Alba Robot vince il premio Special Mention di UniCredit Start Lab

Alba Robot vince il premio Special Mention di UniCredit Start Lab

Alba Robot vince il premio Special Mention all’ottava edizione di UniCredit Start Lab. Una Commissione di esperti del settore digital ha valutato gli 11 migliori progetti di startup operanti nel mondo digitale nel 2021. Con il premio Special Mention Alba Robot sarà presente all’interno del programma di accelerazione con un coinvolgimento degli eventi
Startup Academy e Mentor Day.

Alba Robot si aggiudica il premio Special Mention dell’ottava edizione di UniCredit Start Lab, riconosciuta dalla Commissione dedicata al Digital che ha coinvolto imprenditori e manager di alcuni tra i principali player italiani e internazionali del settore, per essere la Startup italiana che ha ideato una piattaforma di mobilità aumentata che trasforma veicoli elettrici per il trasporto personale (ad es. carrozzine e mobility scooter per anziani e disabili) in veicoli autonomi ed intelligenti usando le migliori tecnologie di assistenza vocale, guida assistita, robotica e IoT.

UniCredit Start Lab, che nasce per sostenere i giovani imprenditori, l’innovazione e le nuove tecnologie, ha chiuso la call dell’ottava edizione il 20 aprile con 700 startup iscritte, che ha coinvolto 200 partner dell’ecosistema italiano dell’innovazione.
Alba Robot è stata selezionata tra i 10 migliori progetti per la piattaforma digitale – 10 selezioni di realtà per ciascuno dei 4 settori (Innovative Made in Italy, Digital, Clean Tech e Life Science).
Con il premio Special Mention Alba Robot sarà presente all’interno del programma di accelerazione con un coinvolgimento degli eventi Startup Academy, il programma di training manageriale avanzato destinato alle startup selezionate dall’edizione 2021 di UniCredit Start Lab e Mentor Day, dopo la pausa estiva.

“ALBA Robot nasce con lo scopo di rendere autonomi ed intelligenti i veicoli personali come carrozzine e mobility scooter. Il consolidamento e lo sviluppo continuo del prodotto devono andare di pari passo con lo sviluppo di relazioni che assicurino competenze e risorse per competere a livello internazionale e la collaborazione con UniCredit Start Lab va proprio in questa direzione.” Racconta Andrea Segato Bertaia  CEO & Co-Founder ALBA Robot alla Commissione Digital.

ALBA Robot è una società a portfolio Amazon e Techstars e ha stretto diverse partnership strategiche con Teoresi, società specializzata in ambito ingegneristico che fornisce a livello internazionale servizi di sviluppo tecnologico e systems integration per lo sviluppo e l’industrializzazione; con STMicroelectronics per lo sviluppo di componenti elettronici; con Dussmann per il go-to-market.

La roadmap prevede di validare la tecnologia all’interno di ospedali e aeroporti entro il 2021, e successivamente iniziare a commercializzare il servizio in Italia. Si prevede di consolidare la posizione di ALBA nel mercato italiano entro il 2022 ed entrare successivamente nei mercati internazionali (EU e US).

L’articolo Alba Robot vince il premio Special Mention di UniCredit Start Lab sembra essere il primo su Il Progettista Industriale.

Source: Attualita
Alba Robot vince il premio Special Mention di UniCredit Start Lab

Condividi:

L’anello termoelettrico che trasforma il corpo in una batteria

L’anello termoelettrico che trasforma il corpo in una batteria

Negli ultimi anni la tecnologia termoelettrica ha assunto diverse forme. Si è passati da sistemi più o meno ingombranti a piccoli dispostitivi integrabili nel vestiario e persino a vernici con la stessa capacità. Quale capacità? Quella di sfruttare differenze di temperatura per generare elettricità. Oggi i ricercatori dell’Università del Colorado Boulder hanno dato un ulteriore volto al termoelettrico, sviluppando un nuovo ed economico dispositivo indossabile che trasforma il corpo umano in una batteria biologica.

Il sistema è abbastanza elastico da poter essere indossato come un anello, un braccialetto o qualsiasi altro accessorio a contatto con la pelle. Inoltre, il suo funzionamento è estremamente semplice: grazie alla differenza di temperatura tra corpo e ambiente produce
energia.

In futuro, vogliamo essere in grado di alimentare la l’elettronica indossabile senza dover includere una batteria“, ha affermato Jianliang Xiao, professore associato presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica dell’ateneo statunitense.

Attualmente i dispositivi realizzati da Xiao e colleghi possono generare circa 1 volt per ogni centimetro quadrato di pelle coperta. Molto poco ma abbastanza, spiegano i ricercatori, per alimentare dispositivi elettronici come orologi o fitness tracker.

Gli scienziati hanno già sperimentato dispositivi simili, ma l’anello termoelettrico di Xiao è elastico, può auto-ripararsi se danneggiato ed è completamente riciclabile, rendendolo un’alternativa più pulita all’elettronica tradizionale.

Ogni volta che usi una pila, la stai scaricando e alla fine dovrai sostituirla. La cosa bella del nostro dispositivo termoelettrico è che puoi indossarlo e ti fornisce energia costante”, ha aggiunto lo scienziato.

I lavori di Xiao

Il progetto non è il primo tentativo di Xiao di fondere uomo e tecnologia. Con il suo team ha già sperimentato la realizzazione di una pelle elettronica, dispositivo indossabile che assomiglia e si comporta in modo molto simile alla vera pelle umana. Con l’unica grande differenze che quell’epidermide artificiale deve essere collegata a una fonte di alimentazione esterna per funzionare.

L’articolo L’anello termoelettrico che trasforma il corpo in una batteria sembra essere il primo su Meccanica News.


Source: Stampi
L’anello termoelettrico che trasforma il corpo in una batteria

Condividi:

Gefran – Paolo Butti assume la carica di Group Chief Sales Officer & General Manager Sensor Division

Gefran – Paolo Butti assume la carica di Group Chief Sales Officer & General Manager Sensor Division

Gefran è lieta di annunciare l’ingresso nel Gruppo di Paolo Butti, che contribuirà a definirne i driver strategici, assumendo la duplice carica di Chief Sales Officer & General Manager della Business Unit Sensori.

A seguito della laurea in Ingegneria Elettronica presso il Politecnico di Milano e del PhD in Radiocomunicazioni conseguito all’Università di Bologna, Paolo Butti svolge ruoli di R&D ed Innovazione in ambito automotive, lavorando per Magneti Marelli, Delphi e Visteon tra Italia, India e Cina. Successivamente ricopre ruoli strategici ed internazionali in ambito di project management, operations, business development e sales presso Comau e Rockwell Automation.

In qualità di Chief Sales Officer, Paolo Butti guiderà il piano strategico di sviluppo commerciale del Gruppo, con l’obiettivo di valorizzare l’identità del brand, crescere nei diversi mercati geografici ed espandere le quote di mercato, anche attraverso la definizione di nuove applicazioni industriali.

Nella funzione di General Manager della Divisione Sensori, avrà un duplice obiettivo: amplificare il valore del portafoglio prodotti esistente, in sinergia con l’innovazione dei nuovi contenuti tecnologici disponibili e incrementare, al contempo, il valore dell’unità di business, attraverso l’evoluzione dell’accesso al mercato, l’adozione dei principi dello smart manufacturing e l’implementazione di iniziative digitali.

È per me un grande onore entrare a far parte del team Gefran, composto da manager di grande esperienza, competenza ed entusiasmo che si affiancano ad una family presence partecipativa, portatrice di una storia di successo e di un Purpose ambizioso” commenta Paolo Butti che continua “Assumere la duplice carica di Chief Sales Officer & General Manager Sensori rappresenta una sfida che intraprendo con entusiasmo per contribuire, con la mia esperienza, al raggiungimento degli ambiziosi obiettivi stabiliti per i prossimi anni. Il business, infatti, sta registrando una forte ripresa ed è fondamentale saper cogliere ogni opportunità, superando la nostra comfort zone” e conclude “Ringrazio per la calda accoglienza, che mi ha permesso di vivere fin da subito il family feeling che permea l’Azienda”.

Siamo lieti di dare il benvenuto a Paolo Butti nella nostra organizzazione, certi che le sue competenze consentiranno di rafforzare ulteriormente il legame e la collaborazione con i nostri clienti nel mondo” dichiara Marcello Perini, Amministratore Delegato di Gefran, che conclude “Questa nomina rappresenta un segnale della volontà di Gefran di rispondere a nuovi stimoli tecnologici e di mercato, rimanendo fedeli ai nostri tratti distintivi: competenza al servizio dei clienti, integrazione verticale e innovazione.”

Source: Meccanica e Automazione
Gefran – Paolo Butti assume la carica di Group Chief Sales Officer & General Manager Sensor Division

Condividi:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi