gruppo Masserdotti di rispondere con efficienza alle richieste più sfidanti. “La nostra consolidata expertise e la nostra struttura organizzativa oggi più che mai ci permettono di soddisfare esigenze come quella di Sky, che per i propri punti vendita chiede cambi immagine da effettuarsi in una notte”, racconta Alberto. Il portfolio Masserdotti, infatti, è ricco di case history prestigiose e qualificanti, come la gestione delle vetrine OVS, che vengono aggiornate ogni 20 gg su tutti i 550 punti vendita presenti in Italia e in Europa. E ancora, le circa 400 installazioni per Ikea sparse in tutta la penisola, dove i sistemi multimediali vengono motorizzati direttamente dalla control-room di Domino Sistemi che, attraverso l’esclusivo software proprietario Palinsesto, modifica i messaggi da remoto in base al sentiment commerciale.

Partita da Brescia, la realtà Masserdotti ha portato la qualità dell’imprenditoria Made in Italy nel mondo, decorando le vetrine di Miu Miu a Hong Kong e gestendo contenuti multimediali trasmessi in tutti i Continenti. “La sfida per il prossimo futuro? Confermarci realtà dinamica, pionieristica, capace di anticipare le esigenze. Un approccio premiante che continueremo ad alimentare anche grazie a nuove linee di prodotto che presto presenteremo al mercato”.

 

L’articolo Masserdotti inaugura la nuova sede produttiva all’insegna dell’efficienza 4.0 sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Masserdotti inaugura la nuova sede produttiva all’insegna dell’efficienza 4.0

Condividi:

EOS promuove l’integrazione della stampa 3D con le tecnologie IoT

EOS promuove l’integrazione della stampa 3D con le tecnologie IoT

EOS ha aderito a MindSphere World, un’associazione che promuove il sistema operativo aperto e basato sul cloud MindSphere. EOS è uno dei primi fornitori di soluzioni di stampa 3D a entrare a far parte di questa organizzazione, che comprende aziende come Siemens, Festo e KUKA. Con i suoi quasi 30 anni di esperienza nel campo della stampa 3D, EOS parteciperà attivamente all’organizzazione, occupandosi ad esempio di guidare un gruppo di lavoro dedicato alle tecnologie di Additive Manufacturing. L’organizzazione punta a espandere l’ecosistema incentrato su MindSphere a livello globale. MindSphere è il sistema operativo IoT aperto e basato sul cloud sviluppato da Siemens, in grado di collegare impianti, sistemi e macchinari. In questo modo, le aziende possono sfruttare i dati provenienti da varie origini per funzioni di analisi e gestione della produzione, indipendentemente dalla posizione. Come pioniere nel campo della stampa 3D industriale, EOS si impegna costantemente per integrare le proprie soluzioni nei flussi di lavoro di produzione dei clienti. Con EOSCONNECT, EOS offre una soluzione software che opera come gateway e, in combinazione con MindSphere, permette di integrare i sistemi di stampa 3D EOS con le tecnologie IoT (Internet of Things). Le aziende possono quindi connettere reti di macchinari in tutto il mondo, rendendo ancora più flessibili ed efficienti le proprie capacità produttive.

La stampa 3D industriale come elemento chiave negli impianti di produzione digitali

Il nostro obiettivo è creare e sviluppare un ecosistema basato su MindSphere, attraverso una community di aziende di produzione e IT di qualsiasi dimensione e settore, oltre a sviluppatori indipendenti e start-up. Siamo quindi molto lieti di avere con noi EOS, un pioniere per le soluzioni di stampa 3D. Il know-how tecnologico dell’azienda nel campo dell’Additive Manufacturing contribuisce all’ulteriore sviluppo di MindSphere e delle sue applicazioni, aggiungendo un valore significativo all’ecosistema”, ha commentato Jan Mrosik, Presidente del consiglio di amministrazione di MindSphere World e.V. Giancarlo Scianatico, Regional Manager per l’Italia di EOS, ha commentato: “Nel contesto di Industry 4.0, gli scenari di produzione sono sempre più digitalizzati. La tecnologia per la stampa 3D industriale offerta da EOS gioca un ruolo chiave in questo campo, perché offre ai clienti un livello completamente nuovo di libertà in termini di progettazione e produzione dei componenti. Pertanto, questa tecnologia viene sempre più utilizzata nella produzione in serie.” Ha quindi aggiunto: “Il passo successivo consiste nell’integrare in modo significativo la stampa 3D industriale sia negli ambienti di produzione esistenti che in quelli futuri e allo stesso tempo ottimizzare continuamente i flussi di dati e componenti nella produzione in serie. In altre parole, si tratta della connettività digitale tra le tecnologie tradizionali e quelle additive. Grazie a MindSphere World, possiamo collaborare con le aziende giuste per promuovere questo sviluppo.

Connettività di livello industriale

EOS si impegna costantemente per garantire che le sue soluzioni possano essere connesse con le applicazioni MES/ERP e, attraverso la combinazione di EOSCONNECT con MindSphere, che siano anche in grado di supportare nuovi mercati digitali e piattaforme IoT. Questa elevata connettività offre due vantaggi: Le aziende possono passare in modo trasparente i dati di produzione ai propri sistemi CAQ (Computer Aided Quality), assicurandone la tracciabilità in modo sicuro e affidabile e agevolando la convalida dei processi per la produzione. Inoltre, è possibile trarre vantaggio da una maggiore trasparenza grazie alla visualizzazione e alla lettura degli indicatori KPI di produzione in tempo reale. In ultima analisi, questo tipo di connettività completa aiuta le aziende ad aumentare la propria produttività.

L’articolo EOS promuove l’integrazione della stampa 3D con le tecnologie IoT sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
EOS promuove l’integrazione della stampa 3D con le tecnologie IoT

Condividi:

Ansys: soluzione olistica per la simulazione di veicoli autonomi

Ansys: soluzione olistica per la simulazione di veicoli autonomi

Grazie all’acquisizione di Optis, leader nella simulazione ottica, Ansys è oggi in grado di offrire la soluzione per la simulazione di veicoli autonomi più completa del settore. L’introduzione della simulazione ottica a circuito chiuso di OPTIS nella sofisticata suite multifisica di Ansys consente all’azienda di offrire il più ampio set di strumenti per validare sicurezza e affidabilità dei veicoli autonomi, accelerandone i tempi di commercializzazione e riducendo significativamente la necessità di percorrere miliardi di chilometri in prove su strada.

Simulazione scientifica di luce

Optis – il principale fornitore di software per la simulazione scientifica di luce, visione umana e visualizzazione – offre soluzioni di simulazione ottica basate sulla fisica. Con Optis, le funzionalità Ansys comprendono ora la simulazione di tutti i sensori – tra cui lidar, telecamere e radar -, la simulazione multifisica di componenti fisici ed elettronici, analisi della sicurezza funzionale dei sistemi e sviluppo automatizzato di software safety-certified embedded . Queste funzionalità possono essere integrate in un ambiente di simulazione a circuito chiuso che interagisce con i simulatori di tempo e traffico, consentendo di eseguire virtualmente migliaia di scenari di guida. L’impatto finanziario dei veicoli autonomi è enorme: gli analisti prevedono infatti che questa tecnologia emergente farà aumentare l’economia globale di 7 trilioni di dollari, ma l’effetto sulla vita umana sarà ancora più significativo, soprattutto se si considerano le potenzialità dei veicoli autonomi di ridurre drasticamente gli incidenti stradali, consentendo di salvare oltre 600.000 vite ogni anno. Tuttavia, prima che un numero considerevole di questi veicoli possa percorrere strade e autostrade occorre verificarne la sicurezza attraverso rigorosi test in ambienti di guida complessi, che riproducano innumerevoli condizioni stradali e scenari meteorologici, che richiederebbero miliardi di chilometri di prove fisiche su strada. L’acquisizione di Optis consente ad Ansys di fornire una soluzione più rapida, sicura ed economica rispetto ai test fisici di veicoli autonomi.

Eliminare tutti gli errori umani

“Oltre il 90% degli incidenti automobilistici sono causati da errori umani e i veicoli autonomi sono potenzialmente in grado di eliminarli praticamente tutti”, ha dichiarato Eric Bantegnie, vice president and general manager di Ansys. “Fornendo la più accurata e completa tecnologia di simulazione multidisciplinare e interfunzionale esistente e avvalendosi della tecnologia OPTIS, Ansys aiuterà a portare sul mercato veicoli autonomi sicuri e affidabili, riducendo gli incidenti automobilistici e soprattutto le morti”. “Dato che le aziende del settore sono in competizione per lo sviluppo di veicoli autonomi sicuri, poter disporre di una soluzione di sensori completa risulta fondamentale”, ha dichiarato Jacques Delacour, president e CEO di Optis. “La partnership con Ansys ci consente di fornire la migliore simulazione di radar, lidar e fotocamera presente sul mercato in un unico set di strumenti, grazie al quale lo sviluppo di veicoli autonomi subirà un’accelerazione significativa”.

Realtà virtuale fotorealistica

Optis ha sviluppato una realtà virtuale fotorealistica e una piattaforma di simulazione a circuito chiuso che contribuiranno a velocizzare lo sviluppo di veicoli a guida autonoma. Utilizzando questa dorsale VR – combinata con altre soluzioni Ansys – i produttori automobilistici possono simulare l’ambiente in cui i veicoli senza conducente navigano, tra cui condizioni stradali, meteorologiche e strade a senso unico. Le soluzioni di simulazione pervasive di Ansys saranno utilizzate per guidare veicoli virtuali autonomi in ambienti realistici simulati. Utilizzando modelli accurati per riprodurre “incontri” reali, i veicoli autonomi possono essere guidati per milioni di chilometri in un ambiente virtuale in un solo giorno. L’acquisizione consolida la posizione di Ansys anche come fornitore di simulazione a livello mondiale in altri settori, oltre a quello dei veicoli autonomi. L’integrazione di strumenti di visione con le esistenti soluzioni di Ansys sarà in grado trasformare in modo significativo l’offerta ai clienti.

 

L’articolo Ansys: soluzione olistica per la simulazione di veicoli autonomi sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Ansys: soluzione olistica per la simulazione di veicoli autonomi

Condividi:

INTRALOGISTICA ITALIA, a Milano tutte le innovazione e le tendenze per la Logistica interna

INTRALOGISTICA ITALIA, a Milano tutte le innovazione e le tendenze per la Logistica interna

Tra pochi giorni nel quartiere di Fiera Milano a Rho si apriranno le porte di INTRALOGISTICA ITALIA, l’evento in Italia interamente dedicato alla logistica interna, capace di attrarre le aziende promotrici del futuro, dando spazio al Retail e coniugando diversi attori di un settore in continua evoluzione.

In programma dal 29 maggio al 1 giugno 2018, presso i padiglioni 6 e 10 di Fiera Milano Rho, potrà essere visitata da tutti gli operatori
presenti anche alle manifestazioni concomitanti Ipack-Ima, Plast e Print4All.

Registrati qui per ottenere l’ingresso alle cinque manifestazione di INTRALOGISTICA ITALIA.

Un’offerta senza eguali per il mercato della logistica interna. La fiera, organizzata dalla filiale italiana di Deutsche Messe AG, proprietaria del quartiere fieristico di Hannover, che ospita ogni anno in Germania la più importante manifestazione internazionale dell’Industria 4.0, rappresenta una grande opportunità per le aziende che anche in Italia puntano in modo strategico sull’innovazione tecnologica dei prodotti e sulle competenze del personale impiegato. La manifestazione si contraddistingue per la molteplice offerta dei prodotti finalizzati alla gestione della logistica interna all’azienda, dai carrelli elevatori ai mezzi di sollevamento, dai sistemi di magazzinaggio, trasporto continuo e di pesatura, alle scaffalature industriali, agli accessori, fino ai servizi di engineering per la logistica e di consulenza, sistemi e software, servizi logistici per il trasporto e l’organizzazione del traffico.

Guarda la lista completa degli espositori di INTRALOGISTICA ITALIA sul catalogo online cliccando qui.

Calendario degli eventi. Quest’anno ogni giorno verranno organizzati sullo Spazio Galileo (Pad. 10) convegni, workshop e incontri altamente professionali con relatori qualificati di aziende leader ed esperti del mondo della ricerca e della stampa.
Saranno numerose per gli operatori del settore in visita a INTRALOGISTICA ITALIA le tematiche di interesse, scelte dall’Advisory panel, il comitato a cui aderiscono esperti del mondo industriale, accademico e istituzionale.
Ne citiamo solo alcuni: AISEM, ANIMA, AUTOMHA, BENNET, BYD, CANDY, COOPERATIVA CERAMICA D’IMOLA, CROWN, DHL, FERRERO, F.LLI BERETTA, GRUPPO FCA, INCAS, IPER LA GRANDE I, LEROY MERLIN, LINDE, LIUC BUSINESS SCHOOL di
Castellanza, MICROSOFT, POLITECNICO DI MILANO, RITE-HITE, SHARP.

Scopri tutti gli eventi cliccando qui.

 

Source: Meccanica e Automazione
INTRALOGISTICA ITALIA, a Milano tutte le innovazione e le tendenze per la Logistica interna

Condividi:

Uno sportello informativo per l’Industria 4.0

Uno sportello informativo per l’Industria 4.0

In fiera lo stand dell’Ordine degli Ingegneri per offrire un servizio alle aziende e ai colleghi che desiderano chiarimenti e perizia giurata per benefici fiscali


Inizia oggi SPS IPC Drivers Italia, il più importante evento fieristico delle tecnologie per l’Automazione il Digitale industriale. Fino al 24 maggio a Fiere di Parma verranno approfonditi temi quali Big Data e Analytics, Cyber Security, IIoT, AI, Software e tant’altro, grazie anche alla partecipazione dell’Ordine degli Ingegneri di Parma che ha organizzato due eventi sullo stato d’attuazione del Piano Industria 4.0., in collaborazione con il Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI), la Federazione Regionale Ordini Ingegneri Emilia Romagna (FedIngER), Consulta Regionale Ordini ingegneri Lombardia (CROIL) e il Comitato Italiano dell’Ingegneria dell’Informazione (C3I). Importanti novità, per la prima volta presso lo stand A031 (Pad. 5) è stato istituito uno Sportello Informazioni dove ingegneri specializzati nei emi Industria 4.0, appartenenti a numerosi ordini territoriali, forniranno un servizio di consulenza a tutti coloro che sono interessati a saperne di più sul processo di trasformazione e rilancio del mondo manifatturiero italiano.

Programma degli eventi

Mercoledì 23 maggio – ore 14.00, Sala Nocciola (Pad. 7)

PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E PERIZIE DI SISTEMI INDUSTRIA 4.0

Esempi concreti di realizzazioni di sistemi in ambito Industria 4.0 con testimonianze dirette di aziende industriali e manifatturiere che hanno già implementato progetti e investimenti in Industria 4.0. Analisi delle best practices e delle procedure da adottare per la gestione dei progetti in ambito Industria 4.0 e per l’esecuzione della perizia giurata.

Evento curato dalla Federazione Regionale Ordini Ingegneri Emilia Romagna (FedIngER)


Giovedì 24 maggio – ore 14.00, Sala Nocciola (Pad. 7)

IL PROCESSO DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI SISTEMI INDUSTRIA 4.0

Panoramica ed esempi implementativi di sistemi, applicazioni e tecnologie abilitanti per l’Industria 4.0. Case history e testimonianze dirette di aziende che stanno realizzato investimenti in Industria 4.0.

Evento curato dalla Consulta Regionale Ordini Ingegneri Lombardia (CROIL).

Source: Meccanica e Automazione
Uno sportello informativo per l’Industria 4.0

Condividi: